Teleischia
Sport

ISCHIA CALCIO. DOMENICA 19 GENNAIO: UNA GIORNATA DI BRUTTE FIGURE

 

Una giornata di ordinaria follia… Ovvero di tante cose che dovevano essere fatte in modo completamente diverso.

Iniziamo dall’episodio più grave il malore che ha colpito Mattera. Dov’era il personale sanitario? Lo sappiamo era nello spogliatoio al caldo. Ma dove doveva essere? Quando seguiamo in tv una partita di serie A, B o champions league notiamo i sanitari con la barella a metà campo, già pronti… noi ieri ci saremmo aspettati di vederli quantomeno vicino all’autoambulanza per poter intervenire subito. Così non è stato… fortunatamente Mattera si è ripreso poco dopo, anzi poco prima che la barella giungesse a centrocampo. Tutti meritati i fischi del pubblico al pronto soccorso.

Altro fatto che non è andato come era più giusto che andasse è il comportamento della società con il capitano Mattera. Al termine della gara è giunta una telefonata in ospedale da parte del medico sociale dell’Ischia, ma fino ad ieri ma nessuna telefonata era giunta da parte di dirigenti e membri della società. Certamente una evitabile caduta di stile.

Ed ora entriamo in campo, ma prima è bene evidenziare come nessun dirigente fosse presente in tribuna, dove faceva la sua ricomparsa Filippo Florio rientrato dalla sua esperienza a Torino.

Sul rettangolo di gioco si è vista, anzi non si è vista, l’Ischia calcio. Ma fatto ancor più grave quando Mattera è uscito dal campo è uscito dal campo non solo il capitano ma il carattere della squadra, l’Ischia ha perso i cosiddetti attributi. E lo si è notato sopratutto quando c’è stato il calcio di rigore: tutti i big non si sono visti, ed il più giovane della comitiva, Longo, classe 94, si è preso la responsabilità di calciare con grande maturità. Il suo tiro è stato parato. Ma bravo Longo! Nonostante l’errore il migliore. E gli altri? E dalla panchina? Un altro brutto episodio, una altra situazione gestita male.

E poi la fuga a fine partita: tutti negli spogliatoi per evitare fischi e contestazioni. Con quanta nostalgia ricordiamo le sfilate davanti alla tribuna nelle giornate di vittoria.

Ieri solo in due hanno avuto gli attributi di andare a confrontarsi con i tifosi imbufaliti per la peggior prova mai vista al Mazzella dell’Ischia di Campilongo. Ed anche in questo caso sono stati due ragazzi i coraggiosi: Tito classe 93 e Armeno classe 94. Bravi ragazzi…e degli altri che dire? i capitani si vedono con il mare in tempesta. Hanno avuto ragione ancora una volta i tifosi, quando hanno salutato Mattera che usciva in barella con il loro coro, è sembrato un oracolo: ABBIAMO UN CAPITANO….UN CAPITANO!

POTREBBE INTERESSARTI

ECCELLENZA. RIDOTTA LA SQUALIFICA PER IL DS LUBRANO, PIENAMENTE OPERATIVO DAL 1 GENNAIO 2023

Redazione-

ECCELLENZA. AL DON LUIGI DI IORIO IL REAL FORIO BATTE 1-0 IL VILLA LITERNO GRAZIE AL GOL DI DELGADO.

Redazione-

REAL FORIO. SIRABELLA: “CONTENTO PER IL RAGGIUNGIMENTO DELL’OBIETTIVO PREFISSATO”

Redazione

REAL FORIO. IERVOLINO: “DEDICHIAMO LA VITTORIA ALLE PERSONE COLPITE DALL’ALLUVIONE”

Redazione

PALLANUOTO. A PESCARA PRIMA VITTORIA DELL’ISCHIA MARINE IN A2: 10-9 IL FINALE

Redazione-