Teleischia
Sport

ISCHIA: UN POKER CHE SBANCA L’AVERSA NORMANNA

Che partita, che squadra che spettacolo, oggi al Mazzella! L’Ischia ipoteca la salvezza. All’Aversa Normanna  serve ora l’impresa impossibile per ottenere quanto bruciato oggi in casa gialloblu. L’Ischia doveva vincere e lo ha fatto esagerando: un 4-1 che è un sigillo quasi definitivo, costruito con una prestazione quasi perfetta e tante altre palle goal non finalizzate.
La prossima settimana al Bisceglia bisognerà stare solo attenti a non rovinare tutto.
Una gara fantastica resa ancora più indimenticabile dal continuo sostegno del calorosissimo tifo ischitano, mai in silenzio e sempre pronto ad incoraggiare la squadra: uno spettacolo a margine dello spettacolo del rettangolo di gioco, con coreografie e cori apprezzatissimi.

La gara:
L’Ischia parte subito forte e già chiude la pratica nel primo tempo, col risultato di 3-0.
I primi segnali di un pomeriggio con il dominio dei colori gialloblu si sono avuti al primo calcio piazzato battuto dall’Ischia: difesa dell’Aversa immobile sul traversone di Millesi con Sirignano che sbuca sul secondo palo e di testa mette in rete…
La compagine Normanna sbanda contro l’Ischia che sembra una macchina da guerra.
Lagomarsini evita il raddoppio al 20’ respingendo un colpo di testa di Infantino sulla linea di porta. Ma il portiere degli ospiti diviene complice del goal di Millesi: punizione da circa  trenta metri, la palla rimbalza e finisce in rete mentre goffamente Lagomarsini cade a terra.
Alla mezz’ora è 2-0.
Il tris servito dieci minuti più tardi, ancora dagli sviluppi di calcio d’angolo battuto da Millesi.
Sirignano nuovamente in area controlla il pallone, calcia di sinistro rasoterra e firma la sua personale doppietta.
Marra prova a scuotere i suoi passando al 4-2-4 già prima dell’intervallo (dentro De Vena).
Nella ripresa avrebbe anche la possibilità di accorciare le distanze, ma al 5’ Giordano si supera sulla rovesciata acrobatica dell’attaccante appena entrato. Poi Capua perde la testa, si becca due gialli in un minuto e lascia i suoi in dieci.
Nonostante ciò, l’Aversa ha un’altra opportunità: Mosciaro colpisce il palo al 24’ su assist di De Vena. Al 26’, altra espulsione.
Balzano si fa espellere per una testata rifilata ad Armeno, che lo accompagna fuori per un doppio giallo.
Al 38’ un tiro-cross di Mosciaro, supera tutti e viene deviato nella propria porta da Finizio: è il 3-1.
Ma Chiavazzo qualche minuto dopo sistema ogni cosa è lui a realizzare la quarta rete dell’Ischia.
Il suo tiro a pallonetto supera Lagomarsini e bacia la traversa, battendo entro la linea  bianca. Il guardalinee assegna il goal.
L’Ischia ha vinto e probabilmente ha già definito la pratica play out al Mazzella.
Il pubblico in piedi applaude i suoi eroi, che oggi hanno giocato da veri campioni.

IL TABELLINO

ISCHIA (4-3-1-2): Giordano; Finizio,  Impagliazzo, Sirignano, Bruno; Bulevardi (31′ st Chiavazzo), Massimo, Armeno; Millesi; Infantino, Schetter (22′ st Bacio Terracino). A disp.: Mennella, Bassini, Verachi, Gerevini, Alvino. All.: Maurizi 

AVERSA (4-3-3): Lagomarsini; Balzano, Esposito, Magliocchetti, Viglietti; Capua, Geroni, Giannattasio (42′ pt De Vena); Mangiacasale, Personè (16′ st D’Attilio), Sassano (8′ st Mosciaro). A disp.: Despucches, Scognamillo, Amelio, De Luca. All.: Marra 

ARBITRO: Giovani di Grosseto

RETI: pt 6’ e 39′ Sirignano, 29′ Millesi; st 38′ aut. Finizio, 44′ Chiavazzo

NOTE: spettatori 1000 circa. Espulsi all’11’ st Capua e al 26′ st Balzano. Ammoniti: Armeno, Capua, Magliocchetti, Giordano. Angoli 3-6. Recupero pt 2′, st 3′

POTREBBE INTERESSARTI

ISCHIA. PROMOSSI ALLA CAND GLI ARBITRI ANGELA CAPEZZA E GIOVANNI DI MEGLIO

Redazione-

CALCIO. IL REAL FORIO PRESENTA LO STAFF TECNICO: MICHELE CASTAGLIUOLO VICE DI GIUSEPPE “BILLONE” MONTI

Redazione-

CASAMICCIOLA. CASTAGNA: “I 4 TRADITORI, MI HANNO FERITO COME POLITICO E COME UOMO” (SERVIZIO TV)

Redazione-

CALCIO. REAL FORIO, PRESENTATO IL NUOVO ORGANIGRAMMA SOCIETARIO: LUIGI AMATO E’ IL NUOVO PRESIDENTE

Redazione-

ISCHIA CALCIO, AL LAVORO ANCHE IL DIRETTORE SPORTIVO MARIO LUBRANO

Redazione-