Teleischia
Sport

COTUGNO:ECCO PERCHE’ HO LASCIATO L’ISCHIA

E’ stato l’allenatore dei portieri dell’Ischia con la gestione Campilongo, è stato sostituito da Pino Taglialatela suo grande amico. ma andiamo a legggere lintervista rilasciata a TMW.”Ho deciso di interrompere il rapporto con l’Ischia per il legame che ho con Salvatore Campilongo. Era una questione di onore e rispetto nei suoi confronti. Ora ho tanti progetti per il futuro”. E’ Nben noto l’addio di Franco Cotugno al club isolano. Una separazione che era nell’aria dopo l’esonero del tecnico napoletano, legato da sempre all’oramai ex preparatore dei portieri gialloblù. Ma l’attività di Cotugno non si ferma qui. Diversi gli stage per giovani numeri uno in programma nella prossime settimane, a cui parteciperà come collaboratore tecnico o organizzatore. “Ho risolto il contratto con l’Ischia senza chiedere un euro in più rispetto a quanto ho prodotto col mio lavoro – precisa Cotugno -. Va detto che Campilongo mi aveva dato assoluta libertà di scelta, ma io non me la sono sentita di continuare. I rapporti umani vengono prima di tutto. Perlomeno vengono prima dei soldi”.Una promozione a mani basse in Seconda Divisione accompagnata da uno scudetto di categoria. Ricordi indelebili.”Ma ora fa tutto parte del passato. Anche se resteranno sempre dei bellissimi ricordi che, peraltro, vanno ad arricchire il mio curriculum tecnico e umano. Peccato aver lasciato ad un solo punto dalla zona promozione. Auguro però ai ragazzi tutto il bene possibile. Questa squadra può farcela a mantenere la Lega Pro, anche perché, nonostante le cessioni di gennaio, è rimasto un nucleo di 9-10 elementi che hanno formato l’ossatura dell’anno scorso. Ovviamente ci vuole quel pizzico di buona sorte che con me e Campilongo a volte è mancata. Però quella di Ischia resta un’esperienza bella ed appagante. Non provo rancore per nessuno. Anzi, a parte chi mi ha voluto davvero bene, ringrazio anche chi non me ne ha voluto o chi ha fatto finta di volermene”.Quali progetti ha in agenda per il futuro?”Intanto domenica mi recherò insieme a Pino Taglialatela a Pavia, dove è previsto uncamp organizzato da una Onlus legata al Real Madrid. Di questo devo ringraziare Pino per avermi voluto al suo fianco. Più in là saremo 2-3 giorni proprio a Madrid, visto che il Real vuole approfondire le metodologie di allenamento dei portieri adottate da preparatori italiani. E’ forte anche la collaborazione col Milan Junior Camp, un rapporto che va avanti da diversi anni e che mi consentirà di essere presente a Copenaghen per un’altra kermesse. Poi ci sarà uno stage organizzato a Foggia da Mimmo Botticella, in memoria del grande Franco Mancini, a cui parteciperò il prossimo mese di giugno. Sarò relatore e all’evento parteciperanno anche Di Bitonto, Cagnazzo, Sassanelli, Senatore e Scapece. Insomma, tutti questi stage sono indirizzati versi quei giovani portieri che vogliono arricchire il loro bagaglio tecnico e conoscitivo, che vogliono fare nuove esperienze e maturare. In tal senso sto organizzando uno stage a Fuorigrotta, a Napoli, insieme al mio staff tecnico composto da Raffaele Gragnaniello, Marco Giglio, Arturo Tudisco, Roberto Ammendola, Giovanni Rossi, Pietro Parascandolo e Marco Oro, insieme ai massaggiatori Parisi e De Novellis. Poi sarò presente ad altri eventi organizzati ad Avellino e Torre Annunziata, oltre allo stage diretto da Carmine Amato a San Vitaliano”. Lintervista rilasciata a Tuttomercatoweb.

 

 

POTREBBE INTERESSARTI

PALLANUOTO SERIE B. SCONFITTA L’ISCHIA MARINE CLUB, IL SAN MAURO VINCE 12-9

Redazione-

PLAY OUT. FORIO BASKET SCONFITTO E RETROCESSO. VITO IACONO: “E’ COLPA MIA E CHIEDO SCUSA”

Redazione-

NAPOLI. CATALDI: “ALL’UNIVERSITÀ ORIENTALE LA CONFERENZA FINALE DEL JEAN MONNET NETWORK” (SERVIZIO TV)

Redazione-

REAL FORIO. MONTI: “IL REAL FORIO È UNA GRANDE SOCIETÀ, QUI PER FARE UN CAMPIONATO DI VERTICE”

Redazione-

MOTOCICLISMO. LEONARD SOLMONESE, TERZO POSTO IN GARA DUE A MISANO ADRIATICO NEL PRIMO ROUND DELLA COPPA ITALIA

Redazione