Teleischia
Cronaca

E’ MORTO ENZO MIGLIACCIO “IL LIBRAIO DELL’ISOLA D’ISCHIA”

Rapito da un male incurabile e crudele oggi è morto Enzo Migliaccio, “il libraio” di Imagaenaria. Per noi del gruppo delle sue prime vacanze ad Ischia, quelle degli inizi anni ’70 era solo “Enzo il calabrese”. Ogni anno nel periodo estivo giungeva ad Ischia per la stagione calda e passava con noi la sua giornata, dal pomeriggio a sera, all’Enal del sig. Modesto. Si giocava solo a “Ping-Pong”, e ad oltranza, sudando magliette e camicie e finendo spesso a torso nudo. Indimenticabili le partite tra Enzo, per tutti un campione dall’impugnatura strana e Bruno Borgogna, il più bravo in mezzo a noi e poi Gabriele Carcaterra, Peppe Romano, Antonio Di Scala e successivamente Peppe Compagnoni e Carlo Iacono. E non è possiamo dimenticare Livio Sguben l’ottantenne violinista, che schizzava sotto al tavolo per raccogliere la palla che noi giovani pigri ritardavamo a prendere: il sig. Sguben del 15 “pari-gi”. Dal ping-pong alle uscite serali, ai primi innamoramenti, all’amicizia il passo è stato breve, tant’è che Enzo decide al termine un’estate di non tornare alla sua Catanzaro. Ha deciso: non gli serve la casa, lui vive nella abitazione di campagna del padre che diviene spesso ritrovo di tutti noi. Nel frattempo inzia a cercare lavoro. Orgoglioso Calabrese, non chiede niente a nessuno e finisce a lavorare in campagna a fare vendemmie ed altro: ”Mi hanno fatto lavorare come un negro” ci diceva. Da lì alla edicola in gestione, il passo è breve. Inizia il nuovo lavoro a Lacco Ameno. Ma gli interessano più i libri che i giornali. Molto libero di pensiero e senza tabù, ad una anziana in vacanza che gli chiede “Il sole 24 ore” avendo sentito male, le porge “Le Ore” giornale hard del tempo, senza batter ciglio. Solo lo stupore della cliente lo fa sorridere. Si fa subito apprezzare, l’edicola diventa una piccola libreria. “La libreria” il suo grande sogno, diviene realtà qualche anno dopo: eccolo alla “Gaia Scienza”. Subito il suo locale di Ischia Ponte diviene punto di riferimento per tanti isolani, soprattutto per le persone di cultura. Quì non solo si trovano i libri, anche i più difficili da reperire, ma sopratutto un interlocutore col quale è un piacere parlare e che ne sa spesso più di tutti. Il passaggio alla libreria Imageanaria, nel vicolo del Museo del Mare è un fatto degli ultimi anni, e poi quello sotto al Palazzo dell’orologio, ci sembra accaduto appena ieri. L’Enzo Migliaccio, libraio, anzi “il libraio dell’isola d’Ischia” è noto a tutti… a noi oggi è ricomparso l’ “Enzo il calabrese” che abbiamo conosciuto circa 40 anni fà.

nella foto all’interno della libreria con Antonietta Manzi e Barbara Salamacha sua moglie.

POTREBBE INTERESSARTI

GUARDA IN TV. LA SANTA MESSA DALLA PARROCCHIA DI SAN CIRO (ISCHIA) ALLE 19.00

Redazione-

GUARDA IN TV. LA SANTA MESSA DALLA PARROCCHIA DI SAN CIRO (ISCHIA) ALLE 9.30

Redazione-

CASAMICCIOLA. NON REGISTRA OTTO OSPITI, DENUNCIATA

Redazione-

ISCHIA. CONTROLLI DELLA POLIZIA: 22 I VEICOLI MULTATI”

Redazione-

REGNO DI NETTUNO. VIA LIBERA AI MAXI YACHT: POTRANNO ANCORARE IN ZONE “AD HOC”

Redazione-