VILLA STEFANIA: SI AFFIEVOLISCONO LE SPERANZE DI BLOCCARE I TRASFERIMENTI

Array

Ieri sera c’è stato l’incontro tra il Vescovo e i Sindaci dell’Isola per discutere dei trasferimenti delle strutture sanitarie a Villa Stefania. Nel corso dell’incontro si è fatto il punto della situazione e il Vescovo ha ribadito il proprio impegno per difendere le istanze dei cittadini più deboli: i pazienti di Villa Orizzonte che continuano a chiedere di non essere trasferiti. Ma purtroppo, sembra che ad oggi i margini di intervento nella questione siano quasi nulli. La Asl Napoli 2 ha, infatti, chiuso il contratto con la struttura di Casamicciola nel 2012 e da allora, oltre a pagare il canone di locazione, ha effettuato all’interno diversi lavori di ristrutturazione, investendo in complesso circa 500mila euro. A questo punto, quindi, sembra veramente impossibile che il Direttore Ferraro possa decidere di compiere un passo indietro ed accogliere le richieste dei pazienti, degli amministratori isolani e degli ischitani tutti. Anche la disponibilità della proprietà di Villa Orizzonte di abbassare il canone di locazione annuo dell’immobile di Barano – da quello attuale, che sembrerebbe ammontare a circa 100mila euro a 60 mila euro – pare destinata a cadere nel vuoto. Ormai l’unica speranza di bloccare l’attività di Villa Stefania è riposta nel sindaco di Casamicciola, Giovan Battista Castagna, che potrebbe decidere di far rispettare l’ordinanza di sgombero e di cessazione dell’attività sanitaria nei confronti della struttura – adottata pochi giorni fa. Ma anche questa soluzione non sarebbe priva di effetti collaterali di rilevante entità. Non bisogna, infatti, dimenticare che ormai il presidio di Ischia ha già cessato completamente la propria attività, mentre a Villa Orizzonte è quasi completato il trasloco. La chiusura della struttura di Casamiciola, quindi, significherebbe la chiusura dell’unico presidio attualmente attivo sull’Isola, il che potrebbe comportarevil l’inevitabile trasferimento delle attività che ora vi si svolgono a Pozzuoli. A questo punto, purtroppo, sembra che per gli ischitani non resti che scegliere tra due mali, quello che giudicano il minore.

Le ultime notizie

Botte per debiti di droga, 11 misure cautelari

ROMA (ITALPRESS) – Nelle province di Roma, Viterbo e...

Italia-Cina, riparte da Milano la crescita dell’interscambio

MILANO (ITALPRESS) – Le ragioni dell’amicizia e dell’interscambio commerciale...

Ismett, 3 parti in meno di 3 settimane con la circolazione extracorporea

PALERMO (ITALPRESS) – Si chiamano Ariel, Giuseppe e Giorgia...

Piano Neve 2023/24 dell’Anas, oltre 12.000 interventi in tutta Italia

ROMA (ITALPRESS) – Si è concluso oggi il piano...

Newsletter

Continua a leggere

Botte per debiti di droga, 11 misure cautelari

ROMA (ITALPRESS) – Nelle province di Roma, Viterbo e...

Italia-Cina, riparte da Milano la crescita dell’interscambio

MILANO (ITALPRESS) – Le ragioni dell’amicizia e dell’interscambio commerciale...

Ismett, 3 parti in meno di 3 settimane con la circolazione extracorporea

PALERMO (ITALPRESS) – Si chiamano Ariel, Giuseppe e Giorgia...

Piano Neve 2023/24 dell’Anas, oltre 12.000 interventi in tutta Italia

ROMA (ITALPRESS) – Si è concluso oggi il piano...

Iran, Raisi minaccia una risposta ampia e dolorosa a qualsiasi attacco

ROMA (ITALPRESS) – Il presidente iraniano Ebrahim Raisi minaccia...

Botte per debiti di droga, 11 misure cautelari

ROMA (ITALPRESS) – Nelle province di Roma, Viterbo e Frosinone, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Roma e gli agenti della...

Italia-Cina, riparte da Milano la crescita dell’interscambio

MILANO (ITALPRESS) – Le ragioni dell’amicizia e dell’interscambio commerciale tra Italia e Cina sono più forti di qualunque difficoltà contingente: è il messaggio che...

Ismett, 3 parti in meno di 3 settimane con la circolazione extracorporea

PALERMO (ITALPRESS) – Si chiamano Ariel, Giuseppe e Giorgia e sono tre bellissimi bambini tutti e tre nati presso la sala operatoria di ISMETT-UPMC,...

3376 COMMENTS