Teleischia
Senza categoria

ISCHIA, PIANTUMATI TRE ALBERI DI YUCCA OFFERTI DAI CITTADINI

di Gennaro Savio

Grazie all’impegno e alla forte volontà di un comitato spontaneo di cittadini voluto da Ennio Anastasio, il patrimonio arboreo del Comune di Ischia negli ultimi mesi si è arricchito di quindici nuovi alberi piantumati lungo le strade del Paese, presso la Scuola elementare Onofrio Buonocore e in alcuni parchi pubblici. Gli ultimi in ordine di tempo sono stati piantati questa mattina, in un’aiuola situata all’ingresso del polifunzionale del Comune di Ischia. Si tratta di una zona centrale di Ischia le cui aiuole da anni sono tenute nell’incuria e nell’abbandono più totale da parte dell’Amministrazione comunale e che ora, grazie al gesto nobile di semplici cittadini, riacquista la sua dignità con la piantumazione di ben tre grossi Yucca offerti dal Dott. Giovanni Mazzella, trasportati grazie al contributo volontario di Aldo Casa e sistemati dagli operai di Ischia Ambiente. Ennio Anastasio davanti alle nostre telecamere ha voluto ringraziare il Dott. Mazzella, Aldo Casa, gli operai di Ischia Ambiente e tutti coloro che in questi giorni sono stati impegnati nella piantumazione degli Yucca. La particolarità più significativa legata alla nascita del comitato spontaneo, è che quest’ultimo sorse all’indomani dell’abbattimento del leccio secolare presente in via Antonio De Luca e per il quale, gli stessi cittadini che oggi impegnati nella donazione e nella piantumazione di nuovi alberi, ne chiesero la verifica statica essendo preoccupati per la sua impressionante inclinazione. Il responso della perizia statica fu inequivocabile: quell’albero che di diritto era assurto per decenni a simbolo di un intero Quartiere, andava purtroppo rimosso perché pericoloso per la pubblica incolumità. Ebbene, i cittadini che giustamente avevano chiesto rassicurazioni circa la pericolosità o meno di quell’enorme albero, furono accusati di essere dei nemici del verde pubblico. Un’accusa che anche noi, attraverso i nostri innumerevoli e dettagliati servizi giornalistici, rispedimmo al mittente e che oggi risulta ancora più infondata se pensiamo che la rimozione del pericoloso leccio ha consentito, per merito esclusivo di semplici cittadini, un consistente incremento del patrimonio arboreo dell’intero Comune di Ischia.