Attualità

FORIO. SCONCERTO ED INCREDULITA’, PER IL TRAGICO GESTO DI ENZO GALLO. “UNO STOICO”, COMMENTANO I COLLEGHI DELL’EAV

Sconcerto, sorpresa, incredulità. Sono questi i sentimenti espressi dai conoscenti e dai colleghi di Enzo Gallo, il 58enne che ieri sera ha deciso di togliersi la vita nella sua abitazione. La scena macabra di un marito impiccato, si è profilata con tutta la sua crudezza dinanzi agli occhi della moglie che, rientrando a casa, ha trovato il marito ormai senza vita. Un urlo straziante è riecheggiato in via Costantino, una delle stradine che compongono il dedalo di viuzze che si inerpicano dalla fontana di via Francesco Regine ed arrivano fino alla chiesa di San Vito. Un urlo disumano che ha fatto accorrere i vicini ed anche un collega dell’uomo, che abita nei pressi. Ma niente da fare, Enzo non c’era più, restava solo quel corpo ormai senza vita… Sconforto e disperazione hanno avvolto la moglie, i due figli – uno dei quali imbarcato a bordo di una nave da crociera – il fratello vigile urbano a Serrara Fontana.

Increduli e sconvolti i colleghi dell’Eav che non si danno una spiegazione razionale a quanto avvenuto: ieri era regolarmente al lavoro, alla guida di un bus di linea fino alle 18.30; aveva scherzato come faceva sempre, ma era serio e di poche parole, molto professionale quando era al volante. Dal volto poteva apparire scontroso, ma era solo la facciata mostrata nell’esercizio delle sue funzioni. “”Uno stoico”, commentano alcuni colleghi che lo dipingono “un grande lavoratore, che mai si è risparmiato, nemmeno quando gli si chiedeva il doppio turno”.

Sulle motivazioni alla base del triste gesto, si profilano all’orizzonte una serie di interrogativi che, per il momento restano tutti senza una risposta certa…

Have your say