Teleischia
Senza categoria

Procida: Il Crocifisso svelato

Questo è un atto dovuto. Bisogna chiedere scusa alla sig.ra Carmela che ha seguito il restauro del Crocifisso a Marina Grande ricevendo critiche feroci. Tutto nacque molto tempo fa quando segnalammo, anche dalle pagine di questo giornale, le pietose condizioni in cui versava il monumento tanto caro all’indimenticabile “Bebé” che, dal suo balconcino, sorvegliava il crocifisso. Fummo duri nei confronti del parroco, l’enigmatico Don Giovanni Costagliola, non particolarmente abile nelle pubbliche relazioni. Poi il restauro partì grazie alla disponibilità dei Fratelli Frantellizzi i quali, a prezzo di costo, si fecero avanti pur di avere l’onore di eseguire i lavori. Di seguito intervenne la Sovrintendenza, con le sue lungaggini, e finalmente il restauro partì sul progetto seguito dallo studio dell’arch. Luigi Calabrese con la collaborazione degli architetti Retaggio e Sichenze, piano piano si cominciò ad intravedere la sagoma della struttura e le critiche non sono mancate, in modo particolare attraverso i social media, paragonandola alle cose più strane (bara, aquilone, etc.).

Esagerato! Bisognava aspettare. Ora che l’opera è terminata possiamo dire che il Crocifisso di Sancio Cattolico è, finalmente, svelato ed è bellissimo. Questo deve far riconoscere a molti lo sbaglio fatto giudicando l’opera quando ancora era incompiuta. Sarà contenta la sig.ra Carmela che, ricevute le critiche, ora può avere un plauso anche da Francesco Marino.

 di Francesco Marino