Teleischia
Senza categoria

ISOLA OFF LIMITS PER I DISABILI, IL PRESIDENTE DELL’ANIDA INCONTRA LE ISTITUZIONI

L’isola d’ischia è inaccessibile ai diversamente abili: se ne è reso conto il presidente nazionale dell’ANIDA, l’associazione dei diversamente abili italiani, Giuseppe sannino che dopo circa 30 anni ha deciso di ritornare sull’isola verde per trascorrere qualche giorno di vacanza. Purtroppo, il problema sorge già dall’accesso ai mezzi di navigazione, aliscafi e traghetti, per nulla attrezzati ad accogliere chi non è auto sufficiente. Ma l’isola è carente in più punti: dagli autobus, alle aree di sosta per le auto, addirittura diversi alberghi e luoghi pubblici sono off limits per chi si muove in carrozzella. Dopo l’articolo pubblicato dal Redattore Sociale e l’intervista rilasciata su RADIO RAI 1, il presidente Sannino ha incontrato il sindaco di Forio Francesco Del Deo. Il sindaco ha tenuto a precisare che l’amministrazione attuale si è insediata solo da un anno, ma ha tutte le intenzioni di migliorare le condizioni di accessibilità del Comune di Forio. Allora il Presidente ha fatto notare al Primo Cittadino che proprio la sede del Comune in cui si è svolto l’incontro – nell ostabile dell’ex hotel green flash – risulta priva della rampa di accesso per i disabili. Il sindaco Del Deo si è giustificato, affermando che i locali a breve saranno lasciati dall’amministrazione comunale, perché l’affitto ammonta a circa 200.000,00 euro all’anno. Ma questa è una storia ormai vecchia, più volte trattata e mai conclusa…

All’incontro era presente anche il consigliere delegato alla viabilità del Comune di Forio d’Ischia Mario Savio, il quale con il Sindaco ha ascoltato, preso atto e condiviso le giuste rimostranze del Presidente: marciapiedi non a norma, lidi e spiagge inaccessibili, mare vietato ai disabili e strutture termali non del tutto accessibili. Al termine dell’incontro Sannino ha rivolto alcune domande al Sindaco e al consigliere savio: quanti sono i contrassegni rilasciati dal comune di Forio, quanti sono gli stalli e quanti i parcheggi riservati ai disabili nel comune. Il sindaco gli ha riferito che nel giro di un paio di giorni fornirà le risposte alle sue domande.

Qualche giorno prima le stesse domande erano state rivolte al Comandante dei Vigili Urbani di Lacco Ameno Raffaele Monti, che gli ha riferito che il Comune di Lacco Ameno ha rilasciato 700 contrassegni su 5.000 abitanti bambini compresi e soltanto due stalli. “La richiesta di soli due stalli su 700 contrassegni lascia parecchi dubbi sulla natura delle richieste”, ha commentato il presidente sannino