Teleischia
Attualità News

SI RISPARMIEREBBERO 40 MILIONI DI EURO CON IL TAGLIO DEI VITALIZI DEI PARLAMENTARI

Con il superamento dei vitalizi dei parlamentari si risparmierebbero circa 40 milioni di euro.

“La proposta che ho presentato prevede il ricalcolo secondo il metodo contributivo dell’attuale sistema di assegni erogati dalla Camera agli ex parlamentari – ha spiegato su Fb il presidente della Camera Roberto Fico-. Parliamo di 1.338 vitalizi che saranno tagliati: per la maggioranza dei casi dal 40 al 60%”.

Il totale dei vitalizi erogati dalla Camera ammonta a 1.405. Come annunciato da Fico, 1.338 saranno ricalcolati e dunque abbassati mentre gli altri 67 non verranno ritoccati. I 67 riguardano i deputati che hanno versato contributi per 4-5 legislature.

“Per costruire questa proposta – ha sottolineato la terza carica dello Stato – abbiamo collaborato con Inps e Istat, in modo da definire il ricalcolo secondo il metodo contributivo nel modo più preciso: gli ex parlamentari riceveranno quanto hanno versato. In questo modo eliminiamo un’ingiustizia. Non solo, dal ricalcolo dei vitalizi potremo risparmiare circa 40 milioni di euro all’anno. Significa 200 milioni di euro a legislatura”.

“Con la riunione di oggi – ha rimarcato Fico – la delibera è stata incardinata. Si procederà adesso all’esame da parte dei membri dell’Ufficio di Presidenza che potranno presentare proposte di modifica entro il prossimo 5 luglio. Poi si passerà alla votazione”. “Questo – ha aggiunto il presidente della Camera – è un ulteriore passo per il superamento definitivo dei privilegi. Un lavoro che continueremo a portare avanti anche su altri temi qui a Montecitorio e su cui vi aggiornerò costantemente”.

Tra le misure è previsto anche un tetto minimo di 980 euro al mese. “L’ammontare dei trattamenti previdenziali rideterminati ai sensi della presente deliberazione – ha spiegato Fico in Ufficio di Presidenza -non può comunque essere inferiore all’importo del trattamento previdenziale maturato da un deputato che abbia svolto il mandato parlamentare nella sola XVII legislatura e che abbia maturato il diritto al compimento del sessantacinquesimo anno età, corrispondente a 980 euro netti mensili. Nel caso cui la rideterminazione del trattamento secondo la proposta di deliberazione sia superiore al 50 per cento di quello in godimento, il limite minimo è aumentato a 1.470 euro”.

QUANDO ENTRERANNO IN VIGORE I TAGLI? – Le nuove norme entreranno in vigore a partire dal primo novembre prossimo, mentre il termine per la presentazione degli emendamenti è stato fissato al 5 luglio. La discussione avrà luogo nella settimana successiva.

“A decorrere dal primo novembre 2018 – si legge nel testo della delibera – gli importi degli assegni vitalizi, diretti e di reversibilità, e delle quote di assegno vitalizio dei trattamenti previdenziali pro rata, diretti e di reversibilità, maturati, sulla base della normativa vigente, alla data del 31 dicembre 2011, sono rideterminati secondo le modalità previste dalla presente deliberazione” .

“La prerogativa della Camera – si legge ancora – di disciplinare la materia dei trattamenti previdenziali dei deputati cessati dal mandato attraverso deliberazioni adottate nell’esercizio dell’autonomia normativa ad essa attribuita dalla Costituzione, ai sensi dall’articolo 64 della carta costituzionale risulta del tutto non controversa e pienamente conforme all’assetto dell’ordinamento giuridico-costituzionale”.

LE REAZIONI – Il taglio dei vitalizi riempie d’orgoglio sia il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, sia il ministro dei Rapporti col Parlamento, Riccardo Fraccaro, da sempre impegnati in prima linea sulla partita vitalizi. “Iniziamo a togliere un privilegio insopportabile – ha sottolineato il vicepremier – il vitalizio degli ex parlamentari. Lo abbiamo detto e lo stiamo facendo” ha detto, annunciando che i prossimi a finire nella tagliola “saranno i pensionati d’oro”. “L’era dei privilegi – ha scandito – è finita”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, Fraccaro. E’ la volta buona per la fine dei vitalizi? “Deve esserlo, ogni promessa è un debito” ha detto ai microfoni di ‘Circo Massimo’ su Radio Capital. Roberto Fico presenta il taglio dei vitalizi “in ufficio di presidenza, dove sono stati istituiti”, ha rimarcato Fraccaro, ossia “in una stanza chiusa e non alla luce del sole, e noi in quella stessa stanza chiusa li aboliremo”. Per il ministro è un risultato “oltre che economico, visto che produrrà risparmi per milioni di euro, anche simbolico: l’era dei privilegi è davvero finita”.

POTREBBE INTERESSARTI

NON CI RIMANE CHE SPERARE NEL DOPO D’AMORE, DI SILVIO CARCATERRA

Redazione-

LACCO AMENO. DAL 27 MAGGIO AL VIA “LACCO AMENO IN FIORE 2022”

Redazione-

GDF NAPOLI. SEQUESTRATI TRA CAMPANIA E ABRUZZO BENI PER 6,5 MILIONI DI EURO A IMPRENDITORE EDILE

Redazione-

GDF.RAFFORZATA LA COLLABORAZIONE CON IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LE PERSONE SCOMPARSE

Redazione-

NAPOLI. PREMIO ELSA MORANTE AL SINDACO DI PROCIDA DINO AMBROSINO (SERVIZIO TV)

Redazione-