Attualità

CARDARELLI. INSEDIATO IL TAVOLO TECNICO PER LA MEDICINA DI GENERE

Nella sanità campana sta per nascere il primo ambulatorio per la medicina di genere. Ad ospitarlo sarà l’ospedale Cardarelli di Napoli. Il tavolo tecnico è già stato insediato ed è composto da Maria Maiorano, direttore amministrativo del Cardarelli, Rosaria De Pascale, U.O.C. Immunoematologia, Claudio Santangelo, U.O.C. Ostetricia e Ginecologia, Antonio Abete, U.O.C. Affari generali e patrimonio, Paola Martucci, Penumologia interventistica, Francesco Scavuozzo, U.O.C Endocrinologia, Maria Rosaria Iannuzzi, U.O.C Nefrologia, Daniela Scala, U.O.C Medicina Nucleare, Eliana Raiola, Direzione Sanitaria, Domenica Marianna Lomazzo, Consigliera di Parità della Regione Campania, Pina Tommasielli, membro del Tavolo regionale Medicina di genere, e Maria Gabriella De Silvio, membro del tavolo tecnico scientifico nazionale Medicina di Genere. <<Dare attuazione al Piano nazionale per la medicina di genere – dicono il direttore generale del Cardarelli, Giuseppe Longo, e il direttore sanitario, Giuseppe Russo, – era per noi una priorità. Le donne, per le stesse patologie, possono presentare, rispetto agli uomini, segni e sintomi diversi; si pensi all’infarto del miocardio, o diverse localizzazioni, come nel caso di neoplasie del colon o del melanoma. Le donne possiedono un sistema immunitario in grado di attivare risposte immunitarie più efficaci rispetto agli uomini, e sono quindi più resistenti alle infezioni, ma nello stesso tempo mostrano una maggiore suscettibilità alle malattie autoimmuni. Anche il Covid – chiudono i vertici del Cardarelli – ci dice che maschi e femmine non possono essere curati allo stesso modo, l’approccio terapeutico deve essere personalizzato>>. Il Cardarelli si conferma quale centro di riferimento regionale sui temi della salute, ma anche pioniere rispetto ad un tema, quello della medicina di genere, che nei prossimi anni modificherà radicalmente l’approccio diagnostico e terapeutico.

Have your say