IERI PRESENTAZIONE DELLA LISTA PER CASAMICCIOLA, CANDIDATO SINDACO CASTAGNA

Discorso dell’ing. Giovan Battista Castagna alla presentazione

LA SVOLTA PER CASAMICCIOLA

ufficiale della lista “Per Casamicciola”

E’ POSSIBILE

Cittadini casamicciolesi e amici, sono onorato e lusingato di avervi qui, stasera, al

battesimo ufficiale della lista “Per Casamicciola”, che mi vede quale candidato a

sindaco.

Casamicciola Terme si prepara ad affrontare un voto che sarà decisivo per il suo e

per il nostro futuro. Mai come stavolta siamo davanti ad uno spartiacque: se falliremo

quest’occasione potrebbero non esserci più altre possibilità per sollevarci.

Il nostro paese è ormai diventato la Cenerentola dell’isola d’Ischia: noi, che siamo

stati il primo nucleo turistico nella storia locale! Noi, che abbiamo inventato il

termalismo moderno, rivolto non solo alle classi più benestanti, ma addirittura ai

poveri! I casamicciolesi sono un popolo laborioso che è stato capace di risollevarsi

da due disastrosi terremoti e da due alluvioni ma che, evidentemente, non ha più una

guida politica che indichi la strada per la rinascita.

Eppure questa rinascita è possibile. Casamicciola può riuscirci. Un altro mondo è

possibile. Io lo so e già lo intravedo: e so come fare per risollevare questo paese.

Ma ho bisogno che i miei concittadini ci credano e mi diano il potere per farlo: non

solo scegliendo di dare fiducia alla lista “Per Casamicciola”, ma continuando, dopo,

ad aiutarmi ed a starmi vicino, per individuare, focalizzare e risolvere i problemi

del paese. Nel contempo io darò sempre ascolto alla voce dei miei concittadini,

esponendo loro quanto vado facendo.

Quindi, due saranno le caratteristiche della mia azione politica quale sindaco:

trasparenza e vicinanza al cittadino. Il modello dell’uomo solo al comando non

funziona più: le circostanze sono così gravi da richiedere la partecipazione di tutti.

Casamicciolesi! Finora vi è stato chiesto solo di sacrificarvi a livello fiscale: le tasse

di Casamicciola sono tra le più alte d’Italia. Pensate che nella classifica dell’IMU più

cara d’Italia Casamicciola figura al sesto posto nazionale ed al secondo in Campania!

Vi rendete conto?! Questo è uno dei più importanti lasciti dell’amministrazione

uscente. Complimenti! Ne sentivamo proprio il bisogno!

Trovare un Comune in difficoltà finanziarie e cercare di uscirne licenziando i

dipendenti di Marina di Casamicciola, abbassando lo stipendio agli altri ed alzando

tutte le tasse al massimo è facile! Che ci vuole, lo sanno fare tutti! Da questo punto

di vista avere un dottore commercialista quale sindaco è stato il massimo: taglio

qui, alzo là… E tuttavia nemmeno è riuscito a realizzare alcun risultato utile. Siamo

sprofondati ancor di più nella paralisi amministrativa: un’amministrazione che non ha

fatto praticamente nulla, ma che in compenso ci ha ammazzato di tasse!

È vero: c’è una crisi che è mondiale, italiana ed anche dell’isola d’Ischia. Noi stiamo

forse anche peggio, perché già venivamo da una crisi del comparto turistico e,

soprattutto, del “prodotto Ischia”. Quindi le difficoltà si sono sommate le une alle

altre. Tuttavia amministrare non può significare limitarsi a gestire la quotidianità, ma

deve spingersi a rilanciare le ambizioni di una comunità. Soffocati nel grigiore dei

problemi di ogni giorno abbiamo dimenticato che vivere significa avere la capacità di

progettare, la voglia di sognare, l’ambizione di migliorare ed il coraggio di provarci.

Noi della lista “Per Casamicciola” abbiamo queste caratteristiche.

Mi sono circondato di persone di grande esperienza, che sanno come funziona la

macchina amministrativa e, in alcuni casi, sono addirittura una sorta di memoria

storica del paese.

Noi vogliamo scuotere fortemente la vita economica di Casamicciola, venendo

incontro ai problemi della gente, mettendo a punto iniziative su più fronti, nella

massima trasparenza e vicinanza ai cittadini.

Il Comune non sarà mai più una torre d’avorio, chiusa e inaccessibile: sarà una casa

di vetro, dove innanzitutto il sindaco, e poi tutti gli assessori ed i consiglieri comunali

di maggioranza, saranno sempre disponibili ad incontrare i casamicciolesi e ad

ascoltarli, spiegando la propria azione amministrativa.

Il nostro programma è ambizioso, e non è possibile ripercorrerlo tutto in questo

discorso: forse non è neanche realizzabile nel giro di soli cinque anni. Però dobbiamo

capire che se ci facciamo sfuggire questa opportunità, se non cominciamo davvero a

lavorare seriamente, la situazione potrebbe oltrepassare il punto di non ritorno.

Vi posso però, in estrema sintesi, dire quello che farò nei classici “primi cento giorni”

dal mio insediamento.

Innanzitutto partirò subito con la giunta entro il minor tempo possibile, cosicché sia

chiaro a tutti chi è assegnato a fare che cosa.

Poi curerò subito l’estetica cittadina, recuperando la fontana di Piazza Marina,

riqualificando le aree verdi ed i giardini pubblici, sistemando le strade e

l’illuminazione pubblica. Farò aprire un ufficio per i turisti in Piazza Marina e

verificherò il funzionamento del servizio dei taxi e microtaxi. Farò ripulire tutte le

griglie per il deflusso dell’acqua piovana. Riqualificherò interamente il cimitero.

Recupererò e risanerò l’immobile del “Capricho de Calise”, oggi abbandonato e

vandalizzato. Il Comune lo gestirà in proprio o lo affiderà ad un privato con forti

garanzie per l’ente pubblico.

Quindi predisporrò gli atti per la mensa scolastica ed il servizio di scuola-bus, così da

essere pronti per l’inizio del nuovo anno scolastico.

Sarà approntata la possibilità di rateizzare e posporre il pagamento delle tasse locali

per i cittadini in difficoltà.

E poi fisserò nuovi orari di apertura al pubblico degli uffici comunali, prevedendo

ampie possibilità di ricevimento dei cittadini da parte del sindaco e dei consiglieri

comunali. In linea di massima la porta del mio ufficio sarà sempre aperta a tutti.

Verificherò la situazione finanziaria del Comune, dell’AMCA e di Marina di

Casamicciola; per quest’ultima mi impegno a revocarne la messa in liquidazione, se

sarà possibile.

Verificherò anche lo stato del contenzioso e dei lavori pubblici.

Tutto ciò che farò sarà fatto di concerto con i casamicciolesi, e sarò sempre

disponibile ad ascoltare richieste e suggerimenti.

Sono tutte cose perfettamente fattibili: ed onestamente non capisco come sia possibile

che Casamicciola si sia ridotta al punto in cui si trova.

Siamo arrivati ad un livello di degrado che, per me, è incomprensibile. È mai

possibile che dobbiamo tenerci il Pio Monte della Misericordia in quelle condizioni

vergognose?! Possiamo accettare quella piaga sul volto di Casamicciola? È una

bruttura immediatamente visibile per qualunque turista entri nel porto!

Ma gli esempi di abbandono sono ovunque: è il segno che l’amministrazione uscente

non è stata capace nemmeno di assicurare i livelli più elementari di decenza.

La mia Emilia mi ha detto: “Papà, se diventi sindaco aggiusti le giostrine per i

bimbi?”. Si riferisce ai giochi nel giardino accanto al Pio Monte. L’anno scorso

un suo amichetto è rimasto ferito perché alcune di queste strutture sono diventate

dei rottami. Mi domando e domando al sindaco uscente: quanto costava sostituire

questi giochi o aggiustarli? Mille euro? Duemila euro? Il Comune non ce li ha? È

mai possibile?! Vivaddio, questi soldi li toglierò dal mio stipendio di sindaco e ce li

metterò io!

Chi mi conosce sa quale sia la mia storia, il mondo da cui provengo. Ci sono

politici che non hanno mai lavorato un solo giorno in tutta la loro vita. Giustamente

l’opinione pubblica nazionale è oramai insofferente ed indignata verso questo tipo di

classe politica.

Io ho sempre lavorato, sin da ragazzo. Figlio di umili lavoratori, mi sono laureato

in ingegneria navale e meccanica; ma per mantenermi agli studi collaboravo alla

gestione del negozio di famiglia: un’attività di vendita di frutta e verdura, il lavoro

che era di mio padre, morto prematuramente. Negli anni dell’Università mi alzavo di

notte ed andavo col furgone a Pozzuoli per caricare la merce e portarla ad Ischia. Non

mi vergogno di raccontarlo, anzi me ne vanto: oggi sono un libero professionista ed

un professore di scuola media superiore; ma sono stato anche un fruttivendolo e non

lo dimentico. Ho sempre lavorato, perché credo che il lavoro davvero nobiliti l’uomo

e gli indichi una strada di dignità. Vi racconto questo perché voglio dire che sono

un uomo del popolo, e che se diventerò sindaco sarà sempre in nome e per conto del

popolo di Casamicciola Terme. Ogni mio atto sarà fatto tenendo sempre e solamente

presente l’interesse dei casamicciolesi.

La svolta per Casamicciola è possibile: però dobbiamo tutti volerla, fortemente, ed

essere uniti. L’anno scorso è stato il cinquantesimo anniversario dell’assassinio del

presidente Kennedy. Nell’estate del 1963 quell’uomo eccezionale venne in visita

in Italia, ed anche a Napoli; nel novembre fu ucciso a Dallas. Ebbene, Kennedy

disse: “Non chiederti cosa il tuo paese può fare per te; chiediti cosa puoi fare tu per

il tuo paese”. Ovviamente non voglio paragonarmi a Kennedy, ci mancherebbe!

Però, prendendo a prestito le sue parole, anch’io chiedo a voi, casamicciolesi, di

rimboccarvi le maniche insieme a me: perché tutto quello che faremo per il nostro

paese sarà come se lo facessimo a noi, ai nostri figli. Nel bene e nel male.

Con il duro lavoro, l’entusiasmo, il sorriso e la fantasia possiamo toglierci dal

pantano, possiamo rilanciare Casamicciola, possiamo tornare ad essere il gioiello

turistico dell’isola d’Ischia.

Io ci credo!

L’altra notte, pensando al discorso che avrei fatto davanti a voi, mi sono chiesto:

“Come lo concluderò?”. Con un appello sentimentale. Il 25 maggio, quando sarete

nella cabina elettorale, prendete la scheda e poggiatela sul cuore: essa vi dirà “Vota,

vota ‘Per Casamicciola’, vota per Castagna sindaco!”.

Le ultime notizie

Botte per debiti di droga, 11 misure cautelari

ROMA (ITALPRESS) – Nelle province di Roma, Viterbo e...

Italia-Cina, riparte da Milano la crescita dell’interscambio

MILANO (ITALPRESS) – Le ragioni dell’amicizia e dell’interscambio commerciale...

Ismett, 3 parti in meno di 3 settimane con la circolazione extracorporea

PALERMO (ITALPRESS) – Si chiamano Ariel, Giuseppe e Giorgia...

Piano Neve 2023/24 dell’Anas, oltre 12.000 interventi in tutta Italia

ROMA (ITALPRESS) – Si è concluso oggi il piano...

Newsletter

Continua a leggere

Botte per debiti di droga, 11 misure cautelari

ROMA (ITALPRESS) – Nelle province di Roma, Viterbo e...

Italia-Cina, riparte da Milano la crescita dell’interscambio

MILANO (ITALPRESS) – Le ragioni dell’amicizia e dell’interscambio commerciale...

Ismett, 3 parti in meno di 3 settimane con la circolazione extracorporea

PALERMO (ITALPRESS) – Si chiamano Ariel, Giuseppe e Giorgia...

Piano Neve 2023/24 dell’Anas, oltre 12.000 interventi in tutta Italia

ROMA (ITALPRESS) – Si è concluso oggi il piano...

Iran, Raisi minaccia una risposta ampia e dolorosa a qualsiasi attacco

ROMA (ITALPRESS) – Il presidente iraniano Ebrahim Raisi minaccia...

NAPOLI. ALLA MOSTRA D’OLTREMARE LA PRIMA EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL BUSINESS

Tutto pronto per la prima edizione del Festival del Business, che avrà luogo alla Mostra d’Oltremare di Napoli il prossimo 22 marzo 2024 dalle...

2598 COMMENTS