ISCHIA. MISTERO E DOLORE AVVOLGONO LA MORTE DI ANTONELLA DI MASSA

Venerdì si è svolta l’autopsia sul corpo di Antonella di Massa ha gettato luce su una tragedia che ha sconvolto la tranquilla comunità ischitana. La fragilità che avvolge le ultime giornate della povera Antonella richiede ora la pazienza di aspettare i risultati dei test tossicologici, il cui completamento richiederà diverse settimane.

La comunità di Ischia si è stretta attorno alla famiglia della cinquantunenne ieri con una toccante fiaccolata, oggi pomeriggio si svolgeranno i funerali, organizzati subito dopo il dissequestro della salma. Tuttavia, il mistero continua a circondare la sua morte.

Dagli inquirenti emergono solo pochi dettagli, tra cui la presenza di ematomi sul corpo di Antonella, compatibili con urti accidentali. Non vi sono segni evidenti di lesioni da arma da taglio o da fuoco, ma la presenza di una bottiglia di plastica contenente antigelo per auto, la busta nera, il giallo della cordicella di gomma aggiunge un elemento inquietante, alimentando sospetti sulla possibilità di suicidio.

Il biglietto trovato nella sua casa, che trasmetteva un senso di agitazione, è un altro elemento che non può essere trascurato. Antonella, nota per la sua personalità solare e generosa, non aveva mai manifestato segni di crisi depressive così gravi da giustificare il suo allontanamento.

La domanda cruciale rimane: perché si è diretta verso Serrara Fontana, in particolare verso la frazione di Succhivo, dove è stata ritrovata morta? Forse aveva un appuntamento o forse stava cercando un luogo lontano da casa, dove nessuno la conoscesse bene. Antonella conosceva bene la zona, essendo stata coinvolta in eventi organizzati dalla Pro Loco e frequentando il viottolo lungo il percorso dove è stato ritrovato il suo corpo.

Questi dettagli, tuttavia, sollevano più domande che risposte. Cosa ha spinto Antonella, una donna tanto amata e apprezzata, verso il tragico destino che l’ha attesa a Succhivo? Solo il tempo e ulteriori indagini potranno svelare la verità dietro questo oscuro enigma che ha scosso l’isola di Ischia.

Le ultime notizie

Newsletter

Continua a leggere

CAPRI. INCIDENTE BUS, “AUTISTA SBALZATO E SCHIACCIATO”

Potrebbe essere morto a causa delle gravi ferite riportate dopo essere stato schiacciato dal bus che stava guidando Emanuele Melillo, il conducente del bus...