Teleischia
Cronaca

CAVA DELL’ISOLA: SCOPPIA LA BAGARRE

A Forio sembra essere esplosa una vera e propria “bomba” politica e sociale intorno al caso di Cava dell’Isola dove feroci sono state nei giorni scorsi le polemiche per la paventata realizzazione da parte di privati di una discesa a mare. Sugli organi di informazione e sui social network durissima è stata la condanna di coloro che si battono contro la realizzazione di uno sbocco sull’arenile allarmati anche dalla presentazione, da parte dei privati, del progetto per la messa in sicurezza definitiva del costone che, tra l’altro, prevede anche la realizzazione di due nuovi terrazzamenti sulla frana da sistemare e una discesa a mare che è stata proposta con la giustificazione di rendere accessibile l’arenile ai diversamente abili. E nei giorni scorsi il Consigliere comunale del Partito Comunista Italiano Marxista-Leninista, Domenico Savio, in merito aveva inviato al Sindaco Francesco Del Deo, e per conoscenza alla Soprintendenza ai Beni Ambientali di Napoli, una dettagliata interrogazione affinché la pubblica amministrazione facesse finalmente chiarezza su quanto sta avvenendo su quel muraglione già pesantemente martoriato dalle trasformazioni urbanistiche, autorizzate o meno, che nell’ultimo cinquantennio sono state consentite nei territori sovrastanti la spiaggia di Cava dal potere politico padronale e clientelare dominante ai vari livelli istituzionali, dalle amministrazioni comunali alla Soprintendenza ai beni ambientali di Napoli alla regione Campania. Ebbene, in queste ore il caso Cava tiene banco come non mai e si susseguono colpi di scena e dichiarazioni roventi. Infatti l’Assessore Luciano Castaldi si è dimesso dall’incarico conferitogli dal Sindaco Del Deo dopo che sul suo profilo FaceBook aveva scritto: “Cava dell’isola: ennesima sconfitta della civiltà. Inutile prendersi in giro”. Poche parole ma dal significato molto esplicito. E sempre sul famoso social network, non si è fatto attendere il durissimo commento del Consigliere del PCIML Domenico Savio che ha dichiarato: “Si stanno realizzando lavori consistenti senza un progetto e senza il parere della Commissione per il paesaggio e la Soprintendenza ai beni ambientali. Sino a qualche giorno fa il Comune non era neppure andato a verificare quello che si stava facendo e ho chiesto di andare almeno a controllare quanto stavano realizzando e se poteva essere consentito. Presenterò un dettagliato esposto alle Autorità di controllo: in galera chi sta consentendo la continuità dello sfregio ambientale a Cava dell’Isola! Comunque, se si concretizzare la discesa a mare le conseguenze saranno durissime per coloro che lo avranno consentito: il Sindaco e gli uffici comunali sono a conoscenza delle richieste e degli obiettivi dei privati! Fate attenzione, perché all’indecenza amministrativa c’è un limite!”. E getta benzina sul fuoco anche Vito Iacono, Consigliere comunale della lista civica il Volo che ha parlato “di sistema di relazioni inquietanti” affermando tra l’altro: ““Arroganza, violenza, presunzione, coperture, connivenze, complicità. Mi ha chiesto mio figlio, forse condizionato dalla visione di “gomorra”, ma giù a Cava dell’Isola è tutto in mano alla camorra? Mi verrebbe di rispondere che è il paese che è in mano alla camorra come sistema di relazioni inquietanti. Cava dell’Isola è solo il simbolo di quello che accade nella quotidianità nel nostro paese. Mettere in sicurezza un’area non significa desertificarla, non significa appiccare incendi. Cava è solo simbolo e forse palestra dell’imbarbarimento del tessuto sociale ed economico del nostro paese”. Sin qui alcune dichiarazioni di Iacono. Cosa aggiungere. Dopo il polverone sollevato in queste ore da chi ha a cuore le sorti ambientali di Cava dell’Isola, riteniamo che tutte le Istituzioni dello Stato debbano intervenire per tutelare il costone dell’arenile da eventuali e paventati tentativi di creare, semmai anche in futuro, un accesso sulla spiaggia.

POTREBBE INTERESSARTI

ALLUVIONE DI CASAMICCIOLA. CARABINIERI, OPERAZIONE ANTI-SCIACALLAGGIO

Redazione-

ISCHIA. PERICOLO FRANE, ALLERTA DELLA GUARDIA COSTIERA PER SMOTTAMENTO BANCHINA A SANT’ANGELO

Redazione-

ISCHIA. PERICOLO FRANE, ALLERTA DELLA GUARDIA COSTIERA PER DUE COSTONI SULLA SPIAGGIA DEI MARONTI

Redazione-

ISCHIA. ALLUVIONE CASAMICCIOLA, OSPITATI NEGLI HOTEL 417 CITTADINI, 10 FAMIGLIE RIFIUTANO EVACUAZIONE

Redazione-

ISCHIA. ALLUVIONE CASAMICCIOLA, CALCATERRA:”AVVIATO DA MESI LO STUDIO PER IL PIANO DI EMERGENZA” (SERVIZIO TV)

Redazione-