GIUSEPPE MAZZELLA: ” LA TENACIA DI ANNALISA”

Il commento “La Tenacia di Annalisa”  di Giuseppe Mazzella

“Cosa esattamente uscirà da questo “ decretone” sulla ricostruzione dopo il terremoto del 21 agosto 2017 di Casamicciola, la cittadina più colpita, di Lacco Ameno, parzialmente colpita e di Forio, minimamente colpita ( sono sottolineature non casuali da ricordare ai sindaci di Ischia, Barano e Serrara) non si sa con certezza ancora perché fino a quando il “ decretone”, che prima era un “ decretino”, non apparirà con la firma del Capo dello Stato nella “ Gazzetta Ufficiale” della Repubblica ci sono solo “ bozze” in giro che possono suscitare entusiasmi o delusioni o addirittura improduttive polemiche e rigurgiti “ campanilistici” come quello del giovane sindaco di Barano che si lamenta che il suo Comune “ non entra nel terzo condono”.
Forse è meglio porre in primo piano che c’è una tragedia umana, sociale ed economica che colpisce COMPLETAMENTE la cittadina di Casamicciola e PARZIALMENTE la cittadina di Lacco
Ameno per le quali le altre Comunità “ amministrative” dell’ isola d’ Ischia avrebbero dovuto manifestare CONCRETA solidarietà cosa che non c’è stata e non ci sarà comunque uscirà fuori il “
decretone”. Una voce forte, chiara, senza peli sulla lingua, è stata solo quella del Vescovo d’ Ischia, Mons. Pietro Lagnese, e questo la dice lunga sulla credibilità dello Stato in questo drammatico
momento storico per l’ Italia intera.
L’ osservazione che ritengo necessario rimarcare come vecchio lavoratore dell’ informazione o “giornalista di periferia” come con simpatia mi ha definito Gino Barbieri è che il “ Corriere della
Sera”, il più “ autorevole” quotidiano italiano, da decine di giorni ed ogni giorno dedica una intera pagina al “ decreto per Genova” e descrivendo solo le “ voci di corridoio” sul “ decreto per
Genova” e la costruzione del Ponte Morandi crollato il 14 agosto 2018 causando 43 morti come se questo non fosse – come ha annunciato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte – un “ decreto sulle emergenze nazionali”. Il “ Corriere della Sera” – ed invito il direttore Fontana o meglio ancora il vice direttore, Antonio Politio, napoletano, ad un attento esame delle “ corrispondenze” da
Genova e Roma del “ corrierone nazionale”. Non una sola parola alla ricostruzione di Casamicciola e di parte di Lacco Ameno colpite dal 13simo terremoto della loro storia sismica non nell’ agosto di
quest’anno ma nell’ agosto dello SCORSO ANNO. Per un intero anno la tragedia umana di 2500 persone senza casa, una cittadina senza scuole dell’ obbligo, un municipio senza sede, stradine e
piazze transennate con impalcature in ferro e legno,è stata dalla Repubblica DIMENTICATA ed affidata ad una “ emergenza” come se il provvisorio di sei mesi dovesse durare sessanta anni.
Si deve dedurre che se non ci fosse stata la tragedia di Genova quella di parte dell’ isola d’ Ischia non avrebbe avuto la dignità di una “ emergenza nazionale” che non può durare all’ infinito da
deve essere affrontata con una “ ricostruzione” al pari di un Ponte maestoso e decisivo per una città importante come Genova.

Poiché si tratta della “ ricostruzione” di almeno tre quartieri – il Majo, La Rita, Purgatorio e Fango – abitati da secoli e della “ messa in sicurezza sismica” di un’area di almeno 20 Km2 sui 46 dell’ isola
d’ Ischia secondo l’ ottima relazione del prof. Giuseppe De Natale con le cartina dei “ 4 colori” dallo VIII all’XI grado della Scala MCS, l’ operazione è molto più complessa di quella di Genova e
richiederà molto più impegno soprattutto finanziario perché il Ponte di Genova sarà comunque ricostruito in quanto ha comunque già un finanziatore che è la società concessionaria. Qui da noi
dobbiamo non solo stabilire dove e come “ ricostruire” ( non abbiamo neanche “ abbattuto” figuriamoci per “ ricostruire”!) ma dobbiamo anche trovare i finanziamenti nelle casse dello Stato.
Un giornale “ autorevole” di respiro “ nazionale” avrebbe dovuto almeno dare pari dignità alla notizia. Ma questi sono i tempi e questa è la situazione nel Mezzogiorno d’ Italia.
Vedremo – speriamo nelle prossime ore – cosa esattamente uscirà fuori da questo “ decretone” che ho già sottolineato ha comunque il merito di porre all’ attenzione del Governo Nazionale un
dramma che richiede una grande unità di intenti ed una grande “ solidarietà nazionale”.
Mi auguro che il “ decretone” sia impostato alla buona “ tecnica normativa” attuando i principi della CHIAREZZA, della PRECISIONE, della SINTETICITA’, della LINEARITA’, dell’ APPLICAZIONE e della VERIFICABILITA’ e che non sia una norma come le “ disposizioni sulle città metropolitane”
della legge 7 aprile 2014 n.56 definita dal prof. Tammaro Chiacchio un “ reticolo labirintico” di difficile lettura, interpretazione ed applicazione perché se sarà un “ labirinto” sarà solo materia per
giudizi legali ma non si vedrà nulla di concreto.
Siamo comunque abituati a muoverci nei “ reticoli labirintici” delle legge ordinarie nazionali così come siamo abituati alle “ disapplicazioni” delle legge regionali come quella sull’ Urbanistica del 2004 ritardata da 13 anni secondo la quale entro il 31 dicembre 2018 cioè TRE mesi i Comuni dovranno dotarsi di un Piano Urbanistico e fino ad oggi non hanno nemmeno dato un incarico di
redazione ad un architetto o meglio ancora ad un Gruppo di Lavoro Pluridisciplinare.
In questo “ labirinto” dobbiamo saper trovare una via di uscita e sono certo che ci riusciremo con una grande mobilitazione civile.
La “ mobilitazione civile” contro una politica in decadenza o in caduta libera è stata la nota lieta e che dà speranza per i futuro ai nostri figli ed ai nostri nipoti. Se non ci fosse stata questa “
mobilitazione civile” non avremmo avuto alcun decreto.
La sconfitta è orfana ma la vittoria ha mille padri. Il proverbio non fallisce. La vittoria per questo decreto – che naturalmente mi riservo di commentare nei dettagli – la ascrivo alla tenacia di una
giovane donna di un “ movimento “ di terremotati che ha avuto il coraggio di interloquire direttamente con il Presidente del Consiglio dei Ministri chiedendo che il terremoto di Casamicciola non fosse ritenuto di serie “ B”; una donna che ha avuto l’ intuito di chiedere la
collaborazione normativa a giuristi locali come Bruno Molinaro e Sebastiano Conte affinchè la norma contenesse qualche “ chiarezza” e che è stata capace di dialogare allo stesso tavolo a Roma
con funzionari, parlamentari, ministri.
E’ Annalisa Iaccarino questa donna. Mi viene in mente quell’ espressione della “ Iron Lady”,Marghareth Tachter: “ Se volete un bel discorso chiamate un uomo. Ma se volete risolvere
un problema chiamate una Donna”.

Le ultime notizie

Sorsi di benessere – Una bevanda antiossidante e “sgonfiapancia”

ROMA (ITALPRESS) - Tè verde e semi di...

Guardia Costiera mette in salvo 45 diportisti sul Lago di Como

COMO (ITALPRESS) - Sono stati dodici gli eventi...

La barba al palo – Attenti a Modric e alla Croazia

PALERMO (ITALPRESS) - Il direttore editoriale di Italpress,...

Bonaccini al Fancy Food “Emilia-Romagna regina prodotti Igp e Dop”

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) - "Al Fancy...

Newsletter

Continua a leggere

Sorsi di benessere – Una bevanda antiossidante e “sgonfiapancia”

ROMA (ITALPRESS) - Tè verde e semi di...

Guardia Costiera mette in salvo 45 diportisti sul Lago di Como

COMO (ITALPRESS) - Sono stati dodici gli eventi...

La barba al palo – Attenti a Modric e alla Croazia

PALERMO (ITALPRESS) - Il direttore editoriale di Italpress,...

Bonaccini al Fancy Food “Emilia-Romagna regina prodotti Igp e Dop”

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) - "Al Fancy...

Ue. Bonaccini “Togliere il diritto di veto ai singoli Stati membri”

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) - "Noi crediamo...