Teleischia
Adnkronos

Elezioni: con Lega presidente Unione ciechi, Salvini ricorda ‘battaglie importanti’

Roma, 11 ago. (Adnkronos) – Mario Barbuto, presidente dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti, sarà candidato dalla Lega alle elezioni politiche del 25 settembre. ‘Siamo orgogliosi di accogliere Mario in squadra’ dice il segretario del partito, Matteo Salvini. ‘Insieme al presidente Barbuto e al ministro Erika Stefani -ricorda- abbiamo già combattuto battaglie importanti al fianco delle persone cieche, ipovedenti e con disabilità plurime. Siamo pronti a combatterne e a vincerne molte altre. La Lega si conferma concreta, aperta, pronta ad accogliere donne e uomini capaci e di valore. Attendiamo con fiducia il voto degli italiani del 25 settembre’.

Barbuto, classe 1954, catanese di nascita ma residente a Bologna per quasi tutta la sua vita, docente universitario e formatore, già consigliere comunale a Bologna, in passato -si legge in una nota della Lega- aveva lavorato con il centrosinistra prima di conoscere Matteo Salvini. Da anni condivide le battaglie della Lega per le persone con disabilità e ha stretto un rapporto di stima, amicizia e fiducia con il leader del partito.

L’Unione Italiana ciechi e ipovedenti (Uici) ha 130 sedi territoriali e alcune decine di migliaia di iscritti in tutta Italia. L’associazione rappresenta le istanze di circa 2 milioni di cittadini tra ciechi assoluti, ipovedenti gravi e persone pluridisabili con le loro famiglie. All’incarico nell’Unione, Barbuto affianca quelli di presidente dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità e del Forum italiano della disabilità.

POTREBBE INTERESSARTI

Calcio: Skriniar, ‘in difesa dobbiamo fare meglio ma la colpa è di tutta la squadra’

Redazione

Ruby ter: difesa De Vivo, ‘tra gemelle e Berlusconi rapporto di stima e amicizia’

Redazione

Pd: Orfini, ‘due candidati al giorno e il Congresso nemmeno è stato convocato, geniale’

Redazione

Calcio: Argentina, ct Scaloni rinnova fino al 2026

Redazione

Riforme: Ciriani, ‘su Costituzione nessun colpo di mano ma confronto nelle Camere con tutti’

Redazione