Teleischia
Senza categoria

CAOS TRASPORTI ISCHIA: CATEGORIE PRONTE PER UN NUOVO INCONTRO CON I SINDACI

L’incontro dello scorso 20 febbraio al Calise di Ischia con i Sindaci, raggiunti con espresso invito protocollato a tutte le sedi comunali da parte del “Comitato Mobilità” e con folta partecipazione di tantissime categorie,istituzioni scolastiche e associazioni oltre un nutrito gruppo di cittadini ha visto la presenza del primo cittadino di Casamicciola e dell’assessore Giuseppe Di Maio per il Comune di Forio a cui bisogna aggiungere le scuse inviate dal Sindaco Ing. Caruso di Serrara , giunte in sala durante il vivo ma ordinato dibattito. “Ci rivedremo — concluse il Sindaco G.B. Castagna— ma voglio delle proposte, e voglio essere anche più preparato sulla materia che dovrò affrontare in sede regionale, sono pronto ad un nuovo confronto con tutte le categorie che oggi sono qui” e la stessa disponibilità era stata dichiarata dallo stesso assessore del Comune del torrione. Sta di fatto che in queste due settimane frequenti incontri si sono succeduti tra le categorie presenti quel venerdì alla sala conferenze del Calise concertando un tavolo di lavoro da quale sono scaturiti alcuni suggerimenti e alcune proposte che si vogliono avanzare ai Sindaci e ai quali si chiede comunque, in primis, di vederli schierati in prima fila per difendere il diritto alla mobilità e alla continuità territoriale dei cittadini. Alcune proposte saranno esposte sulla situazione dei trasporti terrestri, quindi Eav bus, atte a fronteggiare la situazione di forte criticità della società di autotrasporti che, ridotta a pochissimi autobus, penalizza fortemente i tanti studenti e insegnanti pendolari,nonché una categoria particolarmente debole e cioè quella degli anziani. Proposte sono anche pronte sul fronte dei trasporti marittimi, ed in particolare sullo spostamento di una tratta e anche di miglioramento orario, che si porteranno in sede regionale, viste le tante corse di collegamento che dalla compagnia Caremar , proprio in questi ultimi giorni sono state sottratte all’utenza che quotidianamente deve raggiungere la terraferma. Ovviamente ci si batterà, e qui l’invito forte ai sindaci, per poter ottenere almeno un’altra unità di navigazione per tutto il periodo di mancanza delle due navi della Compagnia pubblica che hanno già lasciato l’isola per inderogabili interventi di manutenzione. Il foglio di lavoro ,ricondotto in alcuni chiari e precisi punti è stato completato in ogni particolare e la disponibilità del Sindaco di Casamicciola è già arrivata, come quella dell’assessore ai trasporti Vito Manzi per Forio ed anche dal Comune capoluogo dell’isola arrivano segnali rassicuranti per l’incontro. Nella giornata di domani è prevista un’accelerazione verso i Sindaci dei Comuni “più alti”, purtroppo molto impegnati negli scorsi giorni per la frana che ha diviso l’isola in due tronconi con enormi disagi sul territorio. L’invito a partecipare anche presso il Sindaco dell’isola di Procida, su cui è presente una situazione analoga in tema di trasporti. L’incontro, stavolta in una sede istituzionale, è sicuramente atteso, proprio mentre il mondo scuola ha già protocollato venerdì scorso un’istanza presso tutte le sedi Istituzionali, compresi gli stessi comuni dell’isola circa l’impossibilità di raggiungere gli Istituti in orario con i mezzi pubblici che letteralmente mancano sull’isola e ciò con grave pregiudizio per il diritto allo studio così fortemente sancito dalla Carta Costituzionale. L’amara e avvilente visione che si ha attualmente di Ischia, bellissima per le sue bellezze naturali è quella di un’isola servita da pochissimi autobus, tra l’altro malconci che lasciano aspettare sulle fermate anche prive di pensiline per un tempo indeterminato studenti, lavoratori e professionisti pendolari, turisti sbigottiti e, vergogna indicibile, anche le persone anziane. Un’isola che vive con sofferenza atroce il taglio di ben sette corse di collegamento da parte della compagnia di pubblico servizio per due navi fuori uso e con avanti il grande appuntamento di un inizio di stagione turistica tra meno di quindici giorni, stagione che sembra sia programmata soltanto su di uno slogan tipico della più classica e genuina napolineanità “ a vita s’adda piglià comm vene…” senza però considerare che il turismo, o meglio vivere di turismo è ben altra cosa, così come mantenere occupazione stabile almeno per sei mesi di ogni anno. Una eventuale altra mancanza di interlocuzione da parte dei Sindaci, nuovamente interpellati da tutte le categorie su problematiche così gravi e avvertite in ogni strato sociale, potrebbe comportare e a breve, una nuova grande mobilitazione di protesta, ancora più eclatante di quella dello scorso 29 novembre che da Casamicciola giunse fino ad Ischia con cortei e striscioni. C.S.