Teleischia
Senza categoria

TERRA MADRE DAY, UNA FESTA SLOW FOOD

La condotta Slow Food di Ischia e Procida -Filippo Di Costanzo – martedì 10 dicembre – ha festeggiato Terra Madre Day: la grande festa del cibo locale con “Son tutte belle le mamme del mondo… E noi che Figli siamo…! Il passato come risorsa” Lo scopo della Festa è stato mettere in evidenza le difficoltà che sta attraversando la nostra terra, sempre meno produttiva, un problema la cui conseguenza è il pericolo di estinzione di prodotti che hanno per secoli caratterizzato le nostre tradizioni ed i nostri piatti tipici alimentari e le nostre identità, in altre parole la “Sovranità Alimentare”.“La nostra condotta ha voluto celebrarla a modo suo – dice Riccardo d’Ambra, fiduciario Slow Food di Ischia e Procida – e ha Coinvolto quattro mamme, custodi di vecchi valori ma anche di antiche ricette. Attraverso i sapori ci hanno raccontato il loro passato, ci hanno insegnato a cucinare con il rispetto dell’ambiente, ci hanno insegnato che il segreto della Buona Cucina è la Pazienza.”Le mamme protagoniste: Concetta Barbato, Carmela Trofa, Concetta Scotto D’Abusco, Loretta Cazzola.

“Abbiamo voluto dare una svolta moderna alla Festa – continua Riccardo d’Ambra – consci che il futuro c’è, coinvolgendo i giovani figli, blasonati, e rivisitare quelle sacre e antiche ricette direi intoccabili, più moderne! Ogni figlio ha revisionato il piatto antico della propria mamma. Ogni figlio ha reso più giovane e per i più giovani il piatto della mamma”.

Ifigli: Nino Di Costanzo (Il Mosaico); Pasquale Palamaro (Indaco), Libera Esposito Di Marcantonio Iovene (Il Melograno); Agostino e Francesco d’Ambra (Il Focolare).LE MAMME SONO IL NOSTRO FUTURO. Inoltre la serata si è chiusa con il “regalo dolce” del maestro pasticciere Antonino Maresca che ha valorizzato un frutto campano: la mela annurca!

“Vorrei ,infine, ringraziare – dice Riccardo d’Ambra – due giovanissimi volontari della serata Marco Di Costanzo (studente dell’istituto Ipssar V. Telese Di ISCHIA) e Lucia Lupa (ex studente dell’IPSSAR telese) che hanno voluto vivere insieme a noi questa serata speciale”.

Tutta la serata è stata accompagnata dai vini della azienda vitivinicola biodinamica “I CACCIAGALLI” guidata da una giovanissima coppia Diana Iannaccone e Mario Basco, che vivono e elavorano nella zona di Teano, una bellissima e tenace realtà .

Una attenzione particolare è stata data anche all’artigianato sia locale che italiano, in particolare i giovanissimi (tutti under 30) artigiani del Presepe Ischitano con un loro bellissimo contributo alla serata e la Famiglia Marinelli, artigiani della Campana, famiglia di Agnone (Isernia), che in pochi minuti ci ha fatto vivere l’emozione della costruzione e del suono della Campana.L’Arca del Gusto Slow Food di Ischia e Procida si è caricata di saperi, emozioni, ambiente, ma soprattutto Famiglia. Di fatto Uomini e Sapori saranno sempre alla base degli incontri conviviali della Condotta Slow Food Ischia e Procida. L’inverno sarà ricco di incontri interessanti e continuerà la collaborazione con le altre Associazioni : A.I.S., A.I.B.E.S. e AMIRA di Ischia e Procida.Seguiteci sul sito: www.slowfoodischiaeprocida.wordpress.com