Teleischia
Senza categoria

G.B. CASTAGNA “PIO MONTE, CON UN ACCORDO POSSIAMO RILANCIARE L’AREA”

Un accordo con l’ente morale Pio Monte della Misericordia per recuperare il gigantesco complesso fatiscente situato sul lungomare di Casamicciola Terme.

È questa l’intenzione del candidato sindaco Giovan Battista Castagna, contenuta anche nel programma elettorale della lista “Per Casamicciola”.

“Se diventerò sindaco avrò tra le mie più grandi preoccupazioni quella di trovare finalmente una soluzione, vera e definitiva, per la questione del Pio Monte”, dichiara l’ing. Castagna, il quale spiega: “Un tempo questo complesso termale, carico di storia, era un fiore all’occhiello: adesso è una piaga sul volto di Casamicciola, una bruttura immediatamente visibile ad ogni turista appena entra nel porto”.

Quella del Pio Monte è una questione che ormai può ben definirsi incancrenita: dura da troppi decenni. E tuttavia qualcuno ha provato a risolverla con la forza: “Una scelta sbagliata”, commenta G. B. Castagna, “che ha provocato come unico risultato l’irrigidimento dell’ente Pio Monte, proprietario della struttura, e la condanna del Comune di Casamicciola a pagare cifre stratosferiche”.

Per questo motivo, secondo il candidato sindaco di “Per Casamicciola”, “è arrivato il momento di sedersi ad un tavolo con i responsabili dell’ente Pio Monte e firmare la pace: una pace che sia effettiva, solida e porti al rilancio dell’intera area”.

Sono possibili varie soluzioni: anche cedere la gestione ad un privato per realizzare un centro termale d’eccellenza ed un albergo a cinque stelle extralusso; l’importante, però, è che ci sia accordo tra il Comune ed i responsabili napoletani del Pio Monte, un accordo che porti benessere e ricchezza a tutti e crei occupazione.

“E’ un progetto ambizioso, lo so: ma credo che con l’impegno e la buona fede possiamo arrivare ad una proficua collaborazione con il Pio Monte”, conclude l’ing. Castagna.

Come scritto nel programma della lista “Per Casamicciola” “la priorità va data agli interventi di recupero del Pio Monte della Misericordia e degli stabilimenti termali di Casamicciola alta, al fine di creare nuova occupazione e di consentire massicci investimenti finanziari a beneficio del territorio”. Il dialogo con l’ente Pio Monte dovrebbe portare quantomeno ad una partnership per realizzare un centro di ricerca e formazione universitaria sul termalismo e “promuovere la nostra risorsa primaria: le terme”.