LEGA PRO UNICA: SE SARA’ GIRONE DEL SUD, SARA’ UN GIRONE DI FUOCO.

Tutto pronto. Andiamo a dare uno sguardo a cosa può accadere se i gironi di Lega Pro Unica verranno stabiliti in base alla posizione geografica. Dopo la riforma dei campionati, al nastro di partenza si presentano quasi tutte le 60 squadre che andranno a contendersi il primo campionato di Lega Pro Unica della storia. Quasi tutte appunto, aspettando le finali playoff e playout, e la risoluzione dei vari problemi societari che puntualmente colpiscono molte delle società calcistiche italiane, soprattutto nelle serie minori. A detta degli esperti, questo nuovo campionato può essere paragonato quanto meno ad una “seconda” Serie B. Infatti, andando a scorgere la rosa delle papabili 60 squadre, si trovano società importanti, con giocatori, storia e stadi importanti. Squadre che hanno fatto la storia del nostro calcio e che nella decade degli anni 90´ godevano di palcoscenici molto più importanti. Per le società neo-promosse dalla Seconda Divisione e dalla Serie D, le difficoltà sono ancora maggiori. Molte di queste squadre al fine di ottenere la tanto auspicata promozione hanno affrontato un campionato con notevoli sacrifici economici. Discorso diverso, invece, per chi già occupava un posto al sole nella Prima Divisione, torneo sprovvisto di retroccesioni, in cui molte società hanno preferito tirare i remi in barca, puntando sul settore giovanile e alla valorizzazione degli stessi ragazzi, cercando di massimizzare gli introiti quanto più possibile in vista di questo nuovo campionato dalla formula tutta particolare. Per forza di cose, quindi, sarà un campionato quanto mai agguerrito. Molto probabilmente per la formulazione dei gironi, l´Italia sarà suddivisa nelle tre grandi fasce di Nord, Centro e Sud: A Cosenza, Messina e Casertana, le due corazzate retrocesse dalla serie B quali Juve Stabia e Reggina, e l´armata biancoazzurra del Matera, forte di un campionato di vertice tra i dilettanti devono aggiungersi le squadre che già albergavano nell´ “Hotel Lega Pro”, quali Benevento, Catanzaro, Salernitana, Barletta, Paganese, ed una tra Frosinone e Lecce. Un girone difficile, per una nuova realtà, non tanto a livello di storia e tradizione, quanto a livello societario.

fonte: colpoditaccoweb.it – Domenico Perna

Le ultime notizie

GDF NAPOLI. INIZIATIVE PER IL SOCIALE, DEVOLUTI BENI DI PRIMA NECESSITÀ A SOSTEGNO DELLE FASCE PIÙ DEBOLI.

Proseguono le iniziative sociali del Comando Provinciale della Guardia...

LINEA DI CONFINE. LA TRAGEDIA MUTA DEGLI INVISIBILI DI ISCHIA ALLE 19.00

Saranno, Loredana, Vito, Ruben, i protagonisti della nuova puntata...

La Roma conferma De Rossi “Resta con noi”

ROMA (ITALPRESS) – A poche ore da una partita...

Newsletter

Continua a leggere

GDF NAPOLI. INIZIATIVE PER IL SOCIALE, DEVOLUTI BENI DI PRIMA NECESSITÀ A SOSTEGNO DELLE FASCE PIÙ DEBOLI.

Proseguono le iniziative sociali del Comando Provinciale della Guardia...

LINEA DI CONFINE. LA TRAGEDIA MUTA DEGLI INVISIBILI DI ISCHIA ALLE 19.00

Saranno, Loredana, Vito, Ruben, i protagonisti della nuova puntata...

La Roma conferma De Rossi “Resta con noi”

ROMA (ITALPRESS) – A poche ore da una partita...

Alpitour World, Catiello “Attenzione alle persone e innovazione”

MILANO (ITALPRESS) – Alpitour World si è classificata all’ottavo...

NAPOLI. ALLA MOSTRA D’OLTREMARE LA PRIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL BUSINESS

Tutto pronto per la prima edizione del Festival del Business, che avrà luogo alla Mostra d’Oltremare di Napoli il prossimo 22 marzo 2024 dalle...