Teleischia
Appuntamenti

ISCHIA TEATRO FESTIVAL, ULTIMO SPETTACOLO. DAL 2 AL 4 MAGGIO “BRANDELLI D’ITALIA”

In scena dal 2 al 4 maggio La Piccola Compagnia Impertinente con la regia si Pierluigi

Bevilacqua, alla Sala Teatro Polifunzionale, sipario ore 21.00

BRANDELLI D’ITALIA

Sarà in scena al Polifunzionale di Ischia dal 2 al 4 maggio “Brandelli d’Italia” di Pierluigi

Bevilacqua. Uno spettacolo corale dal carattere spiccatamente politico, per uno sguardo

ironico e disincantato sulle piccole e grandi miserie del nostro Paese. Frutto del lavoro di

un anno della scuola di teatro della Piccola Compagnia Impertinente con sede a Foggia,

Brandelli d’Italia nasce dalla consapevolezza che descrivere questo paese non è affatto

un’impresa semplice: ci sono troppe diversità, troppi punti di vista capaci di spiazzare uniti

ad un’abbondante dose di cinismo e, in questi ultimi tempi, di sconforto. Ma l’Italia è allo

stesso tempo anche quel luogo dove si dimenticano i problemi con una grande capacità

“circense”: il fare festa è così diventata una dimensione alternativa, in cui tutto ciò che non ci

sta bene viene messo da parte, una sorta di rito di purificazione che continua a compiersi, a

cadenza annuale. Brandelli d’Italia sceglie di soffermarsi su temi attuali significativi come la

comunicazione televisiva, la volgarità, la politica faziosa, la partenza e l’immigrazione coatta,

quella condizione che non ha più le vesti dell’estrema povertà fisica, ma quelle dell’anima,

del dispiacere per il non poter appartenere, per il cambiamento mai avvenuto.

NOTE DI REGIA di Pierluigi Bevilacqua

Pensare ad uno spettacolo dal tema “politico” da realizzare in forma corale non è stata una

buona idea. Così ci è capitato di doverci fermare a pensare a metà del percorso, quando

il lavoro di improvvisazione non portava che accenni di testo. Quello che ne è venuto

fuori è uno spettacolo che si pone alcuni interrogativi, quelli a cui ogni giorno dovremmo

almeno provare a dare una risposta: È un paese in rovina questo? O lo è sempre stato, e la

condizione di precarietà perenne è la nostra arma migliore? Sembra di essere in costante

attesa di una rivoluzione, la guerra ci passa accanto, ma noi rimandiamo. Abbiamo sempre

qualcosa prima da fare. Festeggiare, per esempio.

POTREBBE INTERESSARTI

STASERA IN TV. ALLE 21.05 “RESTITUTA, LA FORZA DELLA FEDE”, SU TELEISCHIA LO SBARCO DELLA SANTA A SAN MONTANO

Redazione

PREMIO ISCHIA INTERNAZIONALE DI GIORNALISMO A LUCIO CARACCIOLO, FONDATORE E DIRETTORE DI “LIMES”

Redazione

LACCO AMENO. DOMANI SERA “ARTE: SOSTANTIVO FEMMINILE PLURALE”, NUOVO SPETTACOLO DI GAETANO MASCHIO

Redazione

NAPOLI. DAL 13 AL 15 MAGGIO RASSEGNA DEL CINEMA CATALANO AL CHIOSTRO FOQUS

Redazione-

ISCHIA. GIARDINI LA MORTELLA: UN DOPPIO CONCERTO DI PIANOFORTE NEL WEEKEND

Redazione-