Teleischia
Adnkronos

Giovani, sì a unioni miste, stepchild adoption e scelte bioetiche

Roma, 12 mag. (Adnkronos/Labitalia) – L’altruismo dei giovani italiani va di pari passo con una forte predisposizione all’inclusione. Il 91,3% si dichiara favorevole alle unioni miste, il 74,2% all’adozione di figli per coppie omosessuali. Questa larghezza di vedute investe anche le scelte bioetiche: l’85,7% dice sì alla fecondazione assistita, il 79,7% all’aborto, il 74% al suicidio assistito. Il 67,5% è infine favorevole alla legalizzazione delle droghe leggere. Emerge dal 10° Rapporto di ricerca dell’Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University, con la direzione scientifica del professore Nicola Ferrigni e della professoressa Marica Spalletta.

Tra i principali atti di violenza di cui i giovani temono di essere vittima, il 29,5% menziona l’hate speech e il 22,1% il body shaming, mentre bullismo e cyberbullismo si attestano al 17,2%. Tra le molteplici insidie che si celano nel mondo della Rete, a preoccupare maggiormente i giovani è la dimensione connessa alla propria sfera ‘identitaria’: il 30,5% teme in particolare l’eccessivo tracciamento dei dati personali, il 18,2% la clonazione delle proprie carte di pagamento, il 15,5% il furto d’identità, il 15,1% la violazione dei propri account social. In questo quadro dalle tinte fosche si inseriscono inoltre le valutazioni, perlopiù negative, associate al funzionamento degli algoritmi, che i giovani identificano principalmente con l’idea del controllo (29,6%) e della manipolazione (18,8%).

‘Guardando nello specifico agli atti di violenza a opera di coetanei a destare particolare preoccupazione è il fenomeno delle baby gang’. Il 36,5% degli intervistati teme infatti di poter essere vittima di una baby gang, il cui ‘potere di attrazione’ viene ricondotto al desiderio dei più giovani di ‘sentirsi parte del branco’ (29,6%) e al fascino esercitato dal ruolo del cattivo (21,7%), oltre che a un vero e proprio ‘bisogno’ di sfogare la rabbia repressa (18,1%).

Il 22,3% degli intervistati dichiara inoltre di aver personalmente assistito a episodi di violenza a opera di baby gang, cui ha reagito ponendo in essere due modelli di comportamenti ‘opposti’: il 32,1% si è infatti allontanato per non rimanere immischiato, mentre il 31,9% è intervenuto cercando di risolvere la situazione e il 14,5% dichiara di aver chiamato le forze dell’ordine.

POTREBBE INTERESSARTI

Atletica: Europei, Lambrughi in semifinale nei 400 ostacoli

Redazione

Elezioni: Patuanelli, ‘parleremo a famiglie e imprese con credibilità’

Redazione

Ciclismo: Fci, Paternoster operata con successo alla clavicola a Brescia

Redazione

Morto Wolfgang Petersen, regista di ‘Troy’ e ‘La storia infinita’

Redazione

Usa, primarie Gop: sconfitta Liz Cheney, la repubblicana anti Trump

Redazione