Teleischia
Politica

ISCHIA. CONSIGLIO COMUNALE: IL SINDACO ASSENTE SPIEGA…

Ill.mo Signor Presidente del Consiglio Comunale di Ischia, Ill.mi Signori Consiglieri, Assessori e cittadini presenti,

dopo le note e gravi vicende del 30 marzo ultimo scorso, che hanno coinvolto me e la nostra comunità con il seguito di una eco mediatica senza precedenti per il Comune di Ischia e la nostra isola, causando sconcerto tra la cittadinanza, e dopo che il Prefetto di Napoli ha dichiarato la cessazione della mia sospensione dalla carica di Sindaco con proprio atto del 22 Luglio 2015, ritengo doverosa questa mia comunicazione nella seduta odierna del Consiglio Comunale.

Lo devo alla gente di Ischia che nel 2012 ha affidato a me ed all’amministrazione che presiedo, un nuovo mandato elettorale con larghissimo suffragio .

Lo devo a chi, in questi mesi di grande travaglio, ha retto le sorti del Comune di Ischia alla vigilia e poi nel corso di una stagione turistica segnata dai tanti problemi per la nostra comunità.

In primis intendo esprimere la mia più viva gratitudine e sentimenti di amicizia al Vicesindaco, oggi dimissionario, dott. Carmine Barile che con grande professionalità, abnegazione e spirito di servizio, anche a costo di grandi sacrifici personali, ha retto le sorti dell’amministrazione in un momento molto difficile e delicato per Ischia.

Sento poi di dover ringraziare con lui, l’intera amministrazione comunale che ha dimostrato compattezza e senso di responsabilità nei confronti del proprio paese.

Un particolare apprezzamento sento di rivolgere, in questa occasione, anche alla minoranza consiliare che ha ritenuto condividere la necessità di andare avanti con il mandato elettorale, con spirito costruttivo, anche al fine di scongiurare il commissariamento dell’ente, che costituisce, sempre, interruzione di un mandato conferito dai cittadini in libere elezioni e che come tale dovrebbe essere possibilmente evitato.

Un ringraziamento infine all’intera struttura comunale che, come sempre, si è prodigata nel rispetto dei ruoli, per assicurare continuità all’amministrazione comunale ed ai servizi per i cittadini di Ischia.

In data 31 Marzo ultimo scorso ho presentato le mie dimissioni dalla carica di Sindaco su consiglio dei legali incaricati di seguire la mia difesa nel procedimento che mi ha coinvolto.

Ho preso quella decisione anche e soprattutto per potermi difendere -libero da incarichi istituzionali- dalle gravissime accuse che mi erano state rivolte.

Successivamente in data 18 aprile, dopo aver avuto contezza del quadro accusatorio che io ritengo in alcun modo corrispondente alla realtà dei fatti, travisati nell’ambito delle indagini svolte, ho stabilito in piena coscienza di dover procedere alla revoca delle dimissioni, in quanto ritenevo, come ritengo, con grande serenità d’animo, di non aver commesso nulla di quanto mi è stato addebitato e soprattutto di non aver mai commesso atti contrari ai miei doveri d’ufficio come peraltro ha stabilito il Tribunale del Riesame di Napoli nel corso del procedimento, derubricando il titolo del reato ascrittomi e modificando notevolmente l’oggetto delle contestazioni che mi sono state mosse.

Ho inteso in tal modo evitare, revocando le dimissioni nel termine concessomi dalla Legge, il commissariamento del Comune in un momento molto difficile per il nostro paese, commissariamento del quale non intendevo essere causa e che ho voluto evitare ai cittadini di Ischia assumendomi la responsabilità delle mie scelte.

Voglio cogliere l’occasione, senza timore di essere sconfessato, per scolpire nel verbale di questo Consiglio Comunale, atto amministrativo di cui rimarrà traccia per i posteri, alcuni elementi che considero importanti sulla vicenda:

1) Come noto e come risulta dagli atti presso l’ente, la procedura ad evidenza pubblica per la metanizzazione del Comune di Ischia non è stata affidata dell’amministrazione presieduta da me Sindaco, bensì tre anni prima del mio insediamento;
2) Ho sempre preteso nella qualità di Sindaco che tutti i ripristini delle sedi stradali interessate dalla metanizzazione venissero effettuati a regola d’arte e questo dall’insediamento e fino al giorno della mia sospensione dalla carica di Sindaco; avrei ritenuto di venir meno ai miei doveri di ufficio se non lo avessi fatto, mentre prendo atto che ciò mi è stato contestato come una condotta penalmente rilevante; conto di poter dimostrare, nel corso del processo, di aver agito sempre nell’interesse dei cittadini di Ischia.

Tutto ciò, che io ritengo già emerso nel corso delle indagini, non potrà non essere accertato in sede dibattimentale dove certamente verrà assicurato un giusto processo per tutti gli imputati.

L’udienza è fissata per il prossimo 22 Settembre. Confido nella terzietà dei Giudici con grande rispetto verso la magistratura e sono certo che potrà essere sancita definitivamente la mia totale estraneità ai fatti contestati.

Alla luce di tutto questo, avvalendomi delle previsioni di cui all’art. 53 comma 2 del D.lgs 267/2000 e dell’art. 50 dello Statuto del Comune di Ischia, informo il Consiglio che nei prossimi giorni sarò presente in Municipio unicamente nella data in cui procederó a formalizzare gli atti strettamente necessari per assicurare la continuità amministrativa e per la nomina del Vice Sindaco il quale avrà l’onere di reggere le sorti del Comune di Ischia finchè riterrò essere venute meno le motivazioni che mi inducono a soprassedere dal ricoprire concretamente e quotidianamente, come ho sempre fatto, il ruolo di Sindaco che mi è stato conferito con un larghissimo suffragio nella primavera del 2012.

Spero in un proficuo lavoro da parte di tutti, un lavoro certamente improntato e finalizzato alla crescita della nostra comunità in un momento difficile.

Come spero possa riprendersi quello spirito di collaborazione con le categorie produttive e la cittadinanza, indispensabile per la prosecuzione dell’esperienza amministrativa a cui siamo stati chiamati, maggioranza e minoranza, nei rispettivi ruoli.

Mi auguro che i cittadini di Ischia comprendano le difficoltà del momento e con la tenacia e lo spirito di sacrificio che ha sempre contraddistinto la nostra gente, possano superare i disagi derivanti dalla necessità di svolgere lavori per opere pubbliche di primaria importanza per il nostro territorio e il mare dei nostri figli.

A tutto il Consiglio rinnovo la mia gratitudine e l’invito a continuare a lavorare, pur nella diversità delle posizioni di ciascuno, nell’esclusivo interesse della nostra comunità.

 

POTREBBE INTERESSARTI

NAPOLI. IL CONSIGLIO COMUNALE APPROVA IL BILANCIO DI PREVISIONE 2022-2024

Redazione

CASAMICCIOLA TERME. L’EX SINDACO CASTAGNA: “RAMMARICATO DALLE TEMPISTICHE, MA SCELTA FIGLIA DI ALTRE LOGICHE”

Redazione

BARANO. GAUDIOSO BIS, DOMANI IL PRIMO CONSIGLIO COMUNALE

Redazione-

CONSIGLIO DEI MINISTRI. CONTENIMENTO DEI COSTI DELL’ ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE

Redazione-

ELEZIONI ISCHIA 2022. FERRANDINO: “GLI ISCHITANI HANNO PREMIATO LA NOSTRA AMMINISTRAZIONE”

Redazione-