Teleischia
Attualità

FEDERALBERGHI. ISCHIA POCO COMPETITIVA PER LA TASSAZIONE LOCALE

La difficoltà con cui le aziende produttive del territorio stanno affrontando la delicata crisi economica, aggravata dalla problematica della riduzione delle tariffe, si ripercuote sul territorio con l’insostenibile peso degli oneri della tassazione locale.

Tra questi una incidenza preoccupante sui bilanci delle aziende alberghiere è costituita dal costo dello smaltimento dei rifiuti:

1. le aliquote applicate agli alberghi sono troppo alte rispetto a quelle delle altre località turistiche sia campane che del resto di Italia. In tal modo la concorrenza diretta che si realizza con una sola voce di costo pone le strutture ricettive dell’isola d’Ischia in una situazione di competitività sfavorevole.

Ad esempio nel comune di Ischia:

– le abitazioni che coprono una superficie di mq 736.416 (al costo di 1,925 €/mq) e pagano complessivamente € 1.419.956 €;

– gli alberghi con ristorante coprono una superficie di mq 237.306 mq (al costo di 13,545 €/mq) e pagano complessivamente 3.211.171 €;

– i fiorai, i fruttivendoli e le pescherie (che normalmente producono quantità elevate di rifiuti per singolo mq) coprono una superficie di mq 1.456 (al costo di 16,515 €/mq) e pagano complessivamente 23.531 €

La superficie delle abitazione che risulta essere 3,1 volte quella degli alberghi concorre per lo 0,44% al costo dei rifiuti rispetto agli alberghi.

Sarebbe utile verificare le quantità di rifiuti prodotte dagli alberghi in proporzione al numero di camere e confrontarle con quelle delle abitazioni civili.

Inoltre sarebbe opportuno distinguere le strutture alberghiere con apertura annuale rispetto a quelli con apertura stagionale.

2. Andrebbe previsto un premio di risultato per tutti coloro che si impegnano a smaltire in modo differenziato i rifiuti o a ridurne la produzione.

Nel Comune di Sorrento il Conca Park Hotel che ha 204 camere con una media di 340 presenze giornaliere ha adottato un processo di raccolta differenziata raggiungendo la misura del 91%.

Rispetto all’anno precedente ha ottenuto:

– Riduzione della produzione dei rifiuti nella misura del -60%;

– Riduzione della produzione di indifferenziata al giorno nella misura di -50 Kg.

– Riduzione del 30% della tassa rifiuti. (Da notare che la superficie alberghiera a Sorrento ha una tariffa di circa 5 € / mq.

Per raggiungere tali risultati si potrebbe proporre alle aziende interessate a raggiungere standard significativi di indifferenziata e risparmio sulla bolletta rifiuti di di acquistare una macchina pressarifiuti con forza di pressatura 6 tonnellate, la quale riduce i volumi di carta e cartone prodotti nella misura del 70%; il costo di smaltimento di cartoni e plastica, vetro e ferro è in pratica pari a zero.

Se è vero che molte strutture sono in ritardo con il pagamento degli importi relativi alla tassa di smaltimento rifiuti, riteniamo che le amministrazioni dovrebbero cominciare a riflettere se non sia giunto il momento di iniziare a dare l’avvio a queste semplici e virtuose iniziative, intervenendo anche sulle tariffe e facendo pagare sulla effettiva produzione dei rifiuti.

In attesa di pronto riscontro è gradito porgere cordiali saluti.

Questa la lettera inviata “ai Signori Sindaci dell’Isola d’Ischia” a firma del Presidente Ermando Mennella

POTREBBE INTERESSARTI

STASERA IN ONDA ALLE 19.00. IL NUOTO OLTRE LA DISABILITA’ VINCENZO BONI OSPITE A LINEA DI CONFINE

Redazione-

POS OBBLIGATORIO. PERROTTA (FEDERCOMMERCIO CAMPANIA): “UN ENORME PIACERE ALLE BANCHE”

Redazione-

POZZUOLI. BAR RITROVO DI PREGIUDICATI CHIUSO DAI CARABINIERI

Redazione-

LACCO AMENO. “INCONTRI MEDITERRANEI”: APPUNTAMENTO STASERA ALLE 21:30

Redazione-

NAPOLI. 22ENNE GHANESE ARRESTATO PER AVER TERRORIZZATO DEI COMMERCIANTI

Redazione-