Cultura

Alberto Fasulo, da Ischia al trionfo di Roma

Gianluca Castagna | Da Ischia a Roma. Dal festival delle location a quello della capitale del cinema italiano. In entrambi i casi, il premio più prestigioso. A vincere il Marc’ Aurelio d’Oro come miglior Film al Festival Internazionale del Film di Roma 2013 è infatti TIR, di Alberto Fasulo. Friulano di origine ma romano d’adozione, Fasulo è stato direttore della fotografia di numerosi progetti cinematografici fino ad arrivare al titolo che lo ha imposto tra gli addetti ai lavori: Rumore Bianco, splendido affresco sul fiume Tagliamento premiato proprio a Ischia nel 2009 al festival di Michelangelo Messina come “miglior documentario dell’anno”. Un grande racconto sul fiume che attraversa il Friuli e segna un solco fatale tra due territori, due culture e due mentalità. Quattro anni fa a consegnare il premio a Fasulo nella serata finale dell’Ischia Film Festival fu un altro grande documentarista italiano, Leonardo Di Costanzo.

Con Tir Fasulo è tornato al cinema dopo anni di assenza. Ancora una storia che non rinnega la forte componente documentaristica del racconto, a riprova dello stato di salute di un genere sempre sottovalutato nel nostro Paese, ma che conquista giurie e festival internazionali (a vincere il Leone d’oro a Venezia è stato un altro documentario italiano, Gra di Gianfranco Rosi). Come il titolo suggerisce, protagonisti di Tirsono i camionisti. Uno in particolare: un ex insegnante riciclatosi in guidatore di tir. Un lavoro spesso denigrato, massacrante, solitario, che ti porta a vivere lontano dalle persone care per cui, in fondo, stai lavorando. Il risultato è ancora un ‘affresco’. Di strade, autostrade e tutte le arterie che compongono il traffico internazionale d’Europa.
“Volevo raccontare questa solitudine” ha dichiarato il regista “esplorare i limiti di resistenza di una persona che ha compiuto una scelta lavorativa più o meno consapevole e adesso ne paga le conseguenze, vivendola fino in fondo“.

La Giuria Internazionale, presieduta dal regista americano James Gray, era composta quest’anno da Veronica Chen, Luca Guadagnino, Aleksei Guskov, Noémie Lvovsky, Amir Naderi e Zhang Yuan.
Tir è prodotto dalla Nefertiti Film, Focus-Media in collaborazione con Rai Cinema, ed stato girato in diverse location quali Ucraina, Ungheria, Slovenia, Italia, Francia, Spagna, Portogallo e Lubiana

 

Have your say