DEPURAZIONE: UN’ALTRA ESTATE SENZA IMPIANTI

Mentre si sgombera il cantiere di San Pietro, ancora non sono partiti i lavori per i depuratori di Casamicciola e Lacco Ameno e di Serrara Fontana e Forio. Intanto Sant’Angelo e Barano vanno avanti da soli.

La costruzione dei depuratori ad Ischia sembra una chimera, ogni volta che accade qualcosa per cui sembra che finalmente si stia facendo un passo avanti nella giusta direzione, succede altro per cui se ne fanno tre indietro. E questo gioco dell’oca sembra valere soprattutto per il depuratore di San Pietro. A fine 2015 gli amministratori e i tecnici del comune avevano incontrato presso il Ministero dell’Ambiente i funzionari del dicastero e quelli dell’Arcadis: la richiesta era chiara, ricorrere ad un commissariamento per mettere fine allo stallo dei lavori di realizzazione dell’opera. Risultato: il Ministero tace, l’Arcadis informa l’amministrazione dell’inasprirsi della vertenza con la ditta e, quindi, della rescissione del contratto con la stessa. Conseguenza: la ditta sta procedendo allo sgombero del cantiere, che inizialmente doveva terminare entro il mese di aprile, invece è stato prorogato a quello di maggio, e poi si dovrà procedere con un nuovo bando di gara. In tutto questo la Regione è riuscita ad ottenere dall’Unione Europea un nuovo finanziamento per portare a termine l’opera, ma i lavori dovrebbero iniziare entro giugno. Il che al momento sembra inverosimile. Cosa succederà allora? Questo non è dato sapersi e, visto che quando si parla di depuratore di San Pietro nessun pronostico è scontato, non ci resta che attendere o, per citare un celebre film, che piangere. Per quanto riguarda gli altri due depuratori, quello di Forio e Serrara Fontana e quello di Casamicciola e Lacco Ameno, eravamo rimasti ad ottobre alla nomina di un commissario, ma da allora poco è successo. O meglio, per quanto attiene il depuratore di Forio, che dovrà essere realizzato al di sotto del Piazzale dei Marinai d’Italia, si sono svolti i carotaggi e il Commissario ha dichiarato di non voler stravolgere il progetto, ma continuare con quello che era stato realizzato in precedenza. Forse, ci stiamo avvicinando a piccoli passi alla fase operativa. Fase operativa che potrebbe risultare piuttosto complicata in quanto l’opera dovrà essere realizzata sotto al livello del mare. Nota positiva è che d’ora in poi le gare d’appalto non dovrebbero più essere svolte sulla base del massimo ribasso, ma dell’offerta più vantaggiosa, ciò dovrebbe comportare garanzia di maggiore qualità e minori tempi. Intanto, però, in attesa di vedere finalmente realizzati i depuratori, alcuni comuni si stanno attrezzando autonomamente. Presto dovrebbe essere attivato il depuratore che il Comune di Barano ha costruito nei pressi del Cimitero e a breve, non appena verranno sbloccati i fondi, dovrebbe partire la gara per l’adeguamento del depuratore di Sant’Angelo. E’ bene, però, ricordare che nelle more della realizzazione degli impianti, in mare non stanno arrivando le acque reflue così come scaricate dalle utenze, ma le acque vengono comunque trattate, filtrate e purificate, anche se non quanto sarebbero in grado di fare gli impianti di depurazione. Ma qui sorge spontanea un’altra domanda: dopo che i depuratori verranno realizzati, l’Isola di Ischia sarà in grado di farli funzionare a regime? Inizialmente saranno le ditte costruttrici ad occuparsi della manutenzione degli impianti, poi, mano a mano, subentreranno gli enti locali. Ma questa è un’altra storia….

Le ultime notizie

FORIO. VITO IACONO: BASTA CHIACCHIERE! SISTEMATE LA STRADA CHE COLLEGA FORIO E PANZA

Il consigliere di minoranza al comune di Forio e...

NAPOLI. TRAGEDIA DI SCAMPIA: LE ULTIME DALLA PREFETTURA

Continua l'attività del Centro Coordinamento Soccorsi che, riunito dal...

OHIBO’, OGNI LIMITE HA UNA PAZIENZA. DI ANTIMO PUCA

Il cuore dell'uomo è come un cammello che, se...

Newsletter

Continua a leggere

FORIO. VITO IACONO: BASTA CHIACCHIERE! SISTEMATE LA STRADA CHE COLLEGA FORIO E PANZA

Il consigliere di minoranza al comune di Forio e...

NAPOLI. TRAGEDIA DI SCAMPIA: LE ULTIME DALLA PREFETTURA

Continua l'attività del Centro Coordinamento Soccorsi che, riunito dal...

OHIBO’, OGNI LIMITE HA UNA PAZIENZA. DI ANTIMO PUCA

Il cuore dell'uomo è come un cammello che, se...

TIGI LIS DEL 23 07 2024

https://youtu.be/pxyrWFa6cTc