Teleischia
Attualità News

PROCIDA, ABOLIZIONE TASSA DI SBARCO PER I RESIDENTI, MENICO SCALA: ” ABBIAMO PERSO UNA BATTAGLIA MA NON LA GUERRA”

E’ aperta, a Procida, la questione relativa all’eliminazione della tassa di sbarco per i “Figli di Procida”. In alternativa all’imposta di soggiorno, infatti, i Comuni con sede nelle isole minori o nel cui territorio insistono isole minori posso imporre una tassa di sbarco che viene riscossa insieme al prezzo del biglietto da parte delle compagnie di navigazione che forniscono i collegamenti di linea.La tassa di applica a tutti gli utenti del servizio di trasporto marittimo, ma Il Consigliere Comunale e Commissario di Forza Italia Isola di Procida, Menico Scala, in  un comunicato stampa esprime la propria posizione nel tentativo di esonerare i residenti dal tributo.

C.S.”In questi giorni, in Consiglio Comunale, con il nostro voto contrario, è stato approvato il bilancio di previsione nel quale, tra le altre cose, il Sindaco Ambrosino e la sua maggioranza, venendo meno ad un impegno preso nei mesi scorsi, non ha emendato l’abolizione della tassa di sbarco per i “figli di Procida” ovvero per i Procidani che, per motivo di studio e lavoro, sono dovuti emigrare fuori dall’Isola.

Evidente che non saranno due euro in più o in meno a far fallire il Comune di Procida così come non renderanno oltremodo precari i bilanci familiari dei procidani fuorisede, ma è altrettanto evidente che è una questione di principio e non solo.

Eliminare la tassa di sbarco per questa fetta di procidani significa, in primo luogo, mantenere con loro un legame stretto con le radici storiche, culturali e con gli affetti che, soprattutto per chi deve lasciare l’isola, rappresentano un fattore di non poco conto; poi, pensiamo che i procidani all’estero, con la loro evidente “sindrome di Ulisse”, siano i primi promotori e “megafoni” positivi della nostra isola rappresentando, tutti, dei veri e propri ambasciatori di Procida in Italia e nel Mondo.

E’ vero, come sostiene il Sindaco, che “quelli di prima” avrebbero potuto prendere una decisione in tal senso, certo che lui non ha mai speso alcuna parola nei suoi lunghi anni in cui è stato seduto, in minoranza, tra i banchi del Consiglio Comunale. Resta il fatto che tutto cambia e si evolve e perseverare oggi in situazioni che potevano essere affrontate prima significa portare avanti la politica miope del dispetto e della ripicca che danneggia esclusivamente i cittadini.

Per quanto ci riguarda il 2 Giugno del 2020, all’alba di una NUOVA PROCIDA, eliminare la tassa di sbarco per i “figli di Procida” sarà la prima delibera che la nuova Giunta Comunale formalizzerà.”

POTREBBE INTERESSARTI

SANITA’. L’APPELLO DEL CUDAS A RIATTIVARE LE ATTIVITA’ OSPEDALIERE SOSPESE

Redazione-

L’APPELLO DI GENNARO SAVIO AI CITTADINI DI ISCHIA E DELL’INTERA ISOLA: “CHI VUOLE DARMI UNA MANO MI CONTATTI”

Redazione-

PROCIDA. TRAGEDIA SFIORATA AL PORTO, INCIDENTE TRA UN’AUTO E DUE PEDONI

Redazione

CORONAVIRUS. DATI NAZIONALI 17 MAGGIO, NUOVI CONTAGI 30.408 E 318 LE TERAPIE INTENSIVE

Redazione-

VIOLENZA E DISAGIO GIOVANILE. COMITATO PER L’ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA IN PREFETTURA

Redazione-