Attualità

FEDERFARMA. RICCARDO IORIO: “FARMACIE SENZA VACCINI INFLUENZALI”

“In questo momento non ci sono vaccini in farmacia né ne arriveranno dall’industria farmaceutica perché, per la grande richiesta da parte del pubblico, non si riesce a evadere la domanda del momento”. A parlare è Riccardo Iorio, presidente di Federfarma Napoli, in merito ai vaccini contro l’influenza stagionale.

“Molte persone si stanno recando in farmacia chiedendo di prenotare la dose del vaccino – fa sapere – ma non possiamo accettare prenotazioni anche perché non sappiamo con certezza quando e quanti vaccini saranno disponibili”.
La campagna vaccinale nelle Asl e presso i medici di base, in Campania, è partita lo scorso 1 ottobre. Priorità assoluta ai bambini dai 6 mesi ai 6 anni, agli over 60 e ai malati cronici, le persone con patologie pregresse, la cosiddetta popolazione fragile maggiormente esposta. Resta la possibilità, per i cittadini, di rivolgersi alle farmacie, previa prescrizione del medico di base, acquistare la dose di vaccino e recarsi dal proprio medico per la somministrazione. E’ per questa fascia di popolazione che le farmacie si stanno muovendo, così da soddisfare le richieste. “Non c’è da andare nel panico – spiega Iorio – La prossima settimana, abbiamo un incontro in programma con la Regione Campania che destinerà una quota dei vaccini, garantendo al 100% le fasce deboli, alle farmacie. La ‘consegna’ avverrà in due tranche: una agli inizi di novembre, l’altra tra la fine di novembre e i primi giorni di dicembre”.
“Non saranno dosi sufficienti a soddisfare le richieste di tutti – conclude – ma si sta facendo uno sforzo enorme per coprire la maggior parte della popolazione”.

1 comment

  1. Assurdo
    Sembra che lo facciano di proposito.
    Mi sono recata in una farmacia isolana a comprare il vaccino stagionale 2020,come ogni anno.
    Panico assoluto.Non ne hanno,non si trovano,non si sa’ quando arrivano,non si prenota niente.
    Alla fine dopo varie teorie loro,mi hanno scaricata a rivolgermi al medico di famiglia ,il quale poi a sua volta mi dovrebbe autorizzare ad andare alla asl Villa romana,senza certezze.
    Ci ho rinunciato.

    Rispondi

Have your say