Teleischia
Senza categoria

ISCHIA GLOBAL FEST: HELEN MIRREN, LA “REGINA” DEL CINEMA CHE SI BATTE PER L’UGUAGLIANZA

È entrata nel vivo questa edizione dell’Ischia Global Fest. Questa mattina in una affollatissima sala conferenze al Regina Isabella in tanti tra addetti ai lavori, giornalisti e appassionati di cinema hanno partecipato all’incontro con Helen Mirren, vincitrice del ‘Legend Ischia Award – Nel mito di Luchino Visconti’ che le sarà consegnato il 18 luglio a La Colombaia in una serata in suo onore.
La ‘regina’ del cinema, premio Oscar per l’interpretazione in ‘The Queen’, ha risposto con garbo ed eleganza, senza lesinare battute in pieno stile ‘british’, alle numerose domande che le sono state rivolte, trasformando l’incontro di oggi in una vera e proprio lectio magistralis nel corso della quale ha parlato della sua carriera, di cinema, teatro, ma anche di politica.
La Mirren il prossimo 26 luglio compierà 70 anni, ma a chi le ha chiesto cosa significa per lei questo traguardo ha sottolineato “i compleanni non mi hanno mai interessato, né uno è più importante di un altro, non considero il tempo da questo punto di vista. In fondo tra 69 e tre quarti e 70 cosa cambia? E tra 45 e mezzo e 46?”.
Nella sua lunga carriera l’attrice inglese, di origine russa, ha interpretato tantissimi ruoli, tra cui ben quattro sovrane, a cui se potesse ne aggiungerebbe un’altra “Caterina la Grande, magari proprio nell’ultima parte della sua vita, quando era grassa così finalmente finirei di preoccuparmi del peso.
Stare a dieta è una delle cose che detesto del cinema, oltre alle prove che per me sono un’antitesi del cinema che dovrebbe essere trovare il momento magico in cui la cosa che rappresenti diventa vera”.
Ma c’é anche un altro personaggio che vorrebbe interpretare: Hillary Clinton, personaggio davvero interessante per “la sua traiettoria di donna tra il XX e il XXI secolo”, “purtroppo – sottolinea- non sarò io, anche se mi piacerebbe”, ma intanto spera di “vederla diventare il prossimo Presidente degli Stati Uniti”, un traguardo importante per la paritá dei sessi di cui la Mirren é sempre stata accesa sostenitrice.
“A me – ha sostenuto la Mirren nel corso dell’incontro di oggi – indigna il sessismo che c’è ad Hollywood e nel mondo del cinema, ad esempio le differenze salariali: perché un’attrice deve guadagnare meno di un uomo? Io sono una ribelle, cerco di discutere, far valere il mio punto di vista ma bisogna spingere verso politiche di uguaglianza”.
E a proposito dell’uguaglianza non é mancato neanche un accenno a un altro tema molto attuale, quello dell’omosessualità.
“È incredibile quanti anni ci siano voluti per cambiare l’atteggiamento rispetto alle tematiche omosessuali.
I gay sono stati fondamentali nel mondo dell’arte e della cultura e da giovane mi disperavo nel vedere come erano trattati e ghettizzati.
Oggi possono sposarsi ed è una cosa incredibile vedere questa conquista”.