ISCHIA: PIOVE AL POLIFUNZIONALE, INTERDETTA UN’AULA DEL LICEO

Infiltrazioni di acqua, caduta di calcinacci e allagamenti causati dai mancati interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione che non vengono effettuati nonostante gli insistenti solleciti di intervento rivolti dalla scuola alla Città Metropolitana e al Comune di Ischia, creano quotidianamente problemi alla popolazione scolastica mentre l’ascensore è stato inibito dall’ASL per gli allagamenti che si verificano al piano terra e gli studenti costretti sulla sedia a rotelle per raggiungere la palestra vengono portati in braccio dagli operatori scolastici

Ultimamente presso il polifunzionale di Ischia non c’è proprio pace per la popolazione scolastica del Liceo. Infatti come se non bastasse la sciagura dei doppi turni a cui sono costretti gli studenti per il mancato acquisto da parte della Città Metropolitana di un’ulteriore ala dello stabile di via Morgioni, nei giorni scorsi un’aula dell’ultimo piano è stata interdetta all’utilizzo per le copiose infiltrazioni di acqua piovana che ne hanno interessato il soffitto. La cosa incredibile è rappresentata dal fatto che nella primavera del 2017, proprio sul tetto dell’aula inibita in questi giorni e su quello delle altre in cui si verificano le infiltrazioni meteoriche, era stato effettuato il rifacimento delle guaine bituminose. A questo punto quello che ci chiediamo è questo: com’è possibile che a pochissimi mesi di distanza dai lavori di impermeabilizzazione del tetto, nelle aule continuino a verificarsi le infiltrazioni? Una domanda, questa, che rivolgiamo pubblicamente alle istituzioni interessate da cui ci aspettiamo le dovute risposte. Ma quello delle infiltrazioni è solo uno dei tanti problemi con cui quotidianamente devono fare i conti i liceali. Infatti i tondini di ferro arrugginito che fuoriescono dai solai e dalle facciate esterne della scuola evidenziano il pericolo di una possibile caduta di calcinacci soprattutto nella scala di sicurezza esterna dove in più punti si nota il distacco dell’intonaco. Ma non è tutto. Infatti quando piove con maggiore insistenza l’area esterna del piano terra diventa un vero e proprio lago dove l’acqua ristagna per giorni: da non credere! E la cosa più grave è rappresentata dal fatto che ad allagarsi è anche la zona dove gli studenti dovrebbero sostare in caso di evacuazione e quella dove si trovano una serie di manufatti impiantistici a servizio della scuola: incredibile! Allagamenti a cui si metterebbe fine con la semplice installazione di pompe sommerse nella vasca di raccolta. Si tratta di una lavoro che dovrebbe eseguire il Comune di Ischia ma su questo argomento così come per anni ha fatto l’ex amministrazione guidata da Giosi Ferrandino, anche gli attuali amministratori  continuano a fare orecchio da mercante.

 E come se non bastasse, ad allagarsi è anche la fossa dell’ascensore che per questo nell’ottobre del 2016 è stato dichiarato inagibile dall’ASL Napoli 2 con la drammatica conseguenza che gli studenti costretti a spostarsi sulla sedia a rotelle per raggiungere la palestra vengono portati in braccio dagli operatori scolastici: che vergogna! Ma come può uno Stato come quello italiano che si definisce civile e democratico tollerare, all’interno di una scuola, l’umiliazione del diritto alla mobilità di studenti diversamente abili per l’inagibilità di un ascensore? Cosa aspetta l’amministrazione del Sindaco Enzo Ferrandino a mettere fine agli allagamenti che lo rendono inutilizzabile? Cosa si aspetta all’interno del liceo ischitano a garantire il pieno diritto alla mobilità dei ragazzi in carrozzina? Cosa si aspetta a mettere fine a questa intollerabile e disumana vergogna sociale? Intanto ogni anno i rappresentanti del Liceo vengono convocati dalla Città Metropolitana a partecipare ad una conferenza in cui, tra l’altro, si discute anche delle problematiche connesse all’edilizia scolastica. E a questo punto l’interrogativo è d’obbligo. Ma a cosa servono queste conferenze se poi per anni nelle nostre scuole vengono negati anche i più elementari interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione? Sindaco della Città metropolitana Luigi De Magistris, quando metterete finalmente in essere i dovuti interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione presso il nostro Liceo? Sindaco di Ischia Enzo Ferrandino, quando metterete fine agli assurdi allagamenti che non consentono l’utilizzo dell’ascensore del liceo la qual cosa penalizza vergognosamente il diritto alla mobilità degli studenti costretti a muoversi in carrozzina?

di Gennaro Savio

Le ultime notizie

GUARDA IN TV. ALLE 19.00 IN DIRETTA SANTA MESSA DALLA CHIESA DEL BUONCONSIGLIO A CASAMICCIOLA

Questa sera alle ore 19.00 Teleischia trasmetterà in tv...

Il Prescelto: Lamine Yamal, 16 anni e un futuro da star

PALERMO (ITALPRESS) - Non ha dovuto scegliere fra...

Anas, certificazione di qualità per tre norme internazionali

ROMA (ITALPRESS) - Ambiente, salute e sicurezza stradale....

Meloni “Concretezza tratto distintivo piano Mattei”

ROMA (ITALPRESS) - "Ciò che distingue il piano...

Newsletter

Continua a leggere

GUARDA IN TV. ALLE 19.00 IN DIRETTA SANTA MESSA DALLA CHIESA DEL BUONCONSIGLIO A CASAMICCIOLA

Questa sera alle ore 19.00 Teleischia trasmetterà in tv...

Il Prescelto: Lamine Yamal, 16 anni e un futuro da star

PALERMO (ITALPRESS) - Non ha dovuto scegliere fra...

Anas, certificazione di qualità per tre norme internazionali

ROMA (ITALPRESS) - Ambiente, salute e sicurezza stradale....

Meloni “Concretezza tratto distintivo piano Mattei”

ROMA (ITALPRESS) - "Ciò che distingue il piano...

Errigo “Stanca ma felicissima, finalmente ho vinto”

BASILEA (SVIZZERA) (ITALPRESS) - “Fantastico vincere dopo le...

GUARDA IN TV. ALLE 19.00 IN DIRETTA SANTA MESSA DALLA CHIESA DEL BUONCONSIGLIO A CASAMICCIOLA

Questa sera alle ore 19.00 Teleischia trasmetterà in tv e sul web la Santa Messa in diretta dalla chiesa di Santa Maria madre del...

LACCO AMENO. DUE “PANI” DI GAMBERO ROSSO PER IL FORNO ROMEO

Il forno Romeo di Lacco Ameno entra nella guida di Gambero Rosso. La popolare guida gastronomica italiana, nella sua versione “Pane e Panettieri d’Italia...