Teleischia
Senza categoria

LE NO PROFIT DI ISCHIA CHIEDONO EFFICIENZA E TRASPARENZA SULLA GESTIONE DEL REGNO DI NETTUNO

Le organizzazioni non profit dell’isola d’Ischia : Un Ponte nel Vento, Legambiente Ischia, Nemo Ischia, Oceanomare Delphis onlus, ENPA Ischia chiedono efficienza e trasparenza.

Per propria mission sono tutte strettamente correlate all’ambiente e alla sua salvaguardia, nella profonda convinzione che tutti siamo beneficiari e fruitori di qualcosa che non ci appartiene e di cui dobbiamo sentirci custodi e responsabili nei riguardi delle generazioni future.

Alla luce di una condizione in cui il Regno di Nettuno appare privo di controlli che garantiscano il rispetto delle norme e diano la percezione di trovarsi in un’area dove la natura è così generosa da essere istituzionalmente “protetta” e dopo la riunione di consultazione indetta dal Responsabile Dott Riccardo M. Strada per la programmazione ISEA a cui sono state invitate e di cui non si è conosciuto alcun seguito, il 3 Giugno 2014 le cinque organizzazioni hanno presentato una richiesta formale al consorzio gestore dell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno di chiarimento sulle modalità di gestione dell’area marina protetta e lo stato delle progettualità.

Avendo esaminato attentamente la documentazione presente sul sito dell’AMP Regno di Nettuno e letto il documento di programmazione con prot 492/13 presentato e approvato dal CDA dell’AMP in data 5/8/2013 , privo tuttavia della delibera del consorzio chiedono chiarimenti sulla mancata attuazione di quasi tutte le attività previste: mancata attuazione che oltre a non ottemperare normative ed esigenze proprie delle aree marine protette, induce al non rispetto delle regole e all’impunità di chi le contravviene.

Chiedono altresì che sia garantita come prevista la presenza alle riunioni del CDA del consorzio del rappresentante delle associazioni no profit che si occupano di ambiente, formalmente indicato con comunicazione scritta il 17 Dicembre 2013 a conferma della garanzia dei requisiti di trasparenza richiesti nella gestione di un bene pubblico.