IERI L’INTERROGATORIO DEL MARESCIALLO DELLA GUARDIA COSTIERA VANNI FERRANDINO. IL COMMENTO DELL’AVVOCATO BRUNO MOLINARO

MOLINAROIeri si è tenuto l’interrogatorio del maresciallo della guardia costiera Vanni Ferrandino davanti al GIP Montefusco alla presenza del PM Di Dona. Ferrandino è accusato di concussione ai danni di un albergatore isolano.
Il suo difensore, l’avvocato Bruno Molinaro ha dichiarato “Mi limito solo a dire che Vanni Ferrandino ha risposto a tutte le domande che gli sono state rivolte, fornendo la massima collaborazione possibile e basando le proprie dichiarazioni  a discarico su una serie di importanti elementi di prova documentale.
In sintesi, il Ferrandino ha professato con forza la propria innocenza e l’assoluta correttezza dell’attività svolta anche quale ufficiale di polizia giudiziaria.
D’altronde, i sequestri delle strutture lo testimoniano con solare evidenza, così come le dichiarazioni dello stesso albergatore che ha riferito agli inquirenti di non aver mai subito “abusi di autorità”.
Le vacanze – lo si ripete – sono state pagate dal Ferrandino con danaro proprio e l’acquisizione ad opera della Procura della copia forense della memoria dei dispositivi elettronici (computer, telefonini, ecc.) rinvenuti presso la sua abitazione non potrà che confermare ulteriormente tale circostanza.
Ovviamente una simile operazione richiede i necessari tempi tecnici ma il tempo è … galantuomo, come lo è, per la sua storia personale e professionale, lo stesso Ferrandino.
Si è, poi, appreso dai giornali che gli inquirenti avrebbero organizzato una vera e propria “trappola” per incastrare il Ferrandino.
Se le cose stanno così, è innegabile che i risultati di tale attività non siano processualmente utilizzabili in quanto la Corte Europea, le cui statuizioni in materia sono vincolanti anche per i giudici italiani, ha ripetutamente affermato che, in tal caso, “deve ritenersi violata la clausola del processo equo di cui all’art. 6 della CEDU”.
È noto, peraltro, che la legge italiana riconosce la possibilità, sin dal 1990, di far ricorso alla figura dell’agente “provocatore” (poliziotto o privato cittadino) solo per indagini riguardanti la criminalità organizzata e nell’ambito del contrasto al traffico di stupefacenti, al terrorismo e al mercato illegale delle armi.
Analoga possibilità non è affatto prevista per le indagini riguardanti i reati contro la pubblica amministrazione.
Lo conferma il fatto che lo stesso Consiglio Superiore della Magistratura, in una relazione di studio trasmessa alla Commissione per la riforma della giustizia, ed ancor più di recente anche il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone, con propria proposta al Governo, hanno espressamente chiesto di estendere la previsione anche alle indagini su quei reati, ai quali il Ferrandino è, comunque, estraneo””.

Le ultime notizie

Newsletter

Continua a leggere

CALCIO. UFFICIALE, GIUSEPPE AMBROSINO IN PRESTITO AL FROSINONE

Dopo l’esperienza in prestito al Catanzaro della scorsa stagione, il procidano Giuseppe Ambrosino era rientrato al Napoli, sua società di appartenenza. Ora per lui...

CASAMICCIOLA. AVVIATO IL CANTIERE PER LA RICOSTRUZIONE DELLA CHIESA DI SANT’ANTONIO A PERRONE

È stato inaugurato oggi, nel comune di Casamicciola Terme, il cantiere per i lavori di consolidamento e restauro della Chiesa di Sant’Antonio da Padova....

ISCHIA. ENORME BRANCO DI DELFINI AVVISTATO TRA L’ISOLA VERDE E VENTOTENE

Un avvistamento naturalistico straordinario: un gruppo di oltre 200 delfini, che nuotavano insieme al largo di Ischia in direzione dell'isola di Ventotene, sono stati...