Teleischia
Adnkronos

Balneari: fonti governo, si lavora ad accordo, ma no rinvio deadline gare 2024 (2)

(Adnkronos) – “Come lo abbiamo trovato sul catasto”, anche sulla riforma della concorrenza “conto che si arrivi ad un accordo”, ha detto il leader della Lega lasciando Palazzo Chigi. Dove, sui termini del compromesso, il segretario di via Bellerio avrebbe chiesto dei tempi supplementari per confrontarsi con gli alleati della coalizione di centrodestra. Ma per Salvini, ha tenuto a rimarcare, “è importante che sia previsto un congruo indennizzo in riconoscimento del valore dell’azienda in caso di mancato rinnovo” -punto al quale si lavora- se poi “le gare partiranno nel 2024 o nel 2025 questo lo vedranno i tecnici”. Su questo secondo aspetto tuttavia Palazzo Chigi non ammette rinvii, in linea -elemento non secondario- con quanto sentenziato per giunta dal Consiglio di Stato.

Il nodo balneari in queste ore tiene di fatto ferma la riforma della concorrenza, necessaria sulla strada del Pnrr e dunque decisiva per ‘sbloccare’ la nuova tranche del Next Generation Eu che il nostro Paese attende da Bruxelles. Obiettivo del governo resta l’avvio della discussione in Aula del Senato già in settimana. Anche perché, secondo fonti di governo, la partita sarebbe legata a doppio filo con la legge delega sul fisco, che rischia di restare ferma al palo per un ‘fallo di reazione’: dopo aver raggiunto l’intesa sul catasto col centrodestra per mesi sulle barricate, Palazzo Chigi confida ora in un atto di responsabilità, vale a dire nessuna sorpresa sulla concorrenza o ‘furbizia’ per sfilare dal testo o annacquare uno dei capitoli più annosi, quello, appunto, che ha introdotto -dopo anni di braccio di ferro- lo sblocco delle gare per le concessioni balneari a partire dal 2024, con alcuni meccanismi di premialità per i precedenti titolari e il famoso freno al ‘caro-ombrelloni’.

Lo stallo sulla concorrenza, in sintesi, potrebbe condurre con sé un rallentamento della riforma del fisco. Anche perché avrebbe fatto storcere il naso, e non poco, al premier Mario Draghi -riportano le stesse fonti- infastidito, al suo rientro da Washington, per la situazione di stand-by in cui verte una riforma decisiva per le sorti del Pnrr. Per ottenere le tranche con cui finanziare i progetti che abitano il Recovery fund bisogna infatti aver fatto i compiti a casa e nei tempi previsti da Bruxelles. Insomma, rinvii e ritardi non sono ammessi.

POTREBBE INTERESSARTI

Calcio: Atalanta, lesione al bicipite femorale per Ederson

Redazione

**Ginnastica: Europei, D’Amato oro nel concorso generale e Maggio bronzo**

Redazione

Motomondiale: Marquez, ‘senza il 4° intervento al braccio mi sarei dovuto ritirare’

Redazione

**Elezioni: Orsina, ‘incipriarsi? Letta forza per visbilità, ma accettabile in campagna elettorale’**

Redazione

Calcio: Sassuolo, ufficiale l’acquisto di Pinamonti dall’Inter

Redazione