Teleischia
Politica

CIRO FERRANDINO: ” LA PRIVATIZZAZIONE GENESIS E’ CONTRO GLI INTERESSI DEI CITTADINI”

Il consigliere comunale di opposizione, Ciro Ferrandino, commenta la privatizzazione di Gensisi srl  esprimendo la propria contrarietà e le preoccupazioni per il decadimento del livello dei servizi offerti ai cittadini e dei rischi per i lavoratori.

” Il sindaco d’Ischia Giosi Ferrandino, dopo aver privatizzato Ischia Ambiente, è intenzionato a

privatizzare anche Genesis srl, la società che si occupa della riscossione dei tributi locali. Il sindaco

e il suo cerchio magico vogliono cedere la quota del comune di Ischia in Gensis a soggetto privato

che potrebbe essere la Maggioli di Santarcangelo di Romagna.

Questa operazione porterà solo disagi agli utenti che dovranno affrontare una serie di difficoltà

dovuti alla sicura riduzione degli sportelli e delle ore di apertura al pubblico. Il privato infatti vorrà

massimizzare i profitti tagliando i servizi oggi offerti alla cittadinanza. Oggi agli sportelli Gensis è

possibile per gli utenti avvalersi di tutti gli strumenti deflattivi del contenzioso, inoltre con facilità

si possono ottenere o produrre istanze in autotutela, rimborsi, sgravi, annullamenti, ecc., il privato

per risparmiare taglierà tutte questi servizi e costringerà molto spesso il cittadino ad avventurasi in

un dispendioso contenzioso anche per situazioni di facile soluzione. In sintesi la privatizzazione

porterà al decadimento dei rapporti tra pubblica amministrazione e cittadino con maggiori costi per

il cittadino.

Tale privatizzazione inoltre provocherà anche incertezze ai lavoratori presenti in Gensis a cui

potranno essere compressi dei diritti, lavoratori che in questi anni hanno sempre garantito un ottimo

servizio nei confronti degli utenti, lavoratori che sono tutti nostri concittadini e che spendono il loro

stipendio ad Ischia. Naturalmente tutte le forniture di beni e sevizi saranno acquisiti fuori dall’isola

con riduzione dell’indotto.

Il sindaco con superficialità di chi non sa amministrare va dicendo che vi saranno risparmi per

i cittadini ma non dichiara per chi e non spiega su quale voce di costo taglierà il privato. La

diminuzione dei costi, da parte del privato, si otterranno solo con il taglio di sevizi ai cittadini a

cui sarà anche compromesso il diritto di difesa sancito dalla Costituzione. Oggi ogni cittadino può

recarsi agli sportelli per chiarimenti, con la privatizzazione i servizi al pubblico saranno ridotti

all’osso.

Poi come scritto da un componente dell’UCCLI Ischia, il dott. Porfirio Schiano, vi è il rischio

che lo spostamento della sede legale in Provincia di Rimini renderà oneroso e difficoltoso il

contenzioso.

In merito alla questione oneri a carico del comune di Ischia il sindaco demagogicamente parla di

1.200.000,00 a carico del comune, questo è un dato falso e fuorviante, in realtà a carico del comune

gli oneri si fermano a circa un milione di euro iva compresa, come ho avuto modo di verificare

chiedendo copia della relativa documentazione al Comune di Ischia. Inoltre questi oneri a carico

del comune, a fronte di un aumento degli incassi, sono diminuiti, merito dei lavoratori di Gensis

tutti. Se Giosi Ferrandino avesse fatto una gestione oculata e non politicizzata questo dato sarebbe

potuto scendere sotto agli 800 mila euro mantenendo un ottimo servizio, bastava abolire il CDA e

nominare un amministratore unico, eliminare il collegio sindacale e avvalersi del revisore dei conti

unico, ridurre le spese legali e ridurre gli agi.

Il sindaco si contraddice quando si lamenta di tali oneri a carico del comune, infatti solo un anno

fa nell’assemblea del 03/10/2013, come ho avuto modo di leggere dal relativo verbale avendone

acquisito copie al comune di Ischia, ringraziava la società quindi il personale per i risultati

raggiunti proprio in riferimento alla riduzione degli oneri da corrispondere da parte del comune

(pag. 38 verbale d’assemblea 03/10/2013).

In ogni caso il sottoscritto continuerà la battaglia contro la privatizzazione di Gensis che si

concretizzerà con il voto negativo in consiglio comunale.

Questione importante e non secondaria: oggi questa amministrazione non può fare scelte così

importanti e delicate per il paese perché è minoranza nel nostro comune così come hanno sancito i

cittadini il 25 maggio 2014 con il voto europeo dove ad Ischia ha avuto una sonora sconfitta.

In riferimento alla questione della privatizzazione della Genesis i consiglieri di maggioranza che

vanno dichiarando in giro la loro contrarietà rispetto alla vendita della quota Genesis hanno un

solo modo per contrastare la vendita e solidarizzare con i cittadini e lavoratori, VOTARE NO!!!,

l’assenza, l’astensione valgono allo stesso modo del voto favorevole alla privatizzazione. Quindi

astensione e assenza in consiglio comunale valgono come le chiacchiere cioè nulla. In consiglio

comunale rispetto a questo argomento o si vota SI o si vota NO. Chi vota NO sta con la gente e i

lavoratori, chi vota SI o è assente o si astiene è contro i concittadini e contro i lavoratori.

Ciro Ferrandino

Consigliere Comunale e Capogruppo Ischia Nuova

POTREBBE INTERESSARTI

IL GOVERNO VARA IL DECRETO-BIS. NUOVI AIUTI PER 17 MILIARDI

Redazione-

CASAMICCIOLA. PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO DI SCIOGLIMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE

Redazione-

PISCINA DISABILI AD ISCHIA. DOMANI ALLE 12.00 ROSA IACONO AL COMUNE PER INCONTRARE L’AMMINISTRAZIONE

Redazione-

CONSIGLIO METROPOLITANO, OK AL REGOLAMENTO PER I CONCORSI. SORRENTINO: “IL 9 AGOSTO I BANDI PER 1.400 POSTI”

Redazione-

ISOLE MINORI, FRANCESCO DEL DEO PROPONE LO “STATUTO SPECIALE”

Redazione-