Attualità

TRASPORTI MARITTIMI. MENICO SCALA: “TOGLIAMO LE AGEVOLAZIONI SULLA TASSA DI SBARCO AI RESIDENTI DI MONTE DI PROCIDA”

Di recente il consigliere comunale di Procida, Menico Scala ha dato notizia della pubblicazione da parte della Regione Campania del bando per l’istituzione di un collegamento marittimo tra Procida e Monte di Procida. Un collegamento costituito da  quattro corse effettuate con mezzi per soli passeggeri. “Ai procidani l’amara sorpresa di aver perso il collegamento con la terraferma che consentiva di arrivare a Monte di Procida con mezzi a quattro ruote” aveva commentato il consigliere Scala, che oggi ritorna sulla questione. 

 

“Nel 2016, con la ripresa del collegamento marittimo tra Procida e Monte di Procida effettuato dalla società Laziomar (che, all’epoca, non riceveva alcuna sovvenzione), il Consiglio Comunale di Procida, in un suo deliberato, decideva di rimanere fuori dal pagamento della tassa di sbarco i cittadini residenti nel Comune di Monte di Procida.

La motivazione era: “Nell’ambito dello sviluppo delle relazioni tra i due Comuni, dal mese di aprile 2016 è stata riattivata la linea marittima Monte di Procida – Procida da Laziomar con trasporto, oltre che con passeggeri anche di automezzi di cui beneficia soprattutto la Comunità procidana con una diversa organizzazione delle attività del suo territorio”. A questo si aggiungeva la richiesta del Sindaco di Monte di Procida al Comune di Procida di esentare i propri residenti dal contributo di sbarco.

Oggi, a nostro avviso quelle condizioni non esistono più in quanto:

  1. La società che effettuerà il collegamento (sembra appartenente al gruppo Lauro) riceverà una sovvenzione di circa 300mila euro in tre anni;
  2. Il collegamento sarà effettuato da un mezzo che trasporta solo passeggeri (non si è ancora compreso se tale mezzo è in grado di ospitare persone diversamente abili);
  3. Il collegamento sarà effettuato solo nei giorni di attività scolastica, di fatto diventando una navetta;
  4. Sono cessati, per i procidani, quei benefici richiamati nell’atto deliberativo;
  5. La comunità montese ha pressato non poco per eliminare il collegamento con mezzi in grado di trasportare auto, moto e furgoni in quanto gli stessi creavano disturbo alla comunità stessa.

Detto questo, mentre il Sindaco ed il cerchio magico fanno gli “gnorri” sui “FIGLI DI PROCIDA, riteniamo che, ad eccezione degli studenti fruitori del mezzo che raggiungono la scuola a Procida, AD HORAS, venga abolita l’agevolazione per la quale i residenti di Monte di Procida sono esentati dal pagamento della tassa di sbarco.”

Have your say