LACCO AMENO. GIACOMO PASCALE SCRIVE AI CITTADINI: RISORGEREMO!

Lettera aperta ai concittadini di Lacco Ameno dal sindaco Giacomo Pascale.
In questa giornata di commemorazione sono animato da tante considerazioni, più che come Sindaco di Lacco Ameno, come figlio di questa terra, bella e fragile allo stesso tempo.
Ad un anno dal terremoto che si è portato via la vita di due donne, distruggendo per molti, insieme alle case, la speranza di un futuro per se stessi e i propri figli, rifletto e dico che è vero, che in questi anni ci sono stati terremoti più gravi in Italia, con tanti morti e interi paesi rasi al suolo. Ma solo chi ha sentito la terra sussultare e le case cadere, può sapere che in ogni terremoto si ripete il dramma di chi in pochi istanti si sente perduto.
I pensieri si rincorrono frenetici e il cuore batte a mille! Ad un anno dal sisma, tra veglia e incubo, mi sembra di sentire ancora, realistico e continuo, il fortissimo boato del terremoto che ha squarciato Lacco Ameno, Casamicciola e Forio, smarrisco nel buio del black out improvviso, il sottofondo delle grida di donne, uomini e bambini è assordante …. Devo accertarmi che la mia famiglia sia al sicuro … non solo mia moglie e i miei figli … Sono il Sindaco! La mia famiglia sono gli abitanti di Lacco Ameno, tra i quali realizzo di essere non tanto il primo cittadino, quanto soprattutto il pater familiae, il responsabile! Mentre i turisti scappano, inesorabilmente spaventati dalla terra che trema, seppur per pochi secondi, corro in piazza tra la gente, mi precipito all’Ospedale, mi affretto a raggiungere piazza Fango e gli abitanti della contrada collinare, che apprendo subito essere i più colpiti da una tragedia immane: il rischio per la vita, la perdita della casa, il crollo della struttura dove stavano lavorando sino a poco prima! Il buio e la desolazione ammantano le pendici dell’Epomeo: edifici completamente crollati o seriamente danneggiati, un territorio sfigurato, chi riesce si riversa su strade e piazze che stenta a riconoscere! Ma non tutti ne usciranno vivi! Non tutti possono da soli trovare riparo lontano dalle macerie!
Parte la macchina dei soccorsi! Il Comandante dei Vigili e gli agenti, gli assessori, i consiglieri, i tecnici comunali, gli amici, i ragazzi del servizio civile … tutti subito dove più occorre ad aiutare i più sfortunati! Ecco il suono delle sirene, le ambulanze, le Forze dell’Ordine, gli elicotteri, e una schiera di angeli pronti a perdere la vita per salvare quella altrui: arrivano da tutta Ischia, da tutta la Campania, da tutta Italia … vigili del fuoco, operatori della Protezione Civile, medici, infermieri, volontari … persone speciali, animate da una forza e da un amore per il prossimo inaspettati! Ho conosciuto donne e uomini veri, animati da sentimenti e valori sinceri e profondi, messi al servizio dello Stato e della popolazione!
Io non ero preparato! Ma immediatamente il senso di responsabilità è cresciuto in me, smisuratamente, una notte di un anno fa, e mi ha cambiato per sempre! Ho coltivato per una vita il sogno di poter rappresentare la mia comunità, non avrei mai creduto di farlo nelle condizioni più difficili, fronteggiando i tanti gravi problemi che si presentano all’indomani di un evento sismico che per quanto contenuto ha prodotto molti danni e leso l’intera isola.
Questa esperienza la porto dentro come una ferita indelebile, ma anche come un monito a fare sempre il massimo e a superarmi! Davanti a me e alla amministrazione che mi supporta un obiettivo precipuo e  una inesauribile speranza: alleviare le sofferenze e i disagi di chi insieme alla casa ha perso le proprie abitudini più care, il luoghi familiari, il senso di comunità!
Ogni giorno, ogni notte, da un anno a questa parte, il mio primo e costante pensiero è impegnarmi senza tregua per operare le scelte giuste in favore della popolazione, di quella di Lacco Ameno, ma anche quella di Casamicciola, di Forio e dell’intera isola d’Ischia. Il ruolo che rivesto mi ha imposto di anteporre a tutto il resto la necessità di trovare motivazioni, forze e idee adeguate non tanto per  riportare l’isola e i suoi abitanti alla situazione antecedente al sisma, ma di migliorare quanto più è possibile le condizioni di vita della nostra popolazione e garantirle un futuro sereno e un territorio sicuro! Ho dovuto conseguentemente cambiare vita, riformulare l’ordine delle priorità tanto nel privato, quanto nel pubblico, sconvolgendo i ritmi dell’amministrazione comunale nel tentativo di renderli quanto mai accelerati ed immediati!
Ripercorro con la memoria, come spesso mi accade, l’intera fase dell’emergenza ancora in corso …. Unitamente al mio staff di collaboratori, tecnici, consulenti, molti dei quali a titolo gratuito, mi sono adoperato per aprire le strade sommerse dalle macerie, per la messa in sicurezza degli immobili, per far rientrare a casa tempestivamente quante più famiglie possibili, ho supportato privati e imprese locali! Ho firmato tanti atti in urgenza, da solo innanzi ai fogli su cui erano stampati i provvedimenti da adottare, nel dubbio continuo se la decisione assunta fosse quella più corrispondente ai bisogni della cittadinanza colpita da un evento calamitoso che non si aspettava e che l’ha piegata, senza spezzarla!
In particolare, per ripartire abbiamo scelto le Scuole. È lì che si formano i nostri piccoli cittadini, e ciò che abbiamo di più caro: i bambini, anticipo di storia futura della nostra comunità. Con la collaborazione del Capo Dipartimento della Protezione civile, dott. Angelo Borrelli, e del Commissario per l’emergenza, arch. Giuseppe Grimaldi, con l’aiuto dei Dirigenti Scolastici, anche i bambini e gli studenti di Lacco Ameno sono ritornati a scuola a casa loro, purtroppo in doppi turni, lasciando in un mese gli istituti di altri Comuni che ringrazio per aver supportato tanti disagi anche per le famiglie non direttamente interessate dal terremoto.
Confido che con il rinnovato impegno del dott. Borrelli e del MIUR si riescano a svincolare le risorse per ripristinare quanto prima l’agibilità del plesso scolastico storico di Principe di Piemonte, e, nel contempo, con il supporto del Sindaco della Città Metropolitana di Napoli, dott. Luigi De Magistris, e il Consigliere delegato, avv. Domenico Marrazzo, a recuperare la disponibilità dell’edificio di via Provinciale Lacco Fango: solo in tal modo si potrà uscire dalla emergenza doppi turni a Lacco Ameno!
Ho sicuramente commesso degli errori, tanti ne commetterò, ma non mi arrenderò e non mi rassegnerò finché avrò vigore e ruolo, e continuerò ad agire quale Sindaco nella consapevolezza di lavorare incessantemente nell’interesse di una comunità in ginocchio! Sicuramente potevo fare meglio! Sicuramente potevo fare di più! Un Sindaco può realizzare tanto, ma non tutto! Soprattutto ho bisogno del sostegno della comunità che rappresento! Credo che insieme possiamo e dobbiamo farcela! Io ci sono e chiedo alla mia cittadinanza fiducia e appoggio finchè rivestirò la carica di Primo cittadino! Fiducia nelle Istituzioni, come ne ho avuta io sin dal primo momento!
Mi è capitato di essere il Sindaco durante la fase emergenziale del terremoto! E non ho alcuna intenzione di mollare. Continuerò a fare per intero la mia parte. E se non dovesse bastare chiederò aiuto come ho sempre fatto. Ai Ministeri, alla Regione, alla Città Metropolitana, dovunque ci sarà da bussare, busserò. Farò anticamera. Chiederò e chiederò ancora.
Se lavoriamo insieme, Lacco Ameno e Casamicciola si rialzeranno. Il Fango, il Maio, le zone più colpite risorgeranno!

Le ultime notizie

Netanyahu “A Gaza guerra di civiltà”

ROMA (ITALPRESS) – “Se si permette al terrorismo di...

Foggia, evasione fiscale nel settore dei giochi. Sottratti oltre 14 mln

FOGGIA (ITALPRESS) – I Finanzieri della Tenenza di Vieste...

Bce, ripresa meglio del previsto grazie alle famiglie

ROMA (ITALPRESS) – La ripresa registrata dall’economia dell’area dell’euro...

Anas, certificazione di qualità su ambiente, salute e sicurezza

ROMA (ITALPRESS) – Concluso il percorso con l’ente RINA,...

Newsletter

Continua a leggere

Netanyahu “A Gaza guerra di civiltà”

ROMA (ITALPRESS) – “Se si permette al terrorismo di...

Foggia, evasione fiscale nel settore dei giochi. Sottratti oltre 14 mln

FOGGIA (ITALPRESS) – I Finanzieri della Tenenza di Vieste...

Bce, ripresa meglio del previsto grazie alle famiglie

ROMA (ITALPRESS) – La ripresa registrata dall’economia dell’area dell’euro...

Anas, certificazione di qualità su ambiente, salute e sicurezza

ROMA (ITALPRESS) – Concluso il percorso con l’ente RINA,...

Performance sociosanitarie delle Regioni, Italia divisa in due

ROMA (ITALPRESS) – Performance regionali: Veneto, Piemonte, Bolzano e...

TORRI IN FESTA TORRI IN LUCE 2024. PICA CIAMARRA: “L’ACQUA E’ FONTE DI VITA” (SERVIZIO TG)

https://www.youtube.com/watch?v=ClymLCfds00&ab_channel=teleischiatv