Teleischia
Senza categoria

GIAMBATTISTA CASTAGNA “SI ALLA REVISIONE DELLE TARIFFE PER L’ORMEGGIO”

Giovan Battista Castagna, candidato a sindaco della lista “Per Casamicciola”, presso la casina del Pio Monte della Misericordia ha incontrato una delegazione di cittadini casamicciolesi titolari di un posto barca nel locale porto turistico. I diportisti residenti hanno rappresentato all’ing. Castagna le problematiche di quei cittadini i quali, per tradizione e passione, dispongono di una piccola imbarcazione, generalmente inferiore ai cinque metri e, quasi sempre, assimilabile alla tipologia del gozzo o, addirittura, del gommone. Questi cittadini (molti dei quali pensionati e persone a basso reddito) hanno dovuto subire, negli ultimi anni, un notevole aumento delle tariffe per la sosta nel porto della propria barca, oltretutto venendo discriminati in estate, quando devono accettare la sistemazione sui pontili galleggianti esterni per lasciare i posti migliori e più sicuri ai grossi natanti dei diportisti forestieri.

I piccoli diportisti casamicciolesi contestano fortemente sia questi aumenti, ritenuti vessatori ed insostenibili per le modeste finanze dei residenti, sia la presenza di numerosi residenti solo teorici, cioè forestieri che hanno la residenza a Casamicciola ma sono presenti esclusivamente in estate, usufruendo però delle agevolazioni tariffarie e andando, così, ad incidere negativamente sul bilancio del porto.

Giovan Battista Castagna ha ascoltato tutte le rimostranze ed ha ricordato che, tra i primi punti del suo programma, c’è la revoca della liquidazione di “Marina di Casamicciola”, la società comunale che gestisce il porto turistico. Così facendo si potrà anche revocare l’attuale meccanismo tariffario e sostituirlo, se possibile, con una diversa articolazione che sia incentrata sulla salvaguardia dei residenti storici.

“Ho ascoltato con attenzione le problematiche dei piccoli diportisti casamicciolesi”, ha dichiarato l’ing. Castagna al termine della riunione, “e mi sono impegnato a revisionare profondamente tutta la materia tenendo presenti, innanzitutto, i diritti dei residenti. Non è giusto che essi vengano chiamati a risanare un bilancio dissestato per altre responsabilità”. cs