Teleischia
Senza categoria

ELEGIA IN BIANCO E NERO, MOSTRA FOTOGRAFICA DI GINO DI MEGLIO

E’ stata inaugurata presso la Torre Guevara di Ischia una mostra personale fotografica dell’avvocato Gino di Meglio dal titolo “ Elegia in bianco e nero”.
Si tratta di una selezione di stampe argentiche ed alla gomma bicromatata dall’indubbio valore artistico che peraltro dialogano splendidamente con le sale affrescate della torre.
Si tratta soprattutto di nature morte i cui protagonisti sono fiori in punto di disfacimento e contenitori di vetro, questi ultimi dagli ammalianti riflessi di luce che l’obiettivo di Gino di Meglio riesce a fermare in tutto il fulgore, così come altrettanto puntuale è la resa materica e sensuale dei dei petali, delle foglie, degli steli dei fiori.
Una fotografia che riesce a trasmettere all’osservatore una tattilità virtuale attraverso le infinite sfumature di bianco e di nero.
Ma non è tutto.
Sono immagini lievi quelle in mostra, eppure cariche di significati simbolici.
Nel giocare con i due poli – solo apparentemente opposti – della vita e della morte, l’avvocato fotografo si diverte a capovolgerne i valori: ecco che i vasi di vetro, trapassano dallo status di materia inanimata ad una dimensione vitalissima in contrasto con i fiori che sembrano invece oggetti, o forse meglio già quasi fantasmi di se stessi, privi come sono di qualunque resistenza alla morte imminente.

E così anche le geometrie sono in contrappunto: duri e spigolosi i vetri e i loro riflessi, curvi e sinuosi gli steli in caduta libera, rotondi ed evanescenti i fiori di tarassarco, pronti a volare via.
Eppoi c’è una foto che svela il disinganno del tempus omnia vincit. Questa foto ritrae un’umile cipolla che racchiude in sé l’intero ciclo biologico della natura: dal corpo quasi decomposto dell’ortaggio figlia un’erezione di germogli. Il maestro Arnaldo Pomodoro che ha visitato la mostra di Gino di Meglio si è soffermato a lungo su di essa.

La mostra resterà aperta fino al 20 maggio ed è visitabile tutti i giorni dalle 9,30 – 14,00 / 16,30 – 19,30