Teleischia
Cronaca

PORTO DI NAPOLI: SEGNALAZIONI IMPRECISE, I TURISTI SI LAMENTANO

L’Azienda Turismo ha ricevuto segnalazioni in merito ai disagi subiti dai viaggiatori a causa di un’imprecisa segnalazione dei punti di imbarco e delle denominazioni dei moli ed ha quindi informato della questione l’autorità portuale di Napoli. Molti sono i turisti, infatti, che giunti presso il porto di Napoli al Molo Beverello, restano ingannati dal tabellone luminoso indicativo dell’orario di partenza e del numero del posto di ormeggio. Le difficoltà vissute sono dovute al fatto che i numeri d’ormeggio localizzati al Molo Beverello vanno dall’ 1 all’ 11. I successivi numeri, quindi a partire dal n.12, sono invece localizzati presso la darsena Calata Porta di Massa. I turisti che intendono raggiungere le isole di Ischia e di Procida con le navi traghetto, dopo aver preso visione delle partenze tramite il tabellone luminoso, cercano inutilmente i punti d’imbarco lungo la banchina prospiciente, ignorando che la banchina di partenza è in realtà distante circa un chilometro a piedi, molto più distante se si deve raggiungere il punto in automobile. Ignorando, tra l’altro, che esiste un servizio navetta gratuito che collega i due imbarchi.

La mancata differenziazione tra i moli di imbarco aliscafo-traghetto, finisce per far perdere tempo prezioso ai viaggiatori che, in qualche caso, rischiano di arrivare in ritardo alla partenza. Si chiede quindi, nel comune interesse di rendere un migliore servizio a favore dei viaggiatori, di attivarsi rapidamente per rimediare alla incompleta indicazione del tabellone luminoso e ad evidenziare l’esistenza del servizio navetta.

POTREBBE INTERESSARTI

GUARDA IN TV. LA SANTA MESSA DALLA PARROCCHIA DI SAN CIRO (ISCHIA) ALLE 19.00

Redazione-

GUARDA IN TV. LA SANTA MESSA DALLA PARROCCHIA DI SAN CIRO (ISCHIA) ALLE 9.30

Redazione-

CASAMICCIOLA. NON REGISTRA OTTO OSPITI, DENUNCIATA

Redazione-

ISCHIA. CONTROLLI DELLA POLIZIA: 22 I VEICOLI MULTATI”

Redazione-

REGNO DI NETTUNO. VIA LIBERA AI MAXI YACHT: POTRANNO ANCORARE IN ZONE “AD HOC”

Redazione-