Attualità

NAPOLI. UNIVERSITA’ SUOR ORSOLA BENINCASA. CONFERENZA INTERNAZIONALE GIUSTIZIA RIPARATIVA E VITTIME DI REATO

L’attività di assistenza alle vittime di reato orientata a ricercare la riparazione, a superare la condizione di persona offesa e a ritrovare nelle relazioni personali e sociali un nuovo equilibrio. Sarà questo uno dei temi principali della conferenza internazionale su “Giustizia riparativa e vittime di reato” che si svolgerà il 25 e 26 Novembre nella Sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli (link di registrazione per la partecipazione in presenza su www.unisob.na.it/eventi). L’evento, che sarà trasmesso anche in diretta streaming su www.facebook.com/unisob, è stato ideato ed organizzato dall’Università Suor Orsola Benincasa, insieme con Rete Dafne Italia – Servizi per l’assistenza alle vittime di reato e l’Associazione di promozione sociale Diësis, con il sostegno finanziario del Programma Giustizia dell’Unione Europea, con il patrocinio della Regione Campania ed in collaborazione con Victim Support Europe, la principale organizzazione europea che mira a garantire l’accesso ai diritti a tutte le vittime di tutti i reati e promuove l’istituzione e lo sviluppo di servizi di assistenza in tutta Europa e nel mondo.

La sessione di apertura della conferenza internazionale si svolgerà giovedì 25 novembre alle ore 16 e sarà introdotta dagli interventi di Lucio d’Alessandro, Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Marco Bouchard, presidente di Rete Dafne Italia, Tommaso Edoardo Frosini, direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche del Suor Orsola, Elisabetta Garzo, presidente del Tribunale di Napoli, Mario Morcone, assessore alla Sicurezza, Legalità e Immigrazione della Regione Campania, Don Tonino Palmese, presidente Fondazione Pol.i.s. e Luigi Picardi, presidente del Tribunale di Napoli Nord.

Al dibattito, coordinato da Monica Manfredi, responsabile Rete Dafne Napoli, prenderanno parte, tra gli altri, Giovanni Mierolo, direttore scientifico Rete Dafne Torino, Aleksandra Ivankovic, vicedirettore di Victim Support Europe e Ornella Favero, presidente di Volontariato Giustizia a cui sarà affidato un approfondimento specifico sulle vittime viste dal carcere.

Venerdì 26 Novembre a partire dalle ore 9 sempre nella sala degli Angeli dell’Università Suor Orsola Benincasa ci sarà una doppia sessione di lavori dedicata al mattino a “Le dinamiche da costruire: la vittima nelle strategie della giustizia riparativa” ed al pomeriggio a “Il modello Rete Dafne Italia nelle reti locali”. Criticità, punti di forza e sviluppi possibili”. Analisi e discussioni alle quali prenderanno parte tra gli altri Mariavaleria del Tufo, professore di Diritto penale all’Università Suor Orsola Benincasa, Raffaele Piccirillo, capo di Gabinetto Ministero della Giustizia ed Anna Rossomando, vicepresidente del Senato. Tra gli interventi più significativi della giornata di venerdì quello di Pauline Okroglic, responsabile legale per il supporto alle vittime e per gli affari europei presso France Victimes, sull’esperienza dell’assistenza alle vittime degli attentati terroristici in Francia.

In Campania è già attivo presso il Tribunale di Napoli Nord lo Sportello per le vittime di reato

La conferenza internazionale del Suor Orsola si svolgerà esattamente sei mesi dopo l’apertura dello Sportello per le vittime di reato aperto presso il Tribunale di Napoli Nord nella sua sede di Aversa grazie al lavoro sinergico dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, insieme con il Tribunale e la Procura di Napoli Nord, l’Ordine degli Avvocati di Napoli Nord, Rete Dafne Italia e l’associazione di promozione sociale Diësis.

Uno sportello che in Campania rappresenta in questo ambito il primo presidio di carattere generalista (per tutte le tipologie di reato) ed offre gratuitamente (info e prenotazioni 366-2412177 – sportelloascoltodiesis@gmail.com) accoglienza, ascolto, supporto psicologico, consulenza legale, orientamento per l’esercizio dei propri diritti ed accompagnamento ad altri servizi specialistici.

 

Have your say