NASPI, RIFONDAZIONE COMUNISTA ISCHIA ADERISCE ALLA MANIFESTAZIONE DEL PCIML

Array

Rifondazione comunista ischia aderisce alla manifestazione indetta dal PCI M-L contro il taglio del sussidio di disoccupazione e le recenti manovre del jobs act che complessivamente smantellano i pochi diritti rimasti ai lavoratori e impone un livellamento forzoso, al ribasso, in materia di contratto. Si tratta della riesumazione raccogliticcia del vecchio progetto di Pietro Ichino, vale a dire la definitiva riduzione dei lavoratori a forza lavoro precaria, a basso costo, priva di diritti esigibili, licenziabile ad nutum (al cenno) entro i primi tre anni di lavoro, a prescindere dalla motivazione con cui il padrone decida di rescindere il rapporto. Ma – in definitiva – anche dopo, considerato che l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, dopo la cura Fornero, non esiste più, poiché la reintegrazione nel posto di lavoro è stata sostituita dall’elargizione di una mancia.

La stabilizzazione dei rapporti di lavoro (a tutela progressiva nel tempo) esiste dunque solo nel titolo del progetto, ma non nella realtà. Tutti i contratti di lavoro, anche se formalmente riuniti in un’unica fattispecie, sono infatti “a tempo”: l’azienda, e solo essa, è titolata a decidere sino a quando tenere in forza un lavoratore o quando invece sia giunto il momento, o l’oppotunità o, semplicemente, il desiderio di disfarsene. Per capire questo non occorre scomodare sofisticate argomentazioni: il lavoratore il cui rapporto di lavoro è in ogni momento appeso alla discrezionale volontà (agli umori) del suo datore di lavoro non è una persona libera, ma soggiogata dal ricatto implicito nell’asimmetria di forze fra i due soggetti e nell’impossibilità di fare valere qualsivoglia diritto, in quanto ciò potrebbe costargli molto caro.

In sostanza, uscendo dalla propaganda renziana e analizzando gli effetti concreti della delega sul mercato del lavoro, si rende tipico quello che per anni è stato definito atipico, stabile ciò che fino ad ora è stato definito precario, diventa regola ciò che per anni è stata definita l’eccezione (ovvero l’utilizzo dei contratti precari). Si ridisegna il nostro mercato del lavoro, livellando verso il basso il regime delle tutele lavorative,estendendo a tutte le nuove assunzioni quello che per anni è stato sperimentato sulle pelle di alcuni. La domanda, però, sorge spontanea: senza la cancellazione delle forme contrattuali introdotte con il pacchetto Treu, ovvero le forme contrattuali atipiche che hanno creato un esercito di precari, come si pensa di rendere il contratto a tutele crescenti uno strumento deterrente nei confronti della precarietà lavorativa? È qui che emerge la più grande contraddizione, a parole si dice di voler eliminare le forme contrattuali precarizzanti e nei fatti liberalizza i contratti a termine (come nel caso del decreto Poletti), introduce un nuovo contratto senza tutele (seppur crescenti nel tempo) e non indica nessuna forma contrattuale atipica da eliminare. In sostanza il contratto a tutele crescenti, nell’attuale contesto legislativo così come ridisegnato, è il quarantasettesimo contratto di lavoro previsto dal nostro ordinamento.

Utilizzando questi strumenti l’impresa potrebbe ottenere fino a nove anni consecutivi di precarietà, e il lavoratore ne trarrebbe solo ed esclusivamente un regime di minor tutela e esposizione al ricatto.

E qui che si interseca poi l’effetto NASPI. Il trattamento di disoccupazione viene ridisegnato in base alla storia contributiva del lavoratore. L’idea alla base è discriminatoria e non inclusiva: di fatto impone una discriminazione sulla base non tanto dei bisogni e della condizione materiale di coloro che hanno perso il lavoro, quanto sulla base della capacità contributiva degli stessi. Ma la capacità contributiva dipende dal tipo di contratto lavorativo che, come è noto da alcuni anni non deriva da una trattativa ma da calcoli di convenienza del datore di lavoro.

Cosi facendo si va indubbiamente a rompere quel sottile accordo al ribasso per cui molti lavoratori accettavano demansionamento, straordinari non riconosciuti, contratti part time poco chiari, tfr non pagati in vista del salvifico assegno di disoccupazione.

A fronte di questo quadro è sicuramente necessario scendere in piazza, ma parallelamente ci auspichiamo che chi vive del suo lavoro, frutto di sacrifici e privazioni enormi, inizi a prendere coscienza della propria condizione, inizi a distinguere gli amici dai nemici di classe , e dia il via ad una nuova stagione di lotte per i diritti del lavoro anche ad ischia.

Le ultime notizie

CASAMICCIOLA. NELLA CHIESA DI SANT’ANTONIO UN CORSO DI LINGUA DEI SEGNI

A partire da domani 24 luglio, ogni mercoledì alle...

BAGNOLI. CONTROLLI INTERFORZE

Nella mattinata di oggi, gli agenti del Commissariato Bagnoli,...

Newsletter

Continua a leggere

CASAMICCIOLA. NELLA CHIESA DI SANT’ANTONIO UN CORSO DI LINGUA DEI SEGNI

A partire da domani 24 luglio, ogni mercoledì alle...

BAGNOLI. CONTROLLI INTERFORZE

Nella mattinata di oggi, gli agenti del Commissariato Bagnoli,...

SERIE D. UFFICIALE, PEPPE MATTERA TORNA A VESTIRE LA MAGLIA DELL’ISCHIA CALCIO

Peppe Mattera è tornato a vestire la maglia dell’Ischia....

GUARDA IN TV. STASERA GLI SPECIALI: GIOSI FERRANDINO ED IL DIVIETO AI VEICOLI PESANTI E BRUNO MOLINARO SUL DECRETO SALVA CASA

Questa sera Teleischia trasmetterà alle 21.10 lo speciale "Giosi Ferrandino ed il divieto ai veicoli pesanti" ed alle 21.25 lo speciale Decreto Salva Casa?...

CASAMICCIOLA. NELLA CHIESA DI SANT’ANTONIO UN CORSO DI LINGUA DEI SEGNI

A partire da domani 24 luglio, ogni mercoledì alle ore 18.00, la Sala Parrocchiale della Chiesa Sant'Antonio ospiterà un corso di Lingua dei Segni....

BAGNOLI. CONTROLLI INTERFORZE

Nella mattinata di oggi, gli agenti del Commissariato Bagnoli, i militari dell’Arma dei Carabinieri, gli operatori della Guardia di Finanza e personale della Capitaneria...