Attualità

LINEA DURA DI FRANCESCO DEL DEO E PAOLINO BUONO CONTRO I FALO’ DI FERRAGOSTO

Meno male che chi è stato giovane negli anni 70 / 80 di falò di ferragosto in spiaggia non ne fa più un po’ per colpa dell’artrosi, un po’ per un fisiologico down dell’umore cameratesco. Altrimenti sai che delusione!
Sembra infatti che il falò di ferragosto, simbolo di quelle generazioni che stonavano sotto le stelle le canzoni di Baglioni e De gregori, stia vivendo un momento di grossa impopolarità. Non certo da parte dei ragazzi, se pensiamo che su internet ci sono decine e decine di blog con la classifica delle migliori canzoni da cantare ai falò! Sono invece i sindaci e le amministrazioni comunali che spesso scelgono la linea dura e proibiscono i falò sulle spiagge a ferragosto, considerando il fuocarazzo di mezza estate un po’ il nemico numero uno dell’ordine pubblico.
Accade anche sull’isola di Ischia: in prima linea contro i bivacchi ferragostani ecco il sindaco di Barano, Paolino Buono e il sindaco di Forio, del Deo con due ordinanze di divieto. A Barano è la spiaggia dei Maronti, la scena contesa tra festaioli e Paolino Buono che motiva la scelta di dire no ai falò con una situazione di pericolo: “ ogni anno – scrive il primo cittadino di Barano – si assiste impotenti nella notte di ferragosto a situazione di pericolo soprattutto per l’accensione di falò, musica ad altissimo volume, installazione di tende da campeggio”.
Gli irriducibili, quelli che a tutti i costi vogliono trascorrere il ferragosto ai Maroni dovranno accontentarsi della festa ufficiale organizzata alle Petrelle, ma guai a trasportare ciocchi di legna sulla spiaggia più grande dell’isola, i falò proprio sono banditi.

Mentre il sindaco di Forio, Del Deo applica il suo divieto falò – ma anche l’accesso e la sosta – alla sola spiaggia di Cava dell’isola. Leggiamo le motivazioni: “ ogni anno a ferragosto migliaia di persone si intrattengono a Cava dell’isola oltre l’usuale orario di balneazione per campeggiare, bivaccare e accendere falò. Questo crea inconvenienti igienico sanitari e di ordine pubblico. Il sindaco foriano ricorda anche nella sua ordinanza che la spiaggia di cava dell’isola è parzialmente interdetta e il grande afflusso potrebbe – per così dire – infrangere le barricate e spingersi in una zona “pericolosa”. Nella notte di ferragosto Cava dell’isola sarà off limits, pena ordinanza di sgombero.    
Ma il requiem per il falò non riguarda tutta l’isola, c’è da scommettere che due ordinanze non riusciranno a far passare la voglia ai ragazzi di fare un po’ di baldoria la notte di ferragosto in spiaggia, come hanno fatto un po’ tutti alla loro età.

 

Have your say