Adnkronos

Atletica: La Torre, ‘alla World Relays in Polonia raggiunto risultato storico’

Roma, 3 mag. – (Adnkronos) – “Torniamo in Italia con un plauso incondizionato per il gruppo velocità per come ha lavorato in questi anni, in modo coeso e affiatato e costruendo un grande spirito di squadra. Più del medagliere parla la classifica a punti delle cinque gare olimpiche: siamo primi con 32 punti davanti ai Paesi Bassi (20) e al Giappone (18). È un risultato storico’. Il direttore tecnico dell’atletica italiana, Antonio La Torre, commenta così i risultati degli azzurri alle World Relays di Chorzow. L’Italia torna dalla Polonia con la qualificazione olimpica di tutte e 5 le staffette oltre a due medaglie d’oro e una d’argento. Un bottino che decreta il primo posto nel medagliere.

‘È stata una bella prova di consistenza, ma non ci illudiamo: Tokyo non sarà una passeggiata -prosegue La Torre-. Non siamo diventati gli Stati Uniti dell’atletica leggera. Valutiamo la rassegna con equilibrio: da una parte siamo consapevoli che non tutte le nazioni hanno dato priorità all’evento, dall’altra abbiamo dimostrato un grande valore tecnico e agonistico; aggiungo che l’ubriacatura di sabato, che ha sugellato il nostro ‘5 su 5’ olimpico, poteva essere pericolosa. Invece nessuno si è accontentato. In call room, prima di entrare in pista per la mista, i fratelli Borlée ripetevano ‘Attention à l’Italie, attention à l’Italie’. All’estero ci guardano con grande rispetto, ma dobbiamo tenere gli occhi sulla linea del traguardo’.

“Il cinque su cinque di Chorzow non è arrivato per caso -sottolinea il dt azzurro-. Gli atleti e lo staff tecnico federale lavorano a questo appuntamento da due anni. Abbiamo costruito un rapporto stretto e trasparente con i tecnici personali, a parliamo agli atleti con estrema chiarezza. All’annuncio delle formazioni non ci sono mai state polemiche. Chi è rimasto deluso si è subito rimboccato le maniche per guadagnarsi sul campo il posto da titolare. Grazie al lavoro certosino dello staff tecnico, capace di leggere con esattezza le reali condizioni degli atleti’.

Have your say