ABUSI EDILIZI: LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE, IL COMMENTO DELL’AVVOCATO BRUNO MOLINARO

vLa Consulta, eliminando dall’art. 181 le parole “a) ricadano su immobili od aree che, per le loro caratteristiche paesaggistiche, siano stati dichiarati di notevole interesse pubblico con apposito provvedimento emanato in epoca antecedente alla realizzazione del lavori” e b) ricadano su immobili od aree tutelati per legge ai sensi dell’articolo 142 ed”, ha ridisegnato completamente l’originaria disposizione che, dunque, va letta nei seguenti termini:
<< 1. Chiunque, senza la prescritta autorizzazione o in difformità di essa, esegue lavori di qualsiasi genere su beni paesaggistici è punito con le pene previste dall’articolo 44, lettera c), del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380.
1-bis. La pena è della reclusione da uno a quattro anni qualora i lavori di cui al comma 1 abbiano comportato un aumento dei manufatti superiore al trenta per cento della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa, un ampliamento della medesima superiore a settecentocinquanta metri cubi, ovvero ancora abbiano comportato una nuova costruzione con una volumetria superiore ai mille metri cubi.
(…)
1-quinquies. La rimessione in pristino delle aree o degli immobili soggetti a vincoli paesaggistici, da parte del trasgressore, prima che venga disposta d’ufficio dell’autorità amministrativa, e comunque prima che intervenga la condanna, estingue il reato di cui al comma 1.
2. Con la sentenza di condanna viene ordinata la rimessione in pristino dello stato dei luoghi a spese del condannato. Copia della sentenza è trasmessa alla regione ed al comune nel cui territorio è stata commessa la violazione. >>
In pratica, la Corte Costituzionale ha ritenuto irrazionale il diverso trattamento sanzionatorio riservato a chi esegue opere senza autorizzazione su beni paesaggistici assoggettati a vincolo in base a provvedimento ministeriale (dichiarativo dell’interesse pubblico alla speciale tutela, come avvenuto, ad es., per i comuni dell’isola d’Ischia, di Procida, Capri ed Anacapri, qualificati come “bellezze panoramiche di insieme”) rispetto a quelli assoggettati a vincolo in base alla legge (come avvenuto per i territori costieri compresi in una fascia di profondità di 300 metri dalla linea di battigia, i fiumi, i torrenti, i ghiacciai, i parchi, le riserve nazionali e regionali, ecc.), puntualmente elencati all’articolo 142 del d.lgs. n. 42/04.
Ha, infatti, ritenuto la Corte che non appare giustificato, in base ad una lettura costituzionalmente orientata del Codice Urbani, che qualsiasi tipo di intervento eseguito senza autorizzazione in aree e su immobili vincolati con provvedimento ministeriale integri sempre un delitto punito con la pena della reclusione da uno a quattro anni, anche quando lo stesso non abbia dato luogo ad “opere di notevole impatto volumetrico” (come, ad es., nella ipotesi di una lieve modifica dei prospetti o della realizzazione di una veranda, di un balcone o di una tettoia), nel mentre, nel diverso caso di intervento eseguito su aree o immobili vincolati per legge (che, per sua natura, dovrebbe determinare maggiore disvalore ed allarme sociale), il reato è solo contravvenzionale, punito con la pena dell’arresto fino a due anni e con l’ammenda da 30.986,00 a 103.290,00 euro, salvo che le opere abbiano comportato “un aumento  superiore al trenta per cento della volumetria della costruzione originaria o, in alternativa, un ampliamento della medesima superiore a settecentocinquanta metri cubi, ovvero abbiano comportato una nuova costruzione con una volumetria superiore ai mille metri cubi”.
La questione, ovviamente, assume particolare rilevanza, non solo e non tanto per l’entità della pena da applicare all’imputato ritenuto colpevole, ma anche e soprattutto per le implicazioni che ne derivano in materia di prescrizione del reato.
È noto, in proposito, che la contravvenzione paesaggistica si prescrive nello stesso termine in cui si prescrive il reato edilizio, ovvero in anni quattro (cinque in caso di interruzione), nel mentre il più grave delitto paesaggistico si prescrive in anni sei (sette anni e mesi sei in caso di interruzione).
Per sintetizzare, il dato più significativo che vien fuori dalla pronuncia della Consulta è che nei nostri comuni, vincolati solo in base a decreti ministeriali, il reato paesaggistico da fattispecie delittuosa (ri)diventa reato contravvenzionale, equiparato, quanto alla pena, al reato edilizio.
Viene così vanificata buona parte della riforma di cui alla legge n. 308 del 2004 che aveva introdotto in materia la figura del delitto, con conseguente inasprimento del trattamento sanzionatorio, sia pure in riferimento a situazioni che la Corte ha ritenuto non omogenee e non coerenti con il principio di ragionevolezza.
E non finisce qui!
Si prevedono, senz’ombra di dubbio, effetti dirompenti anche sul versante della esecuzione penale.
Tutti quelli che avranno riportato una condanna per il delitto di cui all’articolo 181, comma 1-bis, del d.lgs. n. 42/04 potranno, infatti, rivolgersi al giudice della esecuzione per la rimodulazione del trattamento sanzionatorio ed invocare, laddove ne ricorrano i presupposti, anche l’estinzione del reato per intervenuta prescrizione, in virtù di quanto previsto dall’articolo 2 del codice penale.
Va ricordato, sul punto, che la Corte di Cassazione, a Sezioni Unite, con una interessante sentenza del 29 maggio 2014, ha preso in considerazione proprio casi del genere, facendo definitivamente chiarezza sui poteri del giudice della esecuzione in presenza di una dichiarazione di illegittimità costituzionale di una norma penale diversa dalla norma incriminatrice, con buona pace del principio di intangibilità del giudicato.

avvocato bruno molinaro

Le ultime notizie

SCUOLA. MARILISA MANCINO NOMINATA DIRIGENTE DEL NUOVO COMPRENSIVO “ISCHIA2 – SCOTTI”

L’ufficio scolastico regionale della campania ha emesso il decreto...

SERIE D. ISCHIA CALCIO, E’ BATTISTA IL PRIMO NUOVO ACQUISTO, ARRIVA DAL FASANO

La rosa dell’Ischia comincia a prendere forma, tra nuovi...

Newsletter

Continua a leggere

SCUOLA. MARILISA MANCINO NOMINATA DIRIGENTE DEL NUOVO COMPRENSIVO “ISCHIA2 – SCOTTI”

L’ufficio scolastico regionale della campania ha emesso il decreto...

SERIE D. ISCHIA CALCIO, E’ BATTISTA IL PRIMO NUOVO ACQUISTO, ARRIVA DAL FASANO

La rosa dell’Ischia comincia a prendere forma, tra nuovi...

ABORDOCAMPO RACCONTA. GIOVANNI MARTUSCIELLO: L’ISCHIA E IL GRANDE CALCIO, STASERA ALLE 21.10

Questa sera, alle ore 21.10, nell’ambito della programmazione estiva...

SCUOLA. MARILISA MANCINO NOMINATA DIRIGENTE DEL NUOVO COMPRENSIVO “ISCHIA2 – SCOTTI”

L’ufficio scolastico regionale della campania ha emesso il decreto della mobilità regionale per i dirigenti degli istituti scolastici. Una novità, è la nomina del primo...