CONTRO LA PAGANESE ANCORA UNA SCONFITTA DELL’ISCHIA (0-2): IL VERO FALLIMENTO DI UNA SOCIETA’ IMPREPARATA PER LA LEGA PRO.

L’Ischia in piena zona play out, con la sola Lupa Castelli Romani alle spalle, scende in campo al Mazzella nel derby contro la Paganese. E’ una gara importante, ma il pubblico in netto contrasto con il presidente Rapullino e con l’amministratore unico Di Bello, promette di disertare la gara, e lo fa in modo compatto.

Solo 200 gli spettatori, numero più numero meno. Il colpo d’occhio è davvero impietoso. Poche sedie occupate tra tantissime vuote, e spalti senza tifo, tanto da poter ascoltare le contestazioni solitarie che si alternano, indirizzate alla società ed al tecnico. Mister Porta nonostante l’assenza degli ultras non viene accolto tra gli applausi alla sua prima al Mazzella di quest’anno.

Ma passiamo alla gara. L’Ischia si schiera con un 4-3-3. Si nota e fa male l’assenza di Pistola (classe ’97) che dopo l’esordio allo Zaccheria di qualche giorno fa non figura neppure in panchina. Stesso modulo quello proposto da Grassadonia, ma con una fluidità di manovra e meccanismi decisamente più oleati. Tra gli azzurro stellati, gli ex Sirignano, Cunzi e Marruocco, rimpianti dal pubblico e lasciati andar via probabilmente troppo facilmente. Al termine della gara figureranno tra i protagonisti dell’incontro. Nell’Ischia si spera nella vena di Kanoutè: ma l’attaccante nonostante “canti e porti la croce” è troppo solo in una squadra che ha grossi problemi a ritrovarsi sopratutto nella manovra offensiva. Troppo lento e mai determinante Spezzani, non in giornata Di Vicino, bocciato Gomes, Armeno si impegna tanto, ma mai viene innescato come vorrebbe… e poi l’espulsione di Bruno, fino al 58′ il migliore dei suoi.

Parte subito forte la Paganese che dopo pochi istanti viene fermata da un fuorigioco dubbio. Ma al 6′ è già in vantaggio con Cunzi che brucia la difesa in linea dell’Ischia e salta anche il portiere depositando la palla nella porta vuota. Poi Sirignano in area viene anticipato. Al17′ l’occasione più importante dell’Ischia: colpo di testa forte ed angolato di Gomes con parata straordinaria di Marruocco. Al 18′ un tiro dal limite di Bruno finisce a lato e poi ancora Gomes di testa vede il suo tiro finire tra le braccia di Marruocco. L’ultimo brivido del primo tempo giunge con un altro tiro di Bruno dal Limite deviato in angolo da Marruocco. Nella ripresa parte ancora forte la Paganese: al 7′ occasione per Caccavallo e bella parata di Modesti. Poi la prima ammonizione di Bruno cui fa seguito un’altra per un fallo di mano dopo appena cinque minuti: siamo al 13′ e l’Ischia resta in dieci. Al 25′ azione personale di Deli che salta almeno tre avversari, poi a tu per tu con Modesti coglie il palo. Al 32′ bel tiro dal limite di Acampora che termina di poco alto. Allo scadere azione personale di Palmiero che batte Modest in uscitai e mette in goal per il due a zero.

Finisce con l’ennesima sconfitta, la quinta in sei gare, nel mezzo solo un pareggio, la gara di oggi che palesa i limiti evidentissimi di una squadra incapace di poter affrontare la Lega Pro. E’ l’ennesimo riscontro di un fallimento di una società incapace di saper programmare, ma sopratutto incapace di sapersi rapportare con tifosi e territorio. I veri responsabili di questo fallimento hanno un nome ed un cognome: Vicky Di Bello e Luigi Rappullino, amministratore unico e presidente dell’Ischia Isolaverde.

Il Tabellino:

Ischia Isolaverde 4-3-3: Modesti; Florio, Filosa (15′ Savi), Moracci, Bruno; Acampora (78′ Rubino), Spezzani, Di Vicino; Kanoute, Gomez (55′ Perreira), Armeno. In panchina: Di Donato, De Palma, D’Angelo, Guarino, Palma, Porcino, Manna e De Clemente. All. Porta

Paganese 4-3-3: Marruocco; Esposito, Bocchetti (46′ Dozi), Sirignano Della Corte; Guerri, Carcione, Cicerelli (73′ Vella); Deli (83′ Palmiero), Cunzi, Caccavallo. In panchina: Borsellini, Magri, Penna, Acampora, Cassata, Grillo, Tommasone e Parente. All. Grassadonia.

Arbitro: Sozza di Seregno

Reti: 6′ Cunzi, 48′ Palmiero

Ammoniti: Bruno, Moracci e Spezzani per l’Ischia; Cunzi per la Paganese. Espulso per doppia ammonizione Bruno al 58′.

Spettatori circa 200.

Le ultime notizie

FORIO. VITO IACONO: BASTA CHIACCHIERE! SISTEMATE LA STRADA CHE COLLEGA FORIO E PANZA

Il consigliere di minoranza al comune di Forio e...

NAPOLI. TRAGEDIA DI SCAMPIA: LE ULTIME DALLA PREFETTURA

Continua l'attività del Centro Coordinamento Soccorsi che, riunito dal...

OHIBO’, OGNI LIMITE HA UNA PAZIENZA. DI ANTIMO PUCA

Il cuore dell'uomo è come un cammello che, se...

Newsletter

Continua a leggere

FORIO. VITO IACONO: BASTA CHIACCHIERE! SISTEMATE LA STRADA CHE COLLEGA FORIO E PANZA

Il consigliere di minoranza al comune di Forio e...

NAPOLI. TRAGEDIA DI SCAMPIA: LE ULTIME DALLA PREFETTURA

Continua l'attività del Centro Coordinamento Soccorsi che, riunito dal...

OHIBO’, OGNI LIMITE HA UNA PAZIENZA. DI ANTIMO PUCA

Il cuore dell'uomo è come un cammello che, se...

TIGI LIS DEL 23 07 2024

https://youtu.be/pxyrWFa6cTc

SERIE D. UFFICIALE, PEPPE MATTERA TORNA A VESTIRE LA MAGLIA DELL’ISCHIA CALCIO

Peppe Mattera è tornato a vestire la maglia dell’Ischia. L’annuncio oggi, sui canali social della società gialloblù che riabbraccia il capitano dello scudetto dei...

CASAMICCIOLA. CONCERTO DI RAF, DONNA COLTA DA MALORE. RIANIMATA DAI SANITARI DEL 118

Malore per una donna ieri sera a Casamicciola nel corso del concerto di Raf: la donna ha avuto bisogno di ricorrere alle cure dei...

CASAMICCIOLA. TUTTO CONFERMATO PER IL CONCERTO DI RAF: QUESTA SERA ALLE 22.00 AL PIAZZALE ANNA DE FELICE

È tutto pronto, nel comune di Casamicciola Terme, per il concerto di Raf, che avrà inizio alle 22.00 al piazzale Anna De Felice. Scongiurata...