CAMPANIA, FITTO “SENTENZA CONSIGLIO DI STATO? NULLA CAMBIA”

 “Risultano incomprensibili le reazioni festanti alla sentenza odierna del Consiglio di Stato. La sentenza, che pure contiene alcuni ‘elementi singolari’, non modifica in alcun modo l’iter di definizione dell’Accordo per la Coesione tra la Presidenza del Consiglio e la Regione Campania. Infatti, il Consiglio di Stato si limita ad assegnare un termine di quarantacinque giorni per la conclusione dell’istruttoria, lasciando ovviamente alla discrezionalità delle parti la decisione finale sulla opportunità o meno di definire l’Accordo”. È quanto dichiara il Ministro per gli Affari europei, il Sud, le Politiche di coesione e il Pnrr Raffaele Fitto. “Tale termine va ben oltre l’orizzonte temporale che il Governo auspica per l’assegnazione ai territori delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2021 – 2027 e per la definizione dell’Accordo con la regione Campania. Inoltre, l’articolo 10 del decreto – legge n. 60 del 7 maggio 2024 (c.d. decreto – legge coesione), evidente dimostrazione dell’intenzione del Governo di provvedere al celere trasferimento delle risorse statali assegnate, prevede la possibilità di riconoscere delle anticipazioni mediante delibera CIPESS nelle more della definizione degli Accordi per la coesione”, prosegue il Ministro. “Peraltro, come è noto, l’articolo 14 del decreto-legge coesione assegna agli interventi di bonifica e riqualificazione di Bagnoli 1,2 miliardi euro, comportando un cambio dell’importo complessivo delle risorse da assegnare attraverso l’Accordo, circostanza sfuggita al giudice di appello che impone una sostanziale rimodulazione delle proposte progettuali presentate dalla Regione”, aggiunge.

In attuazione del citato articolo 14, sarà nei prossimi giorni sottoscritto il protocollo d’intesa tra il Presidente del Consiglio e il Sindaco di Napoli – Commissario straordinario per Bagnoli per l’impiego delle risorse già assegnate. Proprio a tal fine, lo scorso 8 maggio il Ministro FITTO ha inviato al Presidente De Luca una nota per avviare la discussione sulla rimodulazione delle proposte progettuali e procedere alla definizione dell’Accordo. Dunque, la sentenza del Consiglio di Stato non incide sul lavoro che il Governo sta conducendo, senza soluzione di continuità, per addivenire alla definizione dell’Accordo per la Coesione con la Regione Campania.

“Il Governo è al lavoro per assicurare la tempestiva realizzazione degli interventi della politica di coesione destinati al territorio campano, anche prima dei quarantacinque giorni previsti dal Consiglio di Stato. Nulla cambia rispetto al percorso condotto fino ad oggi. Laddove non fosse raggiunto l’accordo nel termine dei quarantacinque giorni assegnati dal Consiglio di Stato, come recita la sentenza odierna, in caso ‘di insussistenza dei presupposti di legge, per carenze istruttorie, carenze nella rendicontazione dei precedenti cicli di programmazione, incongruenza dei nuovi obiettivi programmatici indicati dalla Regione rispetto alla programmazione nazionale o per altra ragione’, il Governo procederà all’adozione di un atto ‘che illustri con precisione le circostanze ostative alla predisposizione dello schema di accordo’ per assicurare, comunque, l’assegnazione delle risorse destinate al territorio della Regione Campania”, conclude il Ministro. (ITALPRESS). pc/com 14-Mag-24 19:38 NNNN

Le ultime notizie

Newsletter

Continua a leggere

Sorsi di benessere – Gustosa tisana alle foglie di fragola

ROMA (ITALPRESS) - Foglie di fragola e scorza...

Donzelli “Il Governo investe molto sullo sviluppo del Mediterraneo”

PALERMO (ITALPRESS) - "La Sicilia rappresenta per noi...

Gasperini: “Sono legato all’Atalanta e lo sarò ancora”

(Adnkronos) - Gian Piero Gasperini rimane allenatore dell'Atalanta....