Teleischia
Appuntamenti

VENERDI’ E SABATO LA QUINTA EDIZIONE DELLA “SCUOLA, SCIENZA E SOCIETA'”

Si terrà a partire da venerdì 27 marzo la quinta edizione della Scuola Scienza e Società curata da Pietro Greco ed organizzata dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, dal Circolo Sadoul e dal Liceo Statale di Ischia. Il tema di quest’anno è “I grandi scienziati nell’Isola Verde: Anton Dohrn, Charles Lyell, Marie Curie, Vito Volterra, Alfred Rittman e Giuseppe Mercalli”. La prima sessione (venerdì 27 dalle 9.00 alle 13) si svolgerà presso il centro Polifunzionale di Ischia (adiacente al Liceo). Le altre sessioni (venerdì 15.00-19.00 e sabato dalle 9.00 alle 18.00 con intervallo di un ora) si terranno presso la biblioteca Antoniana. Per i partecipanti sono previsti attestati  per i crediti scolastici. 

Di seguito il programma dettagliato della due giorni.

Venerdì 27
mattina
AUDITORIUM DEL POLIFUNZIONALE ISCHIA
Ore 9-10  “Forma e funzione nel pensiero evoluzionistico e artistico di Anton Dohrn”
Relatore: Bernardino Fantini
Professore emerito di storia della medicina dell’università di Ginevra.
Ha diretto l’Institut d’Histoire de la Médecine et de la Santé di Ginevra, il più grande centro di storia della medicina d’Europa.
Ha conseguito nel 1974 la laurea in chimica presso l’Università di Roma La Sapienza e un Dottorato in Storia e Filosofia della Scienza e della Medicina all’EPHE-Sorbonne di Parigi nel 1992. Dal 1990 vive in Svizzera.
È Editor-in-Chief della rivista History and Philosophy of the Life Sciences e condirettore della rivista Medicina & Storia. I suoi temi principali di ricerca sono la storia della genetica e della biologia molecolare, la storia della microbiologia e delle malattie infettive, l’epistemologia della biologia e della medicina.
Ha studiato la vita e l’opera di Anton Dohrn.
10-11 “Charles Darwin e Charles Lyell”
Relatore: Guido Chiesura
Si laurea in Scienze Geologiche a Milano nel 1958 con il Prof. Ardito Desio. Si occupa da anni della diffusione delle opere geologiche di Charles Darwin. Ha scritto “Charles Darwin, Geologo” e ha tradotto per la prima volta in italiano le tre opere geologiche del naturalista inglese: Barriere coralline, Osservazioni geologiche sulle isole vulcaniche e Osservazioni geologiche sul Sud America (entrambi pubblicati da Hevelius, nel 2002 e nel 2004). Ha scritto un Ebook, “Isole di Darwin”, leggibile e scaricabile da www.darwingeologo.com. Ha trascritto dall’originale il manoscritto di Darwin su Santiago di Capoverde:
http://darwin-nline.org.uk/content/frameset?viewtype=side&itemID=CUL-DA… Ha organizzato due missioni geologiche a Santiago di Capoverde.
Ore 11-12 “L’evoluzione per lettera. Darwin, Huxley, Dohrn”
Relatore: Salvo Vasta
Salvatore Vasta è ricercatore di Storia della filosofia presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Catania. I suoi studi hanno come focus di interesse il rapporto tra filosofia e scienza nell’ottocento e nel novecento. In particolar modo si è soffermato su temi relativi alla metodologia del positivismo in ambito naturalistico nel suo rapporto con le questioni relative alla ricerca storica, la tradizione evoluzionistica italiana tra ottocento e novecento, l’epistemologia naturalizzata novecentesca.Si sta occupando attualmente della tradizione evoluzionista inglese con particolare riferimento al pensiero di T.H. Huxley.
Ore 12-13 “La stazione Zoologica e il futuro della biologia marina, oggi”
Relatore: Adrianna Ianora
Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli.
I suoi interessi di ricerca sono nel campo dell’ecologia chimica delle microalghe ed ecologia, riproduzione, sviluppo, nutrizione e fisiologia dei copepodi. Il suo laboratorio è particolarmente interessato ad un approccio integrato applicato allo studio delle interazioni pianta-erbivoro e preda-predatore nelle comunità planctoniche marine, e sulla comprensione del ruolo delle difese chimiche nel mediare interazioni biotiche. Il suo gruppo è stato il primo a scoprire che le diatomee producono composti anti-proliferativi (aldeidi insature e altre ossilipine) che potenzialmente sabotano le future generazioni di copepodi inducendo aborti, difetti di nascita e tassi di sviluppo lento. Attualmente sta analizzando dinoflagellati e altri gruppi di microalghe per la presenza di nuovi composti anti-proliferativi ed esplorando le possibili applicazioni biotecnologiche, come quella farmaceutica, dei metaboliti secondari prodotti dalle microalghe.
Progetti correnti: 1. Indagini sugli effetti delle diatomee sulla riproduzione dei copepodi; 2. Biotecnologie marine: Ricerca di nuovi farmaci

 

Venerdì 27 pomeriggio
BIBLIOTECA ANTONIANA ISCHIA
Ore 15-16 “La diversità degli italiani, tra cultura e geni”
Relatore: Giovanni Destro Bisol
Insegna Antropologia e Biodiversità umana presso la Facoltà di Scienze dell’Università di Roma “La Sapienza”. I suoi interessi di ricerca riguardano l’effetto dei fattori ambientali e socio-culturali sulla struttura genetica delle popolazioni umane in differenti contesti geografici. Dal 2004 dirige l’Istituto Italiano di Antropologia www.isita-org.com e la Rivista Journal of Anthropological Sciences. E’ Associate Editor di BMC Evolutionary Biology e fa parte dell’Editorial Board di Human Biology. Nel 2003 ha vinto il premio internazionale per l’Antropologia Fisica “Fabio Frassetto”, bandito dall’Accademia Nazionale dei Lincei.
Ore 16-17 “Evoluzione della statura: fattori endogeni ed esogeni”
Relatore: Marica Danubio
Insegna Antropologia all’Università dell’Aquila. I suoi interessi di ricerca riguardano lo studio degli indicatori bioantropologici per la valutazione degli aspetti biologici e culturali delle popolazioni umane nel loro ambiente. La sue ricerche riguardano in particolare gli andamenti secolari delle variabili biologiche e il loro contributo alla comprensione dei processi di lungo termine dell’isolamento geografico e culturale. È molto interessata alla discussione sulla condivisione dei dati antropometrici.
Ore 17-18 “Evoluzione e democrazia”
Relatore: Fabrizio Rufo
Docente di Bioetica presso i corsi di Scienze Biologiche e Biotecnologie Agro-industriali della Facoltà di Scienze M.F.N della Sapienza Università di Roma. Ha seguito corsi di perfezionamento e specializzazione in: Bioetica; History of Biomedical Sciences; Epidemiologia e statistica sanitaria; Filosofia e storia della biologia e della medicina; Laboratorio di cellule e genomi; Philosophie de la Personne, Phènoménologie, Epistèmologie, Ethique, tra l’anno 1997 e l’anno 2005, presso la Sapienza Università di Roma, l’Università di Ginevra, l’Università di Pavia. Nel 2000 ha vinto il Premio nazionale per la saggistica “Michelangelo Notarianni” con un lavoro intitolato La bioetica nel nuovo welfare; dal 2005 al 2009 è stato consulente presso il Parlamento Europeo. Ha svolto attività di ricerca nell’ambito di diversi progetti nazionali e internazionali, tra i quali una visiting fellowship presso il Centre for Philosophy of Natural and Social Science della London School of Economics and Political Sciente. Collabora con il Centre for Historical Research on Public Health dell’OMS di Ginevra e con il Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità; è membro del direttivo dell’Istituto Italiano di Antropologia
Ore 18-19 “La Stazione Zoologica e il “miracolo napoletano”
Relatore: Pietro Greco
Circolo Georges Sadoul di Ischia
Giornalista scientifico e scrittore.

Sabato 28 mattina
BIBLIOTECA ANTONIANA ISCHIA
Ore 9-10 “La biodiversità nel Mediterraneo”
Relatore: Maria Cristina Buia
Stazione Zoologica Anton Dohrn, Ischia
Interesse scientifico: ecologia dei sistemi vegetati marini. Le principali ricerche riguardano gli adattamenti (a diverse scale spaziali e temporali) delle fanerogame e delle alghe bentoniche a variazioni ambientali naturali e climatiche. Negli ultimi anni sono iniziate ricerche volte a valutare gli effetti dell’acidificazione e la qualità degli habitat costieri superficiali.
Ore 10-11 “Cambiamenti climatici e acidificazione dei mari: una prospettiva dal Golfo di Napoli”
Relatore: Maria Cristina Gambi
Stazione Zoologica Anton Dohrn, Ischia
Interessi scientifici: Ecologia e biologia evolutiva dei policheti bentonici in rapporto a fattori ecologici e cambiamenti climatici (acidificazione, temperatura, specie aliene).
Le ricerche, che sono svolte presso la sede distaccata di Villa Dohrn ad Ischia, sono focalizzate allo studio di diversi aspetti di biologia evolutiva, ecologia ed eco-fisiologia di alcune famiglie e specie modello di policheti – e dei popolamenti bentonici ad invertebrati con cui questi organismi si accompagnano – associati ai sistemi vegetati costieri del Mediterraneo, soprattutto fondi duri superficiali e praterie di fanerogame marine
Ore 11-12 “Charles Lyell nel Golfo di Napoli”
Relatore: Giuseppe Lungo
Professore Emerito di Geofisica all’Università di Napoli Federico II dal 1° novembre 2010, è stato presso la medesima università Professore Incaricato in Fisica del Vulcanismo dal 1o novembre 1971 al 31 ottobre 1980, Professore Straordinario dal 1o novembre 1980 al 31 ottobre 1983 ed Ordinario dal 1° novembre 1983 al 31 ottobre 2010. Ha ricoperto per supplenza o affidamento gli insegnamenti di Topografia e Cartografia, Fisica Terrestre, Sismologia, Sismica Applicata, Geofisica Generale, Geofisica della Terra
Solida, Geofisica Applicata, Geodinamica. Ha insegnato nella Facoltà di Scienze Ambientali della Seconda Università di Napoli come professore incaricato di Fisica Terrestre dall’anno accademico 1995/96 all’anno accademico 1997/98. Ha tenuto il corso tele impartito di Geochimica e Vulcanologia per il Consorzio Interuniversitario Nettuno nel corso di Diploma universitario per Operatori di Beni Culturali.
E’ stato direttore dell’Osservatorio Vesuviano.
Ore 12-13 “Marie Curie e Alfred Rittman”
Relatore: Paolo Gasparini
Professore di Geofisica dell’Università Federico II di Napoli e presidente di AMRA. Ha diretto L’istituto di Scienze della Terra dell’Università di Napoli ed è stato Direttore dell’Osservatorio vulcanologico vesuviano. Si è laureato in Scienze Geologiche con una tesi sulla “Radioattività dell’Isola d’Ischia”.

Sabato 28 pomeriggio
BIBLIOTECA ANTONIANA ISCHIA
Ore 14-15 “Maria Curie e la fisica d’inizio Novecento”
Relatore: Gianni Battimelli
Storico della fisica. Docente presso il Dipartimento di Fisica dell’Università “La Sapienza” di Roma. Le sue ricerche si sono svolte nel campo della storia della Fisica e, in modo particolare, della storia delle istituzioni scientifiche e degli sviluppi della Fisica italiana del Novecento. E’ autore del volume L’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Storia di una comunità di ricerca (con M. De Maria e G. Paoloni) e L’eredità di Fermi. Storia fotografica dal 1927 al 1959 dagli archivi di Edoardo Amaldi. Ha curato la raccolta, conservazione e inventariazione degli archivi personali di rilevanti figure della fisica italiana
Ore 15-16 “Vito Volterra”
Relatore: Angelo Guerraggio
Storico della matematica. E’ docente presso l’Università Bocconi di Milano e presso l’Università dell’Insubria di Varese. Si occupa di ottimizzazione e di Storia della matematica. Coordinatore del PRISTEM, è anche condirettore di “Lettera Matematica PRISTEM”. Ha recentemente pubblicato i volumi “L’Italia degli scienziati” (con P. Nastasi) (Bruno Mondadori, 2010) e “15 grandi idee matematiche” (Bruno Mondadori, 2013).
Ore 16-17 “Giuseppe Mercalli”
Relatore: Elena Cubellis
Ricercatrice dell’Osservatorio Vesuviano – Sezione di Napoli dell’ Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).
Svolge attività di ricerca nei settori della modellazione dei processi dinamici e della sismicità storica e attuale in aree vulcaniche e sismogenetiche dell’Italia Meridionale, finalizzata all’analisi della pericolosità e dei processi di liberazione e propagazione dell’energia sismica
Ore 17-18 “I terremoti prodotti dall uomo analisi e gestione del rischio da sismicità indotta”.
Relatore: Tony Alfredo Stabile
Assegnista di ricerca dell’Istituto di Metodologie per l’Analisi Ambientale (Consiglio Nazionale delle Ricerche). Si è laureato in Fisica presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II e ha conseguito il dottorato di ricerca in Geofisica presso l’Università di Bologna “Alma Mater Studiorum”. Si occupa dell’analisi e modellazione della sorgente sismica dello studio dei processi fisici coinvolti nei meccanismi di attivazione e di clustering della sismicità naturale e di quella indotta dalle attività antropiche. È membro del Comitato Scientifico sulla sismicità indotta costituito dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) presso ISPRA.

 

POTREBBE INTERESSARTI

ISCHIA. LA MORTELLA: NEL WEEK END LE BRILLANTI TARANTELLE CON IL PIANISTA TYLER HAY

Redazione-

NAPOLI. AL SUOR ORSOLA LA CONFERENZA “L’UNIVERSITA’ PER L’EUROPA”

Redazione-

ISCHIA. L’8 E IL 9 OTTOBRE L’EVENTO “ITALIAN OPEN WATER TOUR ISCHIA” NELLE ACQUE DEL NOSTRO MARE

Redazione-

PROCIDA. AMBROSINO “CON ECCELLENZE CAMPANE A VILLA LAVINIA PROCIDA TORNA AI FASTI DEL PASSATO”:

Redazione-

PROCIDA. OGGI PRESENTAZIONE DEL “QUADERNO DI APPUNTI PER UNA BUONA ACCOGLIENZA”

Redazione-