Teleischia
Attualità News

FISCO. CODACONS: E’ CAOS E-FATTURE; ESPOSTO CONTRO L’AGENZIA DELLE ENTRATE

L’associazione dei consumatori chiede di prorogare i termini per l’invio della documentazione, “stante l’impossibilità riscontrata nei giorni scorsi da tanti e tanti utenti del sito dedicato alla fatturazione elettronica”. Lamentale anche dal sindacato dei commercialisti.

Nessuna anomalia dei server Sogei. Alle 17 del 4 gennaio – ovvero a 4 giorni dall’avvio – le fatture elettroniche emesse erano 2,8 milioni da parte di 140mila operatori Iva”. E’ quanto fa sapere l’Agenzia delle entrate dopo che il Codacons ha parlato di ‘caos fiscale con le nuove norme e la fatturazione elettronica’ tanto da decidere di presentare un esposto per interruzione di pubblico servizio. Non solo l’associazione dei consumatori chiede anche di prorogare i termini per l’invio della documentazione, “stante l’impossibilità riscontrata nei giorni scorsi da tanti e tanti utenti del sito dedicato alla fatturazione elettronica”. “Anche se l’Agenzia delle Entrate nega l’accaduto – spiega il Codacons in una nota – il malfunzionamento che ha colpito la piattaforma web dedicata alla fatturazione elettronica è sotto gli occhi di tutti, e ora bisogna provvedere a tutela degli utenti”. E prosegue: “Proprio per assistere i cittadini e aiutarli a orientarsi nel nuovo quadro normativo l’associazione ha attivato un servizio di consulenza telefonico in materia fiscale, cosi’ da assistere i contribuenti alle prese con le tante novita’ normative dell’anno d’imposta 2018”.  Sindacato Commercialisti (Anc): sito funziona a singhiozzo ed è spesso offline “Il sito per l’invio delle fatture elettroniche funziona a singhiozzo ed è spesso offline: una problematica che complica l’adeguamento alla nuova modalità di fatturazione obbligatoria anche tra i privati titolari di partita Iva”. A sottolineare le criticità legate all’avvio dell’obbligo di fatturazione elettronica è il Presidente dell’Anc, Marco Cuchel. L’Associazione Nazionale dei Commercialisti, ricordiamo, aveva depositato presso il Tribunale di Roma un ricorso urgente contro l’Agenzia delle Entrate per richiedere il rinvio dell’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica a causa del concreto rischio di violazione della privacy di milioni di imprese e professionisti.

POTREBBE INTERESSARTI

GUARDA IN TV. ISCHIA INTERNATIONAL SCHOOL FESTIVAL ALLE 22.00 PREMIO ARTEMISIA

Redazione-

CAPRI. GOMMONE CONTRO GLI SCOGLI: QUATTRO PERSONE SALVATE, NESSUN FERITO

Redazione-

PALLANUOTO SERIE B. SCONFITTA L’ISCHIA MARINE CLUB, IL SAN MAURO VINCE 12-9

Redazione-

CAMPAGNA ELETTORALE: POCO DI NUOVO… TANTO DI VECCHIO! DI ANTIMO PUCA

Redazione-

SICUREZZA STRADALE RIPARLIAMONE ANCORA. DI VINCENZO ACUNTO

Redazione-