Teleischia
Attualità

AICOM NEWS. COME COMPORTARSI QUANDO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NON RISPONDE

Quando la pubblica amministrazione non risponde cosa fare? Se un ente non risponde a una istanza o a una richiesta vale la regola del silenzio assenso o silenzio rigetto? Come ottenere il risarcimento del danno in caso di mancata risposta?

marco laraspata
Ambrose Bierce diceva che la «burocrazia è l’arte di rendere impossibile il possibile». Chi ha avuto
a che fare con un ente o qualsiasi altra pubblica amministrazione, un Comune, una Regione, l’Inps,
ecc. sa quanto difficile sia uscire fuori dalle procedure, dai timbri sui certificati, dai nulla osta, dalle
circolari. Parlare con un dipendente pubblico non ha alcun valore, peraltro, se l’eventuale risposta
non viene messa per iscritto. Così, ecco che presentare un’istanza è l’unico valido modo per
interloquire con la pubblica amministrazione. Le richieste di annullamento di atti illegittimi, le
domande per ottenere una concessione, un beneficio, un contributo o per avere un semplice parere
vanno messe nero su bianco. Ma anche in questi casi ci si scontra con un altro grosso problema
della pubblica amministrazione: l’inerzia. Non è detto che l’ente risponda. Come interpretare il suo
silenzio e come agire dopo? In altri termini cosa fare quando la pubblica amministrazione non
risponde? In questo articolo forniremo le dovute spiegazioni.
 1 Se un ente non risponde, come interpretare il silenzio?
 2 Procedimenti amministrativi a istanza del cittadino
 3 Procedimenti amministrativi d’ufficio
 4 Come difendersi dal silenzio rigetto?
 5 Silenzio inadempimento
o 5.1 Come avere il risarcimento del danno contro il silenzio dell’amministrazione
o 5.2 L’accertamento dell’obbligo della P.A.

Se un ente non risponde, come interpretare il silenzio?
Se hai letto già il nostro articolo Chi tace acconsente: è vero anche per la la legge?, saprai già che il
silenzio è un fatto che viene disciplinato dalla legge molte volte. In alcuni casi, il silenzio viene
considerato come “ammissione”, riconoscimento e, quindi, “assenso”. In altri casi il silenzio viene
considerato come “contestazione” e, quindi, “rigetto”. Ad esempio se sei in causa con una persona,
il tuo silenzio su eventuali contestazioni dell’avversario significa che ammetti i fatti; viceversa, non
sei tenuto a rispondere a una lettera di diffida e se non lo fai non significa che stai ammettendo il
debito.
Con lo Stato e gli enti pubblici le cose variano sensibilmente e ciò in ragione del carico di lavoro
che determinati uffici hanno e che potrebbe portarli a un ingolfamento se dovessero rispondere a
tutte le istanze e richieste presentate (a volte senza motivo fondato) dai cittadini. Ecco perché la
legge si è curata di dare, al silenzio della P.A., uno specifico significato, spiegando cosa fare
quando la pubblica amministrazione non risponde. La questione però va divisa a seconda di due
ipotesi differenti:
 i procedimenti amministrativi che iniziano con una istanza del cittadino: è il caso in cui il
privato si rivolge all’ente e pone una specifica richiesta (ad esempio la richiesta di un
permesso di costruire, ecc.);
 i procedimenti amministrativi che iniziano d’ufficio, ossia su iniziativa della stessa P.A. (si
pensi a un accertamento fiscale o all’accertamento di un abuso edilizio).
Procedimenti amministrativi a istanza del cittadino
Nei rapporti con enti e pubbliche amministrazioni, la regola generale per tutti i procedimenti che
iniziano con un’istanza del cittadino è quella del silenzio assenso: in altri termini, se il privato
presenta una richiesta e non ottiene risposta, la stessa si deve considerare accolta. Si pensi al ricorso
al prefetto contro una multa: se questi non risponde entro 220 giorni (180 se il ricorso viene spedito
direttamente all’ente accertatore), il ricorso si considera accolto. Si pensi anche al caso del
permesso di costruire: una volta che il cittadino non ha ricevuto risposta nei termini di legge, la
licenza si considera accordata. Questo principio, fissato dalla legge sul procedimento
amministrativo del 1990 [1], è in armonia con i principi di buona amministrazione e di imparzialità;
ciò ha fatto sì che il legislatore sancisse l’obbligo generale della P.A. di concludere il procedimento
mediante l’adozione di un provvedimento espresso, attribuendo, così, al privato un vero e proprio
diritto alla conclusione del procedimento amministrativo.

Questa regola, come detto, dovrebbe avere portata generale. Tuttavia la stessa legge ha previsto un
gran numero di eccezioni tanto da far ritenere queste ultime di estensione quasi pari alla regola. In
particolare, nei seguenti procedimenti vale l’opposta regola del silenzio rigetto (o silenzio diniego):
 il patrimonio culturale e paesaggistico;
 l’ambiente;
 la difesa nazionale;
 la pubblica sicurezza;
 l’immigrazione, l’asilo e la cittadinanza;
 la salute e la pubblica incolumità;
 i casi in cui la normativa comunitaria impone l’adozione di provvedimenti amministrativi
formali;
 i casi in cui la legge qualifica il silenzio dell’amministrazione come rigetto dell’istanza;
 gli atti e procedimenti individuati con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei
Ministri, su proposta del ministro per la Funzione Pubblica, di concerto con i ministri
competenti.
Procedimenti amministrativi d’ufficio
Nei procedimenti amministrativi che iniziano d’ufficio, ossia senza sollecitazione del privato (di
solito si tratta quasi sempre di accertamenti di violazioni e infrazioni), vale la regola opposta, quella
cioè del silenzio rigetto. Quindi, se un privato presenta alla polizia una richiesta di annullamento di
una multa che ritiene illegittima, ma non ottiene risposta, la sua domanda si considera rifiutata. Se il
cittadino presenta un ricorso in autotutela contro un accertamento fiscale dell’Agenzia delle
Entrate, ma questa non dà alcun cenno di vita, il ricorso si considera non accolto. Se si chiede lo
sgravio di un cartella di pagamento e l’esattore non risponde, la richiesta si considera rigettata.
In questo caso possiamo far rientrare anche la domanda di accesso agli atti amministrativi: se il
cittadino chiede di poter verificare dei documenti e la pubblica amministrazione non risponde, la
richiesta si considera rigettata [2].
Come difendersi dal silenzio rigetto?
Se la pubblica amministrazione non risponde nei termini, per quanto il suo silenzio sia considerato
rigetto, non è detto che ciò sia imputabile a una precisa scelta. Potrebbe infatti dipendere
semplicemente da inerzia o inefficienza. Ecco perché il cittadino può sempre impugnare, davanti al
giudice amministrativo (il Tar) il silenzio rigetto. In caso però di ricorso in autotutela, il silenzio
della pubblica amministrazione non può essere impugnato, a meno che il ricorso non fosse legittimo
e fondato.
Silenzio inadempimento
Esistono ipotesi in cui la P.A., di fronte alla richiesta di un provvedimento da parte del privato, non
provvede nei termini previsti dalla legge (o da norma regolamentare) e questa non contiene alcuna
indicazione sul valore da attribuire al silenzio. Per tutelare il cittadino danneggiato dall’inerzia della

AICOM Ischia

Aicom Ischia Via Edgardo Cortese 7 Ischia (NA) presso Gioielleria Bottiglieri
Partita Iva e Codice Fiscale : 91004930631

POTREBBE INTERESSARTI

SICUREZZA STRADALE RIPARLIAMONE ANCORA. DI VINCENZO ACUNTO

Redazione-

GUARDA IN TV. ISCHIA INTERNATIONAL SCHOOL FESTIVAL ALLE 21.05 SFILATA DEL PREMIO FRANCESCHINA

Redazione-

LACCO AMENO. LO SBARCO DI SANTA RESTITUTA NELLA BAIA DI SAN MONTANO (SPECIALE TV)

Redazione-

FORIO. IL 22 MAGGIO ALLE 12.00 LA XI EDIZIONE DELL’ISCHIA SUNSET TRIATHLON, OSPITE JUSTIN MATTERA (SERVIZIO TV)

Redazione-

FONDAZIONE UNA – ARCI CACCIA. RIUSCITA L’OPERAZIONE PALADINI DEL TERRITORIO

Redazione-