Teleischia
Senza categoria

LEONARDO FIORENTINO CHIEDE IL RIPRISTINO DEL TRASPORTO DISABILI DEL CENTRO DHC

” Il sottoscritto Fiorentino Leonardo nato a Ischia il 07-09-1974, residente in via Sorgeto 30 Forio cap 80075 (NA) , cod. fisc. FRNLRD74P07E329R , dipendente dimissionario con contratto part-time a tempo indeterminato con qualifica di animatore , di codesta Spett.le Azienda che opera nel settore della riabilitazione neuromotoria convenzionata con l’ASL Na 2 .

Con la presente PEC si informa che il sottoscritto è venuto a conoscenza che solo di recente avete provveduto al fermo del VS pulmino adibito a trasporto disabili con conseguente soppressione dell’importante servizio erogato da oltre venti anni in favore degli assistiti (servizio ventennale per la socializzazione, conoscenza del territorio, ecc e non quindi come un semplice servizio navetta, lo stesso servizio è stato più volte definito da Voi come terapeutico,rientrante per l’appunto nelle ore di assistenza del sociosanitario oggi invece per motivazioni che non ho ancora compreso è ritenuto quasi un optional ) .

Senza entrare nel merito della motivazione che vi ha indotto a tale iniziativa, né sindacare sul ritardo della stessa ,né tantomeno su un mancato congruo preavviso agli assistiti, con la presente si invita la SV a prendere atto che da oltre un anno siete stati più volte edotti dai mie Consulenti sul “fare quanto necessario per garantire condizioni di tutela per utenti e dipendenti con particolare riferimento al servizio trasporto disabili”,tale mancanza di adeguamento è stata anche all’origine delle mie dimissioni per giusta causa.

Non è necessaria una grande immaginazione per comprendere i disagi arrecati all’utenza, né alle nuove criticità a seguito della VS iniziativa, né delle ulteriori condizioni di sofferenza e stress a cui attualmente sono esposti utenti e famiglie vittime come il sottoscritto delle “Vostre Organizzazioni Aziendali”.Certamente le famiglie non meritano di trovarsi in tali situazioni, ma allo stesso tempo chi lavora per Voi e gli stessi assistiti che purtroppo non hanno capacità esprimersi non possono essere esposti ad inutili rischi ,tutto ciò pur di non fare un investimento strutturale .

Pertanto senza voler entrare in alcuna polemica nei criteri di gestione della VS Società ,facendo quindi appello alla VS sensibilità ed ad un Vostro anche se tardivo ravvedimento si chiede di stemperare ogni clima di tensione facendo quanto necessario al fine di ripristinare il servizio sospeso adeguandolo agli attuali dettami di Legge, oltre che rivalutare il complesso delle “ VS Organizzazioni Aziendali “rendendole più attente e sensibili agli effettivi bisogni della VS Utenza.

Certi che senso di responsabilità e ragionevolezza finalmente prevarranno si porgono Distinti saluti

In Fede

Leonardo Fiorentino